` Il gruppo di produttori europei sostiene ulteriori test e modifiche all'etichettatura - Olive Oil Times

Il gruppo dei produttori europei appoggia più test, modifiche all'etichettatura

Novembre 20, 2012
Julie Butler

Notizie recenti

Misure antifrode più severe e requisiti di etichettatura sono stati supportati dai produttori europei di olio d'oliva in una riunione a Bruxelles lo scorso giovedì, secondo Eduardo Martín, segretario generale a Siviglia dell'unione agricola spagnola Asaja.

Martín, che ha partecipato alla riunione della Copa-Cogeca della federazione europea degli agricoltori, ha affermato che i produttori hanno preso in considerazione vari cambiamenti che la Commissione europea ha esaminato come parte della sua promessa piano d'azione per l'olio d'oliva.

Ha detto Olive Oil Times che tra le altre idee sostenute dai produttori sono: la necessità di utilizzare solo bottiglie non riutilizzabili olio d'oliva in bar e ristoranti; che le date di scadenza - ma non necessariamente l'anno del raccolto - compaiono sulle etichette; e che termini come 'mite 'e 'intenso 'essere bandito da loro.

Misure antifrode

Martín ha affermato che il gruppo di lavoro sull'olio d'oliva del Copa-Cogeca ha sostenuto durante la riunione una proposta avanzata dalla CE per stabilire un numero minimo di test di autenticità dell'olio d'oliva da eseguire ogni anno dagli Stati membri, con una sanzione finanziaria da imporre se questi non vengono eseguiti e l'obbligo di eseguire più test se vengono rilevate anomalie.

Ciò è molto apprezzato dai produttori poiché un aumento dei controlli è considerato essenziale per il mantenimento della qualità, ha affermato.

Etichettatura: migliori prima e date di raccolta

Come precedentemente riportato, la CE lo è considerando varie modifiche ai regolamenti sull'etichettatura, incluso il posizionamento e la dimensione del carattere, come richiedere che i dettagli dell'origine vengano visualizzati nel campo visivo principale e nel carattere di almeno 5mm nel caso di dimensioni di un litro.

Martín ha affermato che i produttori sono favorevoli a standardizzare l'uso delle date migliori per l'imballaggio dell'olio d'oliva, ma non sono così entusiasti di includere l'anno del raccolto. Quest'ultimo avrebbe senso solo per Virgin e olio extra vergine e "non porterebbe né il bene né il male ", ha detto.

Confusione del consumatore finita "mite "e "intenso"

I produttori supportano anche l'eliminazione dell'uso dei termini 'soave '(lieve) e 'intenso '(intenso, forte) sulle etichette. Martín ha detto che confondono i consumatori e sono inutili.

Contenitori di olio d'oliva non ricaricabili in ristoranti, bar

La CE ha inoltre effettuato il galleggiamento rendendo obbligatorio l'uso di imballaggi a senso unico per l'olio d'oliva nei bar e nei ristoranti dell'UE. Martín ha affermato che attualmente è facoltativo per gli stati dell'UE richiederlo e finora solo il Portogallo lo ha fatto.

I produttori vorrebbero vedere la mossa resa obbligatoria in tutta l'UE "in modo da utilizzare solo olio d'oliva correttamente etichettato e in bottiglie non riutilizzabili. "

La CE continua la consultazione sul suo piano d'azione per l'olio d'oliva, i cui aspetti chiave dovrebbero essere votati a dicembre e gennaio.



Related News

Feedback / suggerimenti