`Mescolando proposte di austerità, Grecia e creditori cercano un accordo - Olive Oil Times

Mescolando le proposte di austerità, Grecia e creditori cercano un accordo

Giu. 10, 2015
Lisa Radinovsky

Notizie recenti

Durante il referendum di domenica scorsa, gli elettori greci hanno respinto una recente proposta di nuove misure di austerità in cambio di denaro in prestito, con oltre il 61 per cento che ha votato contro la proposta dei creditori. Tuttavia, nella tarda notte di ieri il governo del premier Alexis Tsipras ha presentato un nuovo piano che molti considerano abbastanza simile alla proposta respinta lo scorso fine settimana. Al momento della stampa, attendiamo l'esito della votazione parlamentare greca odierna su tale proposta, nonché la risposta dei creditori greci. Gli incontri programmati per questo fine settimana potrebbero determinare se la Grecia rimarrà nella zona euro.

Nonostante la mancanza di chiarezza sulle implicazioni di un no - che alcuni sostenevano non significasse più austerità e altri sostenevano significasse la fine dell'adesione all'eurozona - una percentuale inaspettatamente grande di elettori ha aderito alla richiesta del primo ministro di un no ai creditori per ultima fine settimana, per lo sgomento di molti leader europei.

In risposta, la Banca centrale europea non solo ha rifiutato di aumentare i limiti al fondo di emergenza che ha promosso le banche greche, ma ha anche accordato, a favore di Bloomberg, condizioni più rigorose per i prestiti di assistenza alla liquidità di emergenza greca. Ciò ha reso impossibile la riapertura delle banche chiuse da giugno 29. I controlli di capitale restano in vigore, con le singole persone che lottano per cavarsela con lo XNXX per conto al giorno che possono prelevare dagli sportelli bancomat, e le imprese che fanno i trasferimenti online all'interno della Grecia o cercano la richiesta di trasferimento per i trasferimenti all'estero per le importazioni. Alcuni sono più scommettenti di altri.

Sebbene Euclid Tsakalotos, formatosi a Oxford, abbia sostituito lunedì il non convenzionale e controverso Yanis Varoufakis come ministro delle finanze greco in concessione alle preferenze di alcuni negoziatori, le riunioni di martedì dei leader della zona euro hanno portato a un ultimatum invece di risultati produttivi: la Grecia deve produrre una proposta accettabile e dettagliata portando a un accordo con gli istituti di credito entro domenica, oppure i leader europei si concentreranno su come affrontare una Grexit - l'uscita della Grecia dall'eurozona che sembrava più probabile questa settimana che mai - piuttosto che sul fornire alla Grecia prestiti aggiuntivi.

Chania, Creta (Lisa Radinovsky)

Mercoledì il governo greco ha risposto con una breve lettera conciliante e una richiesta di nuovo prestito. Questa è stata seguita da una proposta più dettagliata al capo dell'Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem per la distribuzione alla Commissione europea, al Fondo monetario internazionale e alla Banca centrale europea la scorsa notte.

Ieri sera, la Grecia si è offerta di aumentare le varie tasse, comprese le imposte sulle vendite (anche nelle isole dove i costi di spedizione aumentano i prezzi), tagliare la spesa (ad esempio in penalità e spese militari), riformare il sistema penitenziario (innalzando l'età pensionabile a 67 di 2022) , migliorare l'amministrazione pubblica, introdurre la manodopera e produrre rego- lazioni di mercato, continuare con la promozione dei beni di proprietà statale e combattere la corruzione, il contrabbando e l'evasione fiscale. Gli agricoltori perderebbero sussidi per le accise sul gasolio e per il trattamento fiscale preliminare (la lettera di 2017).

Si prevede che questi cambiamenti produrranno 13 miliardi di euro. In cambio di queste misure di austerità, la Grecia chiede un nuovo prestito di 53.5 miliardi di euro dal fondo di salvataggio della zona euro, una riconsiderazione degli obiettivi del surplus primario e la cancellazione del debito. Donald Tusk, il presidente del Consiglio europeo, si è unito a Christine Lagarde del Fondo monetario internazionale e al segretario al Tesoro americano Jacob Lew nel richiamare l'attenzione sulla sostenibilità del debito della Grecia.

Si prevede che un numero di membri radicali di SYRIZA si opporranno a questa proposta nel voto parlamentare greco di oggi, ma è probabile che molti membri dell'opposizione lo sostengano. Anche i principali creditori del paese stanno conducendo una valutazione iniziale del piano oggi.

Domani, i ministri delle finanze della zona euro si incontreranno per discutere la proposta greca e la necessità della Grecia per la cancellazione del debito. Domenica, una riunione di emergenza di tutti i 28 leader dell'Unione europea determinerà se la Grecia ei suoi finanziatori potranno raggiungere l'accordo necessario per mantenere unita l'unione monetaria, a meno che i ministri delle finanze non elaborino un piano sabato che renda superflua un'altra riunione.

Lisa Radinovsky per Olive Oil Times

Questa settimana, mentre i discorsi sui piani per affrontare una potenziale Grexit sono diventati più diffusi, ci sono state anche più discussioni sulla cruciale posizione geopolitica della Grecia ai margini del Mar Mediterraneo, come un ponte tra Est e Ovest, un membro della NATO e un membro dell'Unione Europea a volte si è avvicinato alla Russia e alla Cina, a volte incuneato tra il resto dell'Europa e migliaia di migranti e rifugiati in fuga da luoghi problematici come la Siria. La preoccupazione per la possibile rottura di un prezioso alleato ha spinto paesi come Francia e Stati Uniti a spingere per una soluzione che potesse mantenere la Grecia nella zona euro e nell'Unione europea.

Nel frattempo, le imprese colpite dai controlli capitali stanno cercando modi per andare avanti. Mentre alcune imprese americane e canadesi dipendono dalle importazioni dalla Grecia non hanno ricevuto alcune consegne previste, portandole a temere carenze o aumenti dei prezzi per prodotti come l'olio d'oliva e il formaggio feta, secondo la CNBC, altri hanno ricevuto merci senza un modo praticabile per pagarle mentre le banche greche erano chiuse. Alcune società greche richiedono che i pagamenti vengano effettuati su conti che hanno stabilito al di fuori della Grecia.

Reuters indica che gli olivicoltori greci richiedono pagamenti in contanti in modo che possano acquistare le forniture necessarie e sentirsi sicuri dei loro risparmi, ma i produttori non hanno i soldi per pagarli. Molti greci temono che il denaro in banca non sia al sicuro, soprattutto ora che la Grecia si sta avvicinando a una possibile uscita dalla zona euro, tenendo presente che i conti bancari dei ciprioti erano "salvato ”due anni fa, con una percentuale dei risparmi dei ricchi depositanti confiscati e convertiti in capitale di banca.

Tuttavia, i produttori di olio d'oliva non dispongono di liquidità sufficiente per pagare i sostenitori che offrono il valore del petrolio "XNXX", in quanto Gea CEO Aris Kefalogiannis ha detto a Reuters. Pagando fornitori e trasportatori tramite servizi bancari online e assegni che possono essere incassati in un secondo momento, Gaea ha abbastanza risorse per durare fino alla metà del prossimo mese. D'altra parte, circa la metà delle aziende olivicole greche sono imprese su piccola scala gestite da famiglie con mezzi limitati, piuttosto che grandi aziende ben preparate con ampie risorse.

Sia in Grecia che nel Nord America, le più grandi aziende hanno fatto scorta di rifornimenti, quindi alcuni importatori ne hanno abbastanza per ora, ed esportatori di olio d'oliva greci come Terra Creta può continuare a soddisfare i clienti in Europa e negli Stati Uniti senza problemi per i prossimi due o tre mesi. In effetti, ha raccontato l'uomo marziale Emmanouil Karpadakis Olive Oil Times che Terra Creta ha appena ricevuto un ordine da un nuovo cliente europeo questa settimana. Consapevole che alcune altre società hanno problemi a ottenere materie prime e organizzare il trasporto da parte di camionisti che non desiderano fare viaggi di sola andata per l'esportazione e tornare vuoti a causa della mancanza di denaro per le importazioni, Karpadakis sottolinea che la situazione è molto fluida ora, con molti cambiamenti possibili durante il fine settimana mentre i leader si incontrano per decidere il destino della Grecia.

Ci sono state voci di scaffali vuoti di supermercati da qualche parte ad Atene, ma gli scaffali di Chania, Creta, sono pieni. Qui, olive, uva e fichi stanno crescendo al sole che fa risaltare la dolcezza dell'oleandro, e c'è ancora tanta abbondanza che i limoni stanno letteralmente cadendo dagli alberi. Martedì, The Guardian ha pubblicato un articolo intitolato "Vuoi aiutare la Grecia? Andateci in vacanza. " Molti turisti che sono qui in questo momento concordano sul fatto che sia un'idea eccellente. Con buoni prezzi, un mare e un cielo limpidi, attrazioni e relax, i visitatori si stanno divertendo moltissimo. Questo fine settimana mostrerà cosa riserva il futuro ai greci.


pubblicità

Related News