`Produzione in Italia al di sotto della media poiché gli agricoltori sovvenzionati frenano - Olive Oil Times

Produzione in Italia al di sotto della media in quanto gli agricoltori sussidiati restano indietro

Ottobre 26, 2010
Lucy Vivante

Notizie recenti

Di Lucy Vivante
Olive Oil Times Contributore | Segnalazione da Roma

L'Istituto italiano per i servizi al mercato agricolo e alimentare (ISMEA) stima che il Paese produrrà tonnellate di olio d'oliva 550,000 quest'anno, 6% sopra le tonnellate 518,000 dell'anno scorso. Il leggero guadagno di 2009 è tuttavia inferiore alla media quadriennale di 580,000 tonnellate. L'Istituto afferma che il calo della produzione è attribuibile alla struttura delle sovvenzioni - nota come regime di pagamento unico - in cui i coltivatori sono sovvenzionati per mantenere i loro oliveti, che raccolgano o meno le olive. ISMEA riferisce inoltre che gli olivicoltori, confrontati con i continui bassi prezzi dell'olio d'oliva e l'aumento dei costi per la coltivazione, spesso rinunciano alla raccolta, deprimendo la produzione totale di olio d'oliva.

Uno dei modi in cui i coltivatori risparmiano sui loro costi di coltivazione è quello di non potare i loro alberi. Gli alberi che non vengono potati porteranno maggiori quantità di frutti un anno, seguiti da quantità minori il prossimo. Questo è uno dei motivi della fluttuazione della resa. Naturalmente, le condizioni climatiche sono fondamentali per i rendimenti. La grande quantità di pioggia dello scorso inverno ha aiutato principalmente i coltivatori nelle regioni meridionali e centrali, ma ha danneggiato i coltivatori del nord. Le precipitazioni nel nord spesso si presentavano sotto forma di neve, pioggia gelata e grandine.

Il Lazio guida le regioni centrali con un aumento dei rendimenti dal 35% al ​​40%, anche se è stato solo leggermente migliore dei totali del 2008. La Sardegna, analogamente, dovrebbe avere un anno eccellente con un aumento del 40% rispetto allo scorso anno. La Puglia, la regione olivicola più forte d'Italia, avrà un aumento dal 10% al 15% rispetto allo scorso anno. La tabella fornisce le stime per quest'anno e i totali effettivi per il 2007, 2008 e 2009 in tutte le regioni italiane ad eccezione della regione settentrionale e olivastra di Aosta. La tabella è stata compilata da ISMEA in collaborazione con ISTAT (Istituto Nazionale di Statistica Italiano), CNO (Consorzio Nazionale Olivicoltori) e UNAPROL (Consorzio Olivicoltori).

pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti