Maggiore precisione nella nuova legislazione europea sulla Xylella Fastidiosa

Oltre a ridurre l'infezione e le zone cuscinetto, la Commissione europea ha anche ammesso che il micidiale patogeno vegetale non poteva più essere rimosso in alcune regioni e ha invitato gli Stati membri dell'UE a intensificare la sorveglianza della malattia.
Foto di Cain Burdeau per Olive Oil Times
Agosto 21, 2020
Daniel Dawson

Notizie recenti

Il Commissione europea ha annunciato nuovi e "misure più mirate ”per contenere la diffusione Xylella fastidiosa nell'Unione Europea.

Le nuove normative sostituiscono le precedenti, che è entrato in vigore nel 2015. La Commissione ha deciso di modificare i regolamenti precedenti sulla base delle ultime ricerche dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA).

Vedi anche: Lo studio rivela il potenziale impatto economico della Xylella in Spagna, Italia e Grecia

Tra le più grandi modifiche ai regolamenti c'è la riduzione della zona di infezione da un raggio di 100 metri (330 piedi) di qualsiasi pianta infetta a un raggio di 50 metri (165 piedi). Tuttavia, la definizione di quali piante devono essere sradicate nella zona di infezione non è cambiata sostanzialmente.

La decisione di dimezzare la zona di infezione sarà probabilmente accolta con sollievo dagli agricoltori, molti dei quali hanno sostenuto che la zona originale di 100 metri era eccessiva e ha portato alla distruzione di troppi alberi sani.

Oltre a ridurre le dimensioni della zona di infezione, è stata dimezzata anche la zona cuscinetto associata, che ha lo scopo di prevenire la diffusione di Xylella fastidiosa in aree non affette.

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

In base alle nuove normative, la zona cuscinetto che circonda ciascuna zona di infezione si estenderà da 2.5 a cinque chilometri (da 1.6 a 3.1 miglia). L'ampiezza della zona cuscinetto sarà determinata in base alla diffusione attiva della malattia e alle misure di eradicazione adottate.

Il regolamento originale specificava che tutte le zone cuscinetto dovevano avere una larghezza di almeno 10-3.1 chilometri (tra 6.2 e - miglia).

Nel caso in cui una singola pianta sia stata infettata ed eradicata prima che la malattia si sia diffusa, la zona cuscinetto rimarrà a un chilometro (0.6 miglia), come precedentemente stabilito dalla legislazione.

Insieme ai cambiamenti nella definizione di queste aree delimitate, i nuovi regolamenti invitano anche gli Stati membri dell'UE a farlo "intensificare ”le loro indagini annuali al fine di identificare i focolai più rapidamente.

La Commissione europea ha anche concluso che in alcune zone, compreso il sud Puglia, l'isola francese di Corsica e le Isole Baleari spagnole, l'eradicazione della Xylella fastidiosa non è più fattibile e le autorità locali dovrebbero invece concentrare i loro sforzi sul contenimento della malattia.

Se lasciata incontrollata, l'UE teme che Xylella fastidiosa porti a un annuale perdita di produzione di 5.5 miliardi di euro ($ 6.5 milioni) ed eliminare 300,000 posti di lavoro.





Related News

Feedback / suggerimenti