`Produzione di olio d'oliva in crescita nei Balcani - Olive Oil Times

Produzione di olio d'oliva in crescita nei Balcani

Marzo 3, 2016
Wendy Logan

Notizie recenti

L'Erzegovina può sembrare una regione insolita per la produzione di olive e olio d'oliva. Negli ultimi cinque anni, tuttavia, il paese balcanico è entrato in campo e ha iniziato a considerare più seriamente il possibile impatto economico della coltivazione di una coltura che è stata per secoli un punto fermo della vicina Grecia e del Mediterraneo.

In 2011, Balcani Insight riportato su una società, KM, in Macedonia, che doveva essere la prima del paese a fare da pioniere nella produzione di olio d'oliva. Con una piantagione di 13,000 ulivi situata vicino alla piccola città di Dojran vicino al confine con la Grecia, KM ha fissato un obiettivo di 300 tonnellate di olio d'oliva prodotto sia per le esportazioni che per il mercato locale.

In collaborazione con entrambi i membri della Facoltà di Agraria di Skopje e con i professori greci dell'Università di Salonicco, l'azienda ha anche deciso di sviluppare una nuova cultivar, "Marsela ", che si adatterebbe meglio alle condizioni di crescita e al clima della Macedonia.

I piani di KM erano solo l'inizio. Oggi, Notizie sui Balcani ha pubblicato una storia sul comune degli olivicoltori di Stolac, membri dell'Associazione dei frutti dell'Erzegovina del Mediterraneo, che hanno ricevuto una mini raffineria di petrolio nuova di zecca da condividere tra i coltivatori della zona.

Il dispositivo di trattamento dell'olio è stato fornito grazie agli sforzi di un progetto pilota progettato per migliorare la qualità e assistere la crescita complessiva dell'industria petrolifera in erba. Gli sforzi precedenti richiedevano un trasporto costoso alle grandi raffinerie comunali e spesso la qualità era compromessa.

Con l'opportunità fornita dalla nuova tecnologia, i coltivatori sperano di attrarre investitori e favorire la crescita del settore nel suo complesso.

Tuttavia, l'olio d'oliva dei Balcani potrebbe sembrare lontano dal comparire sugli scaffali del mercato statunitense. O forse no.

Il mese scorso, "L'improbabile viaggio di un olio d'oliva dai Balcani "era una storia in primo piano in Stella di East Hampton (New York). Grazie agli sforzi dell'avvocato di New York Andrew Strong, che si è trovato coinvolto in una battaglia legale progettata per difendere l'ex primo ministro del Kosovo Ramush Haradinaj, gli oli prodotti nella regione al confine con l'Albania hanno ora trovato la loro strada nei negozi nella parte orientale di Long Island.

Nell'articolo di Mark Segal, Strong parla del suo tempo viaggiando nella zona. "C'erano montagne coperte di ulivi che si tuffavano nel Mediterraneo. E la tradizione della spremitura delle olive a mano era rimasta invariata per oltre 2,000 anni ... La zona ha centinaia di olivicoltori, alcuni con solo due o tre alberi. "

Questi agricoltori stanno collaborando con Strong per portare il loro olio d'oliva biologico di Kalinjot in negozi importanti come Zabars a Manhattan.

Forte è mantenere piccola la scala della sua operazione, con tutto imbottigliato a mano. "Mantenere piccoli lotti garantisce qualità ", ha detto.

pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti