` In Italia, la riduzione delle tasse aiuterà gli olivicoltori

Europa

In Italia, la riduzione delle tasse aiuterà gli olivicoltori

Settembre 2, 2013
Di Luciana Squadrilli

Notizie recenti

in-Italia-fiscale-riduzione-will-help-olivicoltori-olio d'oliva-volte-massimo-gargano-presidente-del-Unaprol
Massimo Gargano, presidente del consorzio italiano di olivicoltori Unaprol

L'ultima decisione di cambiare e ridurre l'IMU (la tassa comunale per la proprietà immobiliare) che è stata approvata con molti problemi e sforzi dal governo italiano negli ultimi giorni, avrà probabilmente conseguenze positive sulla prossima raccolta delle olive, dal momento che la tassa sugli immobili è stato completamente cancellato per le proprietà agricole.

Massimo Gargano, presidente del sindacato dei coltivatori Unaprol, disse, "La cancellazione dell'IMU agricola consentirà alle aziende olivicole italiane di reinvestire tali beni nella prossima raccolta delle olive. Ma dobbiamo anche evitare l'aumento dell'IVA, poiché avrebbe effetti negativi sia sul nostro export che sul nostro consumo interno. "

I commenti del Gargano arrivano proprio mentre si prevede che la prossima raccolta delle olive sarà forte. "Dovremmo diventare più rapidi e più vivaci per agire sul mercato, combinando le nuove opportunità offerte dalla riduzione dei costi di investimento e di produzione e l'alta qualità del Made in Italy, come può essere garantito dal Programma europeo di tracciabilità di Unaprol. ”Utilizzo del QR codice, il programma rintraccia oltre 600 gruppi in crescita tra cui circa 7,000 aziende olivicole in tutta Italia la cui linea di produzione è completamente tracciata.

Gargano ha fatto le sue osservazioni durante l'ultimo Festival delle Storie tenutosi dal 23 al 30 agosto nei piccoli villaggi di Alvito e Picinisco, non lontano da Roma. Questa è stata un'incantevole mostra culturale dedicata alla musica, alla letteratura e alle arti dello spettacolo che ha anche ospitato lo spettacolo di cucina di due famosi chef italiani, Niko Romito e Gennaro Esposito che hanno usato olio extra vergine di oliva certificato dal sistema di tracciabilità Unaprol per svelare tutti i trucchi e i segreti di cottura con olio extra vergine di oliva.

pubblicità

E oggi, 2 settembrend, un altro incontro organizzato da Unaprol si è tenuto a Puegnago del Garda vicino al bellissimo lago di Garda - uno dei terroir più adatti in Italia per la coltivazione dell'olivo - per discutere del nuovo Europa Politica agricola comune e i suoi effetti sulla produzione italiana di olio d'oliva. Il 37th l'edizione della fiera locale di Valtenesi è stata anche l'occasione per un'approfondita analisi dell'olio extra vergine di oliva italiano, dal momento che l'olivicoltura e la produzione di olio sono beni essenziali per il paesaggio e l'economia locale.

Entrambi gli eventi hanno costituito buoni forum per presentare i sondaggi di Unaprol sul consumo di olio d'oliva dell'anno scorso in Italia, dove nel 217 sono stati venduti oltre 2012 milioni di litri, per un valore di 850 milioni di euro. L'olio extra vergine di oliva ha rappresentato il 72 percento delle vendite, mentre il grado dell'olio d'oliva ha rappresentato il 13 percento. Il "L'olio extra vergine di oliva marcato al 100% italiano rappresenta il 12 percento delle vendite. Gli oli extra vergini di oliva biologici e DOP hanno funzionato modestamente, scivolando dai livelli del 2011 sia in valore che in volume.



Per saperne di più in affari / europa