`La protesta degli agricoltori ha proposto la legislazione europea sull'etichettatura dell'olio d'oliva

Europa

La protesta degli agricoltori ha proposto la legislazione europea sull'etichettatura dell'olio d'oliva

Marzo 25, 2016
Ylenia Granitto

Notizie recenti

Una massiccia manifestazione di agricoltori ha avuto luogo a Bari (Puglia) contro un disegno di legge dell'UE che è visto come una minaccia per la qualità dei prodotti agroalimentari e la protezione dei consumatori. Migliaia di persone hanno risposto all'appello di Coldiretti, manifestando a bordo di trattori e armati di cartelli anti-UE.

Al centro della protesta c'è la proposta di legge dell'UE che prevede la sostanziale eliminazione del limite di durata di mesi 18 sull'etichetta dell'olio extra vergine di oliva.

La battaglia sull'etichettatura è una questione di competitività per il nostro paese.- Ministro dell'agricoltura Maurizio Martina

Il disegno di legge europeo mira a modificare un articolo, il cosiddetto 'risparmiare olio "oppure 'Legge Mongiello - che recita: "il periodo minimo di conservazione entro il quale gli oli di oliva vergini conservano le loro proprietà specifiche in condizioni di utilizzo adeguate, non può superare i diciotto mesi dalla data di imbottigliamento. "

"Numerosi studi hanno dimostrato che nel tempo l'olio extra vergine di oliva cambia le sue caratteristiche e perde le sue caratteristiche salutari come polifenoli, antiossidanti e vitamine ”, ha dichiarato Coldiretti. "Il tentativo di eliminare la data di scadenza dell'olio d'oliva comporta un rischio di qualità, danneggiando il consumatore ". L'associazione degli agricoltori ha innanzitutto chiesto il mantenimento della durata minima, ma chiede anche "l'introduzione dell'indicazione obbligatoria dell'anno di raccolta sull'etichetta. "

I trattori sfilano durante l'evento promosso da Coldiretti contro il disegno di legge europeo.

"La battaglia sull'etichettatura è una questione di competitività per il nostro Paese ", ha dichiarato Maurizio Martina. Il ministro dell'agricoltura ha aggiunto che la misura discussa dal Parlamento prevede che le parole obbligatorie 'meglio prima "dovrebbe essere incluso nell'etichetta, ma questo termine sarà sotto la responsabilità del produttore.

pubblicità

La seconda questione controversa riguarda una proposta volta a eliminare l'obbligo di fornire un'indicazione più chiara dell'origine del prodotto "con diversa e più evidente rilevanza cromatica ”sull'etichetta, ora obbligatoria per la legge italiana. "Il disegno di legge europeo prevede modifiche peggiorative sull'etichettatura degli oli d'oliva ", ha affermato Coldiretti.

"La soppressione delle misure che prevedono l'indicazione dell'origine delle miscele di oli d'oliva con una rilevanza diversa e più evidente rispetto al colore di sfondo, rispetto alle altre e alle indicazioni e descrizioni, ha l'effetto di mitigare i livelli di protezione dei consumatori ".

La commissione per le politiche dell'UE del Senato sta ora discutendo la misura e il voto è stato rinviato a dopo l'interruzione di Pasqua.


Related News