`'No difficoltà finanziarie' per l'olio d'oliva spagnolo gigante Hojiblanca, dice il CEO

Europa

'No difficoltà finanziarie' per l'olio d'oliva spagnolo gigante Hojiblanca, dice il CEO

Novembre 3, 2011
Julie Butler

Notizie recenti

È già il più grande produttore mondiale di olio d'oliva, ma tra cinque anni, il gruppo spagnolo Hojiblanca prevede di aumentare il proprio fatturato dai 450 milioni di € dell'anno scorso ($ 627 milioni) a un massimo di € 1 miliardo ($ 1.38 miliardi).

Aumento delle vendite di 'L'olio d'oliva del marchio di casa - attraverso la sua joint venture Mercaóleo con il colosso nordamericano Cargill - è destinato come una fonte di crescita e, si spera, un aumento delle esportazioni negli Stati Uniti e in altri paesi tra cui Brasile, Messico e Cina.

In un intervista pubblicata di recente in Spagna El Economista, Antonio Luque, ex agricoltore e ora amministratore delegato di Hojiblanca, ha promesso "continua a crescere. "

"Penso sia essenziale che in 3-5 anni raggiungiamo un fatturato nel regno di mezzo miliardo e mezzo di euro, che consideriamo la dimensione necessaria per garantire un rendimento adeguato per i nostri membri e per il posizionamento nei mercati nazionali ed esteri ”.

Nonostante la crisi economica della Spagna e i prezzi dell'olio d'oliva al di sotto dei costi di produzione, il gruppo di Malaga "non ha difficoltà finanziarie, potremmo anche prendere in considerazione nuove transazioni fino a € 20-30 milioni senza problemi ", ha detto Luque.

pubblicità

Fusioni e acquisizioni
In termini di possibili fusioni o nuove attività nel settore dell'olio d'oliva, il gruppo sarebbe maggiormente interessato alle operazioni di imballaggio o di raffineria. E lui "non poteva escludere "ulteriori accordi con Deóleo (ex SOS Corporation e proprietario dei marchi Carbonell, Bertolli, Carapelli), che a luglio ha venduto la sua quota del 99.93% nel produttore di olive da tavola e imballatore Acyco a Hojiblanca per 13 milioni di euro.

Il mese scorso Hojiblanca ha anche diversificato il bestiame attraverso la fusione con il collega leader agricolo andaluso, Agropecuaria del Sur. E a febbraio ha acquistato l'impianto di imballaggio Fedeoliva, a Jaén, per € 2.95 milioni.

Mercati esteri
Hojiblanca ha già uffici in Cina e Brasile e commercia in 60 paesi, esportando il 40 percento della sua produzione. Luque ha affermato di prendere attentamente in considerazione una strategia a medio termine per aumentare le sue esportazioni negli Stati Uniti. È stato più facile ottenere una crescita delle vendite in Brasile, dal momento che il lato della distribuzione non era così concentrato come quello spagnolo. "Anche il Messico è fondamentale in quanto è il nostro principale mercato d'oltremare per l'olio d'oliva in bottiglia ". Per quanto riguarda la Cina, "Quando verrà il momento, dovremo considerare se fare imballaggi lì, dato che è molto più economico di qui, per vari motivi. ”

'Prodotti White Label
Le vendite di olio d'oliva a marchio proprio dei supermercati hanno visto una crescita spettacolare in Spagna e stanno davvero danneggiando i grandi marchi, incluso il marchio Hojiblanca, ha detto Luque a El Economista. "Praticamente due bottiglie su tre vendute in Spagna sono marchi di negozi. ”Al contrario, solo un terzo del fatturato di Hojiblanca proviene attualmente da tali prodotti e il resto dai propri marchi, ma prevede di aumentare la produzione del primo in Spagna. Hojiblanca aveva poca esperienza nella produzione di marchi di negozi, motivo per cui si unì a Cargill per formare Mercaóleo, ha detto.

Tuttavia, "stiamo andando oltre il marchio del negozio, non solo nel mercato spagnolo, ma alla fine anche in tutta Europa e, si spera, negli Stati Uniti. Fondamentalmente, la situazione è che possiamo continuare a vendere (olio d'oliva) sfuso a coloro che poi confezionano e vendono come marchio proprio, oppure possiamo guadagnare più margine facendo l'imballaggio noi stessi in collaborazione con Cargill. "

Concorrenti mediterranei e posizione del Portogallo
Uno dei principali rivali di Hojiblanca è il gruppo agroalimentare portoghese Sovena, che nel 2009 lo ha sostituito come fornitore di olio d'oliva a marchio locale in Spagna per la catena di supermercati Mercadona.

Alla domanda se la forza crescente di altri paesi produttori mediterranei fosse una minaccia o un'opportunità, Luque ha affermato che ha sottolineato la necessità che la Spagna funzioni "dall'agricoltore alla fabbrica ”per ridurre i costi, perché era contro i paesi più competitivi. Tra questi, il Portogallo è cresciuto di più, sia in termini di volume che di vantaggio competitivo, tuttavia ci sono stati molti investimenti spagnoli lì, ha detto. Tuttavia, fu in Spagna che la produzione e la crescita rimasero le più alte.

Problemi con le mentalità provinciali
Luque ha parlato francamente della sua frustrazione per gli ostacoli ai cambiamenti strutturali dal lato della produzione in Spagna. "Abbiamo ancora più di un migliaio di cooperative che vendono olio d'oliva in modo indipendente, ma sono confrontate con solo cinque aziende che acquistano il 60% di tutto l'olio d'oliva venduto in tutto il mondo. Se formassimo un gruppo più grande, la dinamica del mercato cambierebbe e potremmo ottenere un prezzo migliore ”.

"In Andalusia siamo una delle 800 aziende che vendono olio d'oliva. Potremmo tutti e 800 andare a Pechino per venderlo? ”

"Il riferimento globale dei prezzi per l'olio d'oliva dipende dalla produzione in Spagna, essenzialmente in Andalusia. ”Se ci fossero solo due o tre aziende ciascuna che gestivano ciascuna da 800 a 900 milioni di tonnellate di petrolio, potrebbero negoziare prezzi più alti, ha detto Luque.

Invece, vi era una mancanza di trasparenza e riluttanza a trascendere gli interessi locali (per migliorare la salute del settore nel suo insieme) tra i dirigenti di alcune cooperative.

"Spesso ciò che impedisce l'integrazione (delle cooperative) non è la legge ma il parrocchismo e gli interessi personali delle persone che le gestiscono ", ha detto Luque.



Related News