Nuove informazioni sulla bottiglia di olio d'oliva più antica del mondo

Dopo una serie di studi, i ricercatori sono stati in grado di confermare che il contenuto di una bottiglia trovata in un sito archeologico vicino al Vesuvio era effettivamente olio d'oliva. La scoperta fa luce sull'evoluzione molecolare dell'olio nel tempo.
Foto di Raffaele Sacchi
Novembre 29, 2020
Ylenia Granitto

Notizie recenti

Una nuova ricerca ha confermato che a Bottiglia di 2,000 anni che si trova nell'antica città romana di Ercolano, vicino alla Napoli moderna, è l'olio d'oliva e ha fatto luce sulla trasformazione molecolare dell'olio negli ultimi due millenni.

"Siamo molto soddisfatti degli approfondimenti ottenuti [dagli studi] ”, ha affermato Raffaele Sacchi, presidente dell'unità di scienze e tecnologie alimentari del dipartimento di agriscienza (DIA) dell'Università degli Studi di Napoli Federico II.

Il nostro studio evidenzia in modo sorprendente l'evoluzione molecolare dell'olio d'oliva attraverso un periodo di conservazione di quasi 2,000 anni.- Raffaele Sacchi, ricercatore, Università di Napoli Federico II

Sacchi, in collaborazione con i colleghi del Consiglio Nazionale delle Ricerche e dell'Università della Campania Luigi Vanvitelli, è giunto a questa conclusione dopo aver eseguito test di risonanza magnetica e spettrofotometria di massa sulla bottiglia, oltre alla datazione al radiocarbonio del residuo organico.

europa-world-olive-times

Foto di Raffaele Sacchi

"Siamo stati in grado di confermare in modo inequivocabile che quello che abbiamo in mano è il più antico residuo di olio d'oliva recuperato e attualmente esposto, in quantità significativa, poiché risale al 79 d.C. ", ha detto Sacchi. "Inoltre, il nostro studio evidenzia in modo sorprendente l'evoluzione molecolare dell'olio d'oliva attraverso un periodo di conservazione di quasi 2,000 anni ".

Vedi anche: Gli scienziati trovano le prime prove dell'olio d'oliva in Europa centrale

A causa sia delle alte temperature causate dal eruzione del Vesuvio nel 79 d.C. e in un periodo di conservazione di quasi due millenni in condizioni incontrollate, i resti dell'olio portano ancora le tracce delle modificazioni chimiche tipiche dei grassi alimentari alterati.

"In effetti, pochissime molecole che si trovano comunemente nell'olio d'oliva sono sopravvissute ", ha detto Sacchi. "I trigliceridi, che rappresentano il 98 percento dell'olio, si sono scomposti negli acidi grassi costituenti; gli acidi grassi insaturi vengono completamente ossidati, generando idrossiacidi, i quali, a loro volta, con una cinetica lenta, reagiscono tra loro formando prodotti di condensazione, estolidi, mai osservati prima nei processi convenzionali di alterazione naturale dell'olio di oliva. "

Inoltre, il residuo di olio d'oliva ha prodotto una serie di diverse sostanze volatili, che sono le stesse di quelle che si trovano nell'olio altamente rancido e che si sono formate a seguito della decomposizione degli acidi oleico e linoleico.

I profili di acidi grassi saturi e fitosteroli hanno inoltre permesso di stabilire con certezza che il residuo presente nella bottiglia non contiene grasso animale, largamente utilizzato dalla popolazione dell'epoca, e che è inequivocabilmente olio di oliva.

"Il relativo arricchimento di acidi grassi saturi e la formazione di estolidi hanno contribuito a solidificare l'olio d'oliva in situ ", ha detto Sacchi, chiarendo che l'olio è appoggiato su un lato, perché la bottiglia giaceva in posizione inclinata dall'eruzione fino al suo scavo .

"L'identificazione della natura di questa bottiglia archeologica di olio d'oliva ci dà una prova inconfutabile dell'importanza che questo prodotto aveva nella dieta quotidiana delle popolazioni del bacino del Mediterraneo, in particolare per gli antichi romani in Campania Felix ", ha detto.

"Inoltre, questo ha un impatto importante su cultura e sull'immagine dell'olio d'oliva italiano, da quando abbiamo ottenuto un ''bottiglia di vetro certificata di olio d'oliva conservata per ben 2,000 anni ", ha aggiunto Sacchi, chiarendo che l'olio molto probabilmente si era solidificato perché la bottiglia giaceva in una posizione inclinata.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti