` A Jaén, 'Conquistare i palati' per ottenere un prezzo equo per l'olio d'oliva - Olive Oil Times

A Jaén, "Conquistare i palati" per ottenere un prezzo equo per l'olio d'oliva

Giu. 19, 2013
Olivarama

Notizie recenti

europa-in-jaen-conquista-palati-per-ottenere-un-prezzo-equo-per-l'olio-d'oliva-tempi-olio-d'oliva-francisco-reyes-martinez

Più cucine l'olio d'oliva conquista nel mondo, più facile sarà ottenere un prezzo equo per questo prodotto. - Francisco Reyes Martinez

Ammirato per il suo potenziale di produzione, tradizionalmente sono state sollevate anche domande sulla qualità degli oli della regione di Jaén. Questa reputazione, forse meritata in passato, è oggi del tutto ingiustificata.

Ne è prova il numero crescente di riconoscimenti che, anno dopo anno, in tutto il mondo, contraddistinguono l'eccellenza dei suoi marchi.

Gli enormi sforzi compiuti dalla sua industria produttrice di olive e olio negli ultimi anni hanno contribuito a questo successo, elevando la qualità al massimo, così come la spinta fornita dal Consiglio della Contea di Jaén.

Dalla sua elezione a presidente del consiglio della contea di Jaén nel giugno del 2011, abbiamo coinciso con lui solo in un piccolo numero di eventi.

Conoscevamo perfettamente la veemenza di Felipe López, il suo predecessore nella carica, nel difendere gli interessi dell'olivo e dell'olio dalla sua terra. Tuttavia, non avevamo ancora avuto la possibilità di fare una bella chiacchierata con Francisco Reyes. E così, con la scusa della malaugurata legislazione che l'Ue avrebbe dovuto mettere in moto nel gennaio 2014, per obbligare il canale HORECA a sostituire le tradizionali ampolle dell'olio con confezioni non ricaricabili ed etichettate, abbiamo deciso di intervistarlo.

Proprio come tutti noi, nel corso della sua vita Francisco Reyes si è anche imbattuto nelle controverse ampolle dell'olio in numerosi bar e ristoranti in tutto il nostro paese. Una pratica che, ai suoi occhi, "mina il prestigio degli oli di qualità utilizzando destinatari che non rendono loro giustizia ".

Questo è il motivo per cui, anche prima dell'annuncio della nuova misura europea, il Consiglio della contea di Jaén aveva già sponsorizzato una campagna guidata dall'associazione dei piccoli agricoltori, Unión de Pequeños Agricultores de Andalucía, tra i vari ristoranti di Jaén nel tentativo di far loro offrire il loro oli esclusivamente in imballaggi non ricaricabili ed etichettati.

In una sorprendente coincidenza, solo pochi giorni dopo aver risposto alle nostre domande, l'Unione Europea ha deciso di bloccare quella che, secondo Francisco Reyes, sarebbe stata una risposta a un "serie di richieste e richieste del settore che, senza dubbio, sarebbero positive per i produttori di olio d'oliva. "

Non abbiamo più parlato con il presidente del Consiglio della contea di Jaén da quando l'Unione europea ha preso questa decisione, tuttavia qualcosa ci dice che non può esserne molto felice.

Non c'è da meravigliarsi che tutti identifichino Jaén con l'olio d'oliva, poiché è la principale regione di produzione non solo in Spagna ma nel mondo della produzione di olio. Come si riflette la sua rilevanza nelle caratteristiche che definiscono la provincia?

L'immagine di Jaén, che ricorda l'olio d'oliva, è in gran parte associata ai suoi uliveti. Basti fare un piccolo viaggio nel nostro territorio per rendersi conto che l'olivo, quell'albero millenario così strettamente associato alla macchia mediterranea, domina praticamente tutta la campagna. Infatti, oltre 60 milioni di ulivi definiscono la campagna e le montagne di Jaén, da nord a sud e da est a ovest della provincia. La sua onnipresenza determina la nostra economia, in cui il settore olivicolo rappresenta oltre il 15% del nostro prodotto interno lordo, produciamo il 28% dell'olio d'oliva mondiale e il 43% di quello spagnolo. Dati che si traducono in rendimenti di circa 1 miliardo di euro. Nella nostra provincia, che conta oltre 600,000 ettari di terreno coltivato a oliveto, circa 108,000 persone sono direttamente legate a questo settore attraverso le 66,000 aziende agricole registrate, sulle quali si producono mediamente 700,000 tonnellate di olive, che vengono molite in oltre 300 frantoi . E il vitigno predominante è il Picual, che rappresenta il 95% del totale. Da questa oliva viene estratto uno dei migliori oli al mondo, sia in termini di sapore che di benefici per la salute, in quanto è uno degli oli con il più alto contenuto di acido oleico.

Alla luce di queste cifre, è logico presumere che l'olio d'oliva eserciti un'enorme influenza sulla vita quotidiana degli abitanti di Jaén. In che modo ha un impatto specifico sull'ambiente sociale e culturale della provincia?

Questo è certamente vero, in particolare nelle città e nei villaggi di piccole e medie dimensioni, che costituiscono la maggioranza nella provincia di Jaén. Qui il lavoro agricolo, il raccolto e la coltivazione di questo albero segnano la vita dei suoi abitanti. Sebbene negli ultimi anni si sia tentato con successo di diversificare l'attività produttiva a Jaén, non c'è dubbio che la produzione di petrolio sia ancora uno dei nostri settori più rilevanti, non solo dal punto di vista economico, ma anche dal punto di vista culturale in quanto, di per sé, è un modo di vivere con radici lontane nel tempo, che abbiamo sintetizzato nel termine Olivicoltura.

L'attuale situazione economica ha influenzato l'industria dell'olio d'oliva a Jaén? In quale modo?

Non c'è dubbio che le difficoltà che la società spagnola sta attraversando significano che tutti i settori, compreso l'olio d'oliva, stanno soffrendo. Ma il piccolo raccolto dell'ultimo anno ha temporaneamente oscurato il problema principale che abbiamo dovuto affrontare di recente: i prezzi bassi che scendono anche al di sotto della soglia di redditività. Poiché l'offerta è minore, il prezzo è aumentato, ma la campagna di quest'anno sarà meno redditizia per i produttori di petrolio e, soprattutto, ha portato alla perdita di oltre 6 milioni di giorni di lavoro, il che significa che questa è una situazione particolarmente difficile per le migliaia di famiglie Jaén il cui reddito dipende direttamente dall'agricoltura e per le quali noi del Consiglio abbiamo istituito un Piano per l'occupazione con un budget di 7 milioni di euro per alleviare parzialmente questa perdita di salario.

Da un piano puramente fisico, quali peculiarità compongono il paesaggio olivastro di Jaén?

Come ho detto prima, l'oliveto è presente ovunque si guardi in questa provincia, tanto che diciamo sempre che è la nostra quinta riserva naturale. Si tratta di un bosco umanizzato unico al mondo, che offre paesaggi e orografia unici, scanditi da interminabili filari di ulivi che si diffondono in pianura, montagna, vicino ai borghi, alle città e persino al angoli e fessure più remoti e nascosti.

Alcuni sostengono che gli oliveti tradizionali, in particolare quelli che ricoprono i pendii delle montagne, non siano molto redditizi o competitivi rispetto a quelli coltivati ​​in modo intensivo o superintensivo. Condividete questa opinione?

Penso che più che un'opinione, questa sia una realtà. Le difficoltà insite nella raccolta di questi boschetti montuosi, nell'installazione di un sistema di irrigazione o semplicemente nello svolgimento delle varie attività agricole necessarie, costituiscono un ostacolo che in ultima analisi incide sul profitto che l'agricoltore estrae dall'olivo rispetto alle distese pianeggianti di terreno agricolo in cui la coltivazione può essere più intensivo. Per questo è ovvio che siano meno redditizi, ma questo non deve farci dimenticare l'importante funzione sociale ed economica che svolgono in molti dei nostri comuni, dove rappresentano una delle principali fonti di reddito, motivo per cui difendiamo sempre la necessità di preservare questo boschetto di montagna, perché contribuisce al mantenimento della popolazione nelle zone rurali e perché è importante anche in termini di benefici ambientali che genera.

Leader per quantità, la provincia di Jaén si distingue anche per la qualità sempre più elevata dei suoi oli. Quali caratteristiche li definiscono? Come viene certificata l'eccellenza di questi oli?

A Jaén, come accennavo prima, l'oliva Picual è la più coltivata in quanto occupa circa il 95% della superficie olivicola, sebbene nella zona di Cazorla sia comune anche la varietà Royal. Le sue caratteristiche principali risiedono nel suo aroma, che tende ad essere descritto come fruttato, fresco e fragrante, mentre un leggero amaro predomina il suo sapore, con un gusto intenso dell'oliva stessa, che lascia un retrogusto squisito e prolungato. È la tipologia di oliva più resistente all'ossidazione, grazie al suo più alto contenuto di polifenoli. Questo ne garantisce la stabilità e la conservazione per lungo tempo, uno dei più importanti vantaggi del vitigno Picual, senza tralasciare la forte presenza dell'acido oleico sano. Per garantire la sua eccellente qualità, vantiamo alcune delle più antiche denominazioni di origine in Spagna, la Sierra de Segura e anche la Sierra de Cazorla. Il Consiglio lavora con questi per sensibilizzare sugli oli eccellenti prodotti nella provincia di Jaén.

Jaén è noto come un importante produttore di oli sfusi. Qual è la percentuale della produzione totale per questo mercato? Quali tipi di oli vengono venduti in questo modo? Qual è la tendenza attuale?

Le stime indicano che circa l'80% del petrolio prodotto viene venduto sfuso, principalmente al mercato di esportazione. In generale, gli oli di oliva esportati tendono ad essere gli oli di qualità inferiore perché normalmente viene confezionata una percentuale molto più elevata di oli extravergine di oliva. La tendenza attuale, e anche auspicabile, è che gli oli prodotti siano di qualità sempre più elevata, e che sia il confezionamento che la vendita avvengano direttamente all'origine, perché questo genererà più valore aggiunto, un maggiore profitto per i produttori e, di conseguenza, verranno creati più posti di lavoro nel settore. Perché ciò avvenga è fondamentale anche per noi continuare a promuovere questo prodotto nel mondo, sottolineando i benefici che offre alla salute umana e i suoi molteplici utilizzi in gastronomia, perché più palati conquistiamo, più facile sarà riceverne. un prezzo giusto per l'olio che dovrebbe almeno coprire i costi di produzione degli agricoltori.

Sei un insegnante di professione e quindi devi ad un certo punto, anche solo nella tua mente, aver valutato il livello di conoscenza dei bambini - e di quelli che non sono tanto bambini - della tua provincia sull'olio d'oliva. Secondo te, qual è la loro visione di questo prodotto così inerente a loro? Questa visione è reale?

Almeno nella provincia di Jaén, il livello di conoscenza dell'olio d'oliva è più completo che in altre aree della Spagna. Anche così, e in termini generali, credo che il termine usato per definire la qualità degli oli renda eccessivamente difficile distinguere tra il migliore e il meno buono. L'olio d'oliva è considerato un prodotto di altissima qualità, con infiniti utilizzi in cucina, un sapore eccellente ed è sempre più riconosciuto come alimento salutare ed essenziale della Dieta Mediterranea. Ciò è reso sempre più chiaro dal numero crescente di studi scientifici, l'ultimo dei quali, denominato Predimed, mostra chiaramente che questo tipo di dieta, integrata con olio d'oliva, riduce del 30% la possibilità di soffrire di malattie cardiovascolari. Questa è la visione dell'olio d'oliva che noi in Consiglio intendiamo promuovere tra i vari gruppi, come casalinghe, scolaresche, ristoratori, distributori… il tutto nell'ottica di conquistare sempre più cucine nel mondo.


Da vicino e personale:

Un extra vergine: Oro de Cánava
Una varietà di olive: Picual
Un paesaggio di oliveti: La valle del fiume Cuadros e le montagne della Sierra Mágina.
Un ristorante che si interessa di olio d'oliva: Juanito, a Baeza.
Un piatto con olio d'oliva: Patatine fritte con le uova.
Un desiderio per l'olio d'oliva: Affinché i produttori ricevano un prezzo equo.


Francisco Reyes Martínez

Nato nella città di Jaén, Bedmar, il 10 luglio 1962. Anche se insegnante di professione, la politica ha iniziato a lasciare un segno decisivo nella sua vita nel 1987, anno in cui è stato eletto consigliere del suo comune natale. Un anno dopo è diventato sindaco, carica che ha ricoperto fino al 1995.

Tra il 1993 e il 2000 è stato anche consigliere regionale, carica che ha unito per un periodo a quella di vicepresidente della stessa istituzione, ed è stato anche responsabile per il turismo e lo sviluppo locale.

Quasi contemporaneamente, nel 1996 ha assunto il ruolo di segretario organizzativo del governo provinciale del partito PSOE a Jaén. Per altri quattro anni ha anche combinato questa funzione con quella di segretario generale della sezione locale di questo partito politico a Bedmar.

Nel 2000 è stato nominato rappresentante regionale del governo andaluso a Jaén, carica che ha ricoperto fino al 2008, quando è stato eletto consigliere nazionale.

Nel 2004, ha iniziato il suo ruolo di vice segretario generale del PSOE a Jaén, fino a quando ha rinunciato a questo aspetto per diventare segretario generale del suo partito politico a Jaén. Attualmente, combina questa posizione con quella di rappresentante del PSOE per la giurisdizione legale di Jaén.

Dal 24 giugno 2011 Francisco Reyes Martínez è anche presidente del Consiglio della contea di Jaén.

Gli articoli di Olivarama sono presentati nella loro interezza e sono inediti do olive oil Times.

Related News

Feedback / suggerimenti