`Produttori di preoccupazione per le vendite di olio d'oliva generico in aumento - Olive Oil Times

Aumenta la produzione di olio di oliva generico

Settembre 22, 2010
Sarah Schwager

Notizie recenti

Di Sarah Schwager
Olive Oil Times Contributore | Segnalazione da Buenos Aires

La vendita di prodotti a base di olio d'oliva generici e a marchio privato in Spagna è aumentata notevolmente, provocando un calo degli investimenti in prodotti di alta qualità, Associazione nazionale produttori, imballatori e raffinatori di oli alimentari (Anierac).

Il presidente di Anierac Pedro Rubio ha dichiarato all'agenzia di informazione alimentare e agricola Efeagro che i marchi di oli commestibili generici gestiscono un tasso di vendita che è "veramente spettacolare, sorprendente e senza precedenti ”in Europa, con i marchi generici che ora controllano fino al 60 - 80% della quota di mercato. Rubio ha collegato il
aumento dei prodotti generici alla crisi finanziaria che ha visto i prezzi precipitare così tanto
i rivenditori hanno cercato di attirare i clienti.

europa-impennata-generico-olio-d'oliva-vendite-preoccupazione-produttori-olio-d'oliva-tempi-pedro-rubio
Pedro Rubio

All'inizio dello scorso anno sono emersi timori che la battaglia tra i marchi di olio d'oliva generici e quelli dei produttori potesse danneggiare l'intero settore. I rapporti erano che in alcune categorie, come l'olio d'oliva raffinato, i marchi dei rivenditori stavano ottenendo una distribuzione del 78%, mentre le versioni generiche dell'olio extravergine di oliva altamente apprezzato gestivano tra il 45% e il 50% della quota di mercato.

All'epoca, Rubio sottolineava che i marchi generici non dovevano superare l'50% della quota di mercato e che il dialogo tra produttori e distributori era cruciale per la sopravvivenza del settore.

Rubio afferma che i marchi generici e i marchi dei produttori devono coesistere allo stesso livello in termini di quota di mercato, cosa che non sta accadendo ora. Dice che qualsiasi cosa al di sopra della quota di mercato del 50% lo è "drammatico "in quanto questo squilibrio impedisce a produttori, industriali, commercianti ed esportatori di ottenere margini di profitto adeguati.

L'aumento delle vendite di olio d'oliva di marca generico è sorprendente in quanto l'olio d'oliva è stato generalmente considerato come uno dei pochi prodotti, come il vino, che non può essere sostituito da un più economico 'nessun nome "prodotto e mantenere la sua qualità e sapore.

Tuttavia, poiché le economie sono crollate in tutto il mondo negli ultimi anni, sembra che i consumatori siano stati disposti a lesinare su qualsiasi prodotto che farà risparmiare qualche dollaro, giustamente. Ciò è dimostrato dal boom di oli più economici come olio di girasole, olio di mais, olio di soia e olio di canola, in particolare nei paesi con economie in difficoltà, come l'Argentina.

europa-impennata-generico-olio-d'oliva-vendite-preoccupazione-produttori-olio-d'oliva-tempi-anierac

La Spagna ha registrato un calo del 2.38% delle vendite di olio d'oliva nel mercato interno in questa stagione, ma Rubio afferma che questo calo è stato bilanciato dal successo nelle esportazioni globali, che ha visto il mercato spagnolo dell'olio d'oliva crescere a passi da gigante.

Crede nel mercato domestico, tuttavia, sono necessari alcuni cambiamenti cruciali e così ha sostenuto la promozione di mercati di nicchia e marchi ad alto valore aggiunto, per migliorare EVOO e cercare nuovi acquirenti internazionali.

Tuttavia, Rubio dice che negli ultimi anni c'è stato un passaggio da "oli d'oliva intensi ”(grado inferiore) (-21.36% finora in questa stagione) a oli d'oliva vergini (+ 16.18%) o extra vergini (+ 2.59%). Attribuisce questa tendenza agli acquirenti che valutano la maggiore qualità dell'olio d'oliva vergine e la minuscola differenza di prezzo dei diversi gradi di olio.

Tuttavia, il presidente di Anierac ha affermato di essere profondamente dispiaciuto che non sembra esserci alcuna speranza di rinascita per l'olio di sansa di oliva con un calo dell'8.8% a 11.17 milioni di litri in questa stagione dopo il "ingiusto ”divieto e richiamo del prodotto di qualche anno fa che aveva tolto il prodotto dagli scaffali.

Il governo spagnolo ha vietato l'olio di sansa di oliva a luglio 2001 dopo aver trovato alti livelli di idrocarburi policiclici aromatici - inquinanti ambientali che includono sostanze chimiche che possono potenzialmente causare il cancro.

Da allora, l'olio di sansa ha ricevuto una serie di cattiva pubblicità, principalmente legata al rischio di componenti cancerogeni e mutageni che si formano nel delicato processo di estrazione ad alto calore e per il suo sapore inferiore rispetto ad altri tipi di olio d'oliva.

pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti