` Coltivatori italiani messi da parte mentre il progetto Dante ottiene finanziamenti pubblici - Olive Oil Times

I coltivatori italiani sono emarginati mentre il progetto Dante ottiene finanziamenti pubblici

Ottobre 22, 2014
Marco Marino

Notizie recenti

Un investimento di 15 milioni di euro da parte dell'Istituto Italiano per lo Sviluppo Agroindustriale (ISA), controllato dal Ministero dell'Agricoltura italiano, per una quota del 20% in Olio Dante SpA è stato criticato dall'Associazione Italiana Olivicoltori (CNO) , che ha richiesto a "sistematico ”esamina la questione che considera il "l'intera catena di approvvigionamento e ne valuta l'impatto e i benefici per la produzione domestica di olio extra vergine di oliva. "

"Desidero esprimere la mia preoccupazione con amarezza e un po 'di delusione. Questo intervento finanziario governativo è stato fatto senza considerare né coinvolgere i coltivatori italiani di olio d'oliva ", ha affermato il presidente del CNO Gennaro Sicolo.

Il CNO ha affermato che tali investimenti dovrebbero essere formalizzati attraverso contratti di fornitura a lungo termine con gli agricoltori italiani, che dovrebbero ottenere prezzi equi per le materie prime (olive) che possono fornire.

Il dibattito riguarda il cosiddetto "forma ibrida ”di investimento per finanziare un particolare progetto di sviluppo Dante nel sud Italia, pur non essendo considerato il sostegno statale diretto vietato nell'UE. ISA sta contribuendo con € 15 milioni per compensare l'investimento del Gruppo Mataluni, proprietario del "Olio Dante ”.

Gennaro Sicolo, presidente dell'Associazione italiana olivicoltori (CNO)

Il partenariato pubblico-privato durerà otto anni, con un rendimento annuo atteso compreso tra il 4.25 e l'8,50 percento. Gli obiettivi del progetto sono aumentare le vendite di "Olio d'oliva 100% italiano ”in Italia e all'estero, portando il fatturato di Dante a 100 milioni di euro, esportando fino al 90 per cento della produzione (principalmente negli Stati Uniti).

Il portafoglio di marchi del Gruppo Mataluni comprende Olita, Topazio, OiO, GiCo. L'azienda produce anche oli per il marchio del distributore per alcune importanti catene di negozi.

"Non avrei obiezioni se una banca avesse condotto questa transazione finanziaria. Ma, nel caso dell'olio ISA-Dante, non posso restare indifferente, perché il governo italiano è coinvolto attraverso il ministero dell'Agricoltura ”, ha detto Sicolo.

"Sarebbe opportuno riconsiderare la questione e magari procedere rapidamente verso l'approvazione e il finanziamento di un piano olivicolo nazionale ”, ha concluso.

Il CNO in realtà ha chiesto un piano nazionale di aiuti agli olivicoltori che includa riduzione delle tasse, prestiti a basso interesse, sponsorizzazioni e una campagna di marketing nazionale per promuovere l'olio d'oliva italiano.

Questa non è la prima volta che Sicolo e il CNO si oppongono a un investimento statale in un'impresa privata di olio d'oliva. A marzo Sicolo opposto contributi dell'Italia, attraverso il Fondo strategico italiano, a importanti investimenti in Deoleo, il più grande produttore mondiale di olio d'oliva.


Related News

Feedback / suggerimenti