`Olio d'oliva spagnolo alla scoperta di altri mondi - Olive Oil Times

Olio di oliva spagnolo che esplora altri mondi

Ottobre 8, 2013
Olivarama

Notizie recenti

europa-spagnolo-olio-oliva-esplorando-altri-mondi-olio-d'oliva-tempi-spagnolo-olio-oliva-esplorando-altri-mondi

Parla già cinese. Anche brasiliano. Il nostro prezioso olio extra vergine di oliva è diventato un esempio di abilità multilingue. E solo perché i suoi benefici sono riconosciuti da quegli abitanti di altri paesi che, piuttosto che condire le loro insalate o abbinarle alle loro ricette, sono interessati a rimanere in salute.

I palati orientali e brasiliani adorano questo gioiello gastronomico e non esitano a collegare le sue origini al nostro paese. Almeno questa è la percezione che OLIVARAMA ha avuto dopo aver visitato la China International Olive Oil Exhibition 2013, a Guangzhou, e SIAL, in Brasile.

L'olio d'oliva spagnolo è attualmente venduto in oltre 140 paesi da tutti e cinque i continenti. La sua fama mondiale è in aumento e, negli ultimi anni, nei mercati emergenti come Cina e Brasile è diventata molto più forte. Ciò è confermato da vari studi condotti da organismi nazionali come la Camera di commercio internazionale spagnola (ICEX) o il Interprofesional del Aceite de Oliva Español, che dimostrano che questo prodotto alimentare è molto apprezzato dai consumatori di entrambi i paesi, principalmente per la sua qualità.

Questa situazione nasce da un'ossessione per la salute che caratterizza sia il popolo cinese che quello brasiliano, che privilegiano i molteplici benefici che offre all'organismo quando acquista questo prodotto.

Secondo le autorità doganali cinesi, fino a giugno il Paese asiatico aveva acquistato 10,302 tonnellate di oli spagnoli, con una crescita del 27.50 per cento rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, nel 2012. Da parte sua, anche le importazioni brasiliane sono cresciute del 18.84 per cento. , a 8,735 tonnellate.

Chiaramente, il Made in Spain sta trionfando oltre i nostri confini. Le vendite del nostro olio sono più che straordinarie. La Spagna è posizionata tra i principali fornitori di oro liquido al mondo eppure questa è ancora una grande sconosciuta tra la maggior parte degli abitanti del paese.

Per questo Olivarama, nel suo giro in varie città del mondo, quest'anno ha fatto tappa in questi paesi per far conoscere il gioiello della nostra gastronomia. Lo scorso giugno abbiamo visitato la China International Olive Oil Exhibition 2013, tenutasi a Guangzhou. Alla fine dello stesso mese, abbiamo partecipato al SIAL Brasile, a San Paolo.

Più conoscenza, più consumo

La Consiglio oleicolo internazionale (CIO) prevede che nella campagna 2012/13 il consumo di olio d'oliva possa aumentare a circa 10,000 tonnellate in Cina (ventesimo nella classifica mondiale del consumo di olio d'oliva e settimo importatore di olio d'oliva in termini di volume); e 70,000 tonnellate in Brasile (il nostro secondo più grande cliente nel continente americano e nono acquirente mondiale di oli nazionali).

Forse lo strumento più efficace per guidare queste cifre è la promozione. Campagne promozionali rivolte al consumatore finale che sottolineano la versatilità di questo ingrediente in cucina, le sue radici culturali, il suo legame con il turismo e, ovviamente, le sue proprietà organolettiche che alla fine aumentano il numero di fan ad altezze insospettate.

Questo è ciò che Olivarama sa di tutto, poiché ovunque vada elogia i raccolti spagnoli, o meglio le vergini extra che sono così amorevolmente prodotte dai produttori nazionali. E lo abbiamo fatto in entrambi i suddetti scenari.

Di enorme fama internazionale, sia l'evento di Guangzhou che quello di Sao Paula proiettano un'immagine molto positiva della futura evoluzione di Dieta mediterranea icona nei rispettivi mercati. Proprio per questo Olivarama ha deciso di impegnarsi maggiormente in entrambe le fiere con l'obiettivo di stimolare l'interesse per i nostri succhi nazionali tra professionisti e consumatori finali.

Due destinazioni, un piacere sensoriale

In Cina, gli abitanti della classe media non usano regolarmente l'olio d'oliva, tranne in casi specifici, sebbene lo percepiscano come un alimento gourmet, per uso cosmetico o addirittura medicinale. In questo paese, la posizione della Spagna come principale produttore di olio d'oliva, gli sforzi significativi compiuti da aziende e istituzioni del settore per promuovere il prodotto e la presenza dominante dell'olio d'oliva sugli scaffali hanno contribuito a rafforzare l'immagine di questo piacere sensoriale.

Secondo l'ICEX, il gigante asiatico costituisce probabilmente il mercato con il maggior potenziale per l'olio d'oliva spagnolo. Così è il Brasile che, con una popolazione di 190 milioni di abitanti e una forte crescita economica, è diventato uno dei mercati prioritari per Oli di oliva spagnoli.

Nel paese amazzonico, i cambiamenti registrati nei gusti dei consumatori negli ultimi anni, così come il maggiore potere d'acquisto della popolazione, hanno favorito l'acquisto di questo alimento sano che è sempre stato presente nella dieta brasiliana grazie all'influenza culturale portoghese.

Entrambi questi territori rappresentano chiaramente importanti opportunità commerciali per le compagnie petrolifere spagnole che, minacciate dalla crescente concorrenza nazionale, costituiscono "mercati vergini ”ancora da esplorare. Perché dobbiamo ricordare che, ad esempio in Cina, in regioni proliferanti come Gansu, Sichuan, Yunnan e Shaanxi stanno già coltivando i propri uliveti.

Cina

La domanda incipiente è principalmente il risultato di un maggiore tenore di vita tra i suoi cittadini, che preferiscono acquistare alimenti più sani rispetto ad altri che sono più dannosi per la salute.

Anche se è vero che il consumo di oli vegetali è ancora significativo, sempre più consumatori stanno introducendo olio d'oliva nella loro dieta quotidiana.

La loro spesa è limitata alle grandi città con un potere d'acquisto medio-alto e gusti squisiti, insieme ad abitudini alimentari con influenze occidentali.

Nonostante i suoi usi culinari siano meglio compresi, è ancora in gran parte sconosciuto. Nelle case questo prodotto non viene utilizzato per il consumo diretto (insalate), ma piuttosto è percepito come ingrediente necessario per la frittura. Gli abitanti di Pechino, Canton e Shanghai sono quelli che preferiscono condire i loro piatti con esso.

La maggior parte delle vendite è registrata nei canali dei supermercati. È anche venduto nel canale HORECA o nei negozi gourmet.

Brasile

Il fattore decisivo nelle abitudini di consumo brasiliane è l'alto prezzo e la mancanza di conoscenza dei suoi usi culinari, poiché la maggior parte lo usa solo per condire insalate, mentre pochissimi lo usano per cucinare o friggere, per esempio.

Comprano oli delicati, che tendono ad essere più dolci, e preferiscono un colore verdastro in quanto lo associano alla qualità.

L'oliva, la vergine e extra vergine le categorie vengono generalmente acquistate. L'uso è limitato, soprattutto, ai periodi pasquali e natalizi per realizzare piatti tipici di merluzzo.

La classe media consuma la maggior parte dei litri, in particolare, gli atleti e coloro che si preoccupano della loro salute poiché la associano a una dieta e uno stile di vita sani.

Geograficamente parlando, i consumi sono concentrati principalmente nel sud-est del paese, con i centri principali a San Paolo e Rio de Janeiro.

Fonte: ICEX

Questo articolo è apparso per la prima volta sulla rivista Olivarama e non è stato curato do olive oil Times.

Related News

Feedback / suggerimenti