` Granieri supera il Gargano a Unaprol - Olive Oil Times

Granieri ottiene Gargano a Unaprol

Giu. 16, 2014
Luciana Squadrilli

Notizie recenti

David Granieri, il 35enne proprietario di un'azienda agricola a Nerola, è stato eletto dall'assemblea dei membri come nuovo presidente di Unaprol, il più grande consorzio di produttori di olio d'oliva d'Europa. Granieri, lui stesso produttore di olio d'oliva, prende il posto di Massimo Gargano, che ha guidato l'Unione negli ultimi otto anni.

David Granieri

Granieri è membro del Comitato Nazionale Coldiretti e presidente della Commissione regionale Lazio. L'assemblea ha anche rimescolato completamente il consiglio di Unaprol nominando nuovi membri che rimarranno in carica fino al 2017. Tra questi, Giulio Scatolini, responsabile della giuria di Unaprol, e Piero Gonnelli, presidente di Aifo (associazione frantoi).

Il consiglio di amministrazione di Unaprol rappresenta 71 associazioni locali in Italia. È la più grande rete in Europa e rappresenta un enorme database di informazioni sull'olio d'oliva e l'olivicoltura attraverso oltre 7,000 aziende agricole monitorate e 640 filiere di produzione certificate. Comprende anche una serie di altre associazioni che condividono principi e obiettivi comuni, come: il Consorzio Elaion, IOO% Alta Qualità Italiana (l'etichetta di tracciabilità per l'olio d'oliva italiano), FOI catena dell'olio italiano, Pandolea (l'associazione delle donne produttrici italiane ), Uliveti del Lazio (Associazione regionale produttori), AIFO e Federdop, che comprende tutte le associazioni di produttori di olio extravergine di oliva DOP. Il consiglio si riunirà presto per votare per il comitato esecutivo.

Nel suo discorso di accettazione, il neoeletto presidente ha espresso la propria gratitudine al Gargano uscente per il suo impegno negli anni alla guida di Unaprol. "Il nostro scopo, "disse, "è proteggere l'origine del "Prodotto marchiato Made in Italy ”. Il nostro Paese può vincere nel mercato mondiale solo se promuove il prodotto delle sue mille terre e territori ”.

Granieri ha inoltre sottolineato la necessità di investire nella biodiversità, la vera risorsa competitiva dei prodotti italiani. "Expo 2015 ", ha aggiunto, "rappresenta una buona opportunità per le singole aziende agricole e imprese e per l'intera industria. Dobbiamo cogliere questa opportunità approfittando della politica agricola dell'UE e dei programmi promozionali ".

In occasione della nomina di Granieri, Unaprol ha anche diffuso i dati raccolti ed elaborati dall'Osservatorio Economico dell'associazione. I risultati mostrano che la produzione mondiale di olio d'oliva (circa 3 milioni di tonnellate) è concentrata principalmente all'interno della Comunità Europea, che registra circa 2,3 milioni di tonnellate nel 2013/2014, con un aumento del 58% rispetto al raccolto precedente. Di questi, l'Italia detiene quasi il 20 percento, contando circa 1,123,330 ettari di oliveto e quasi 900,000 aziende agricole.


Related News

Feedback / suggerimenti