Europa

L'Italia lancia il primo piano del settore olivicolo

La Conferenza Stato-Regioni ha approvato il primo piano nazionale per il settore olivicolo che dovrebbe essere attuato entro la fine dell'estate

Ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina
Aprile 1, 2016
Di Ylenia Granitto
Ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina

Notizie recenti

La Conferenza Stato-Regioni, un organo di coordinamento del governo e dei territori regionali, ha approvato la prima Nazionale Piano settoriale dell'olivo che dovrebbe essere implementato entro la fine dell'estate. "Sono stati investiti 32 milioni di euro per aiutare la riorganizzazione del settore, che sarà sostenuta dai fondi regionali per lo sviluppo agricolo", ha annunciato il ministro dell'Agricoltura (MIPAAF) Maurizio Martina.

Il piano è stato istituito dalla legge 91/15 del 2 luglio 2015 che contiene misure per il rilancio dei settori agricoli, il sostegno alle imprese agricole colpite da eventi eccezionali e la razionalizzazione delle strutture ministeriali. Prevede 32 milioni di euro da spendere entro il 2017 in misure operative volte ad aumentare la produzione interna di olio extra vergine di oliva e olive, promuovere prodotti e sostenere una più forte organizzazione della filiera produttiva nazionale.

"Con l'approvazione del primo piano nazionale per il settore olivicolo, iniziamo a definire una strategia di produzione che mancava da troppi anni in Italia ”, ha aggiunto Maurizio Martina. "L'obiettivo condiviso con l'intera catena di approvvigionamento è un miglioramento in termini di qualità e quantità. Abbiamo deciso di promuovere la riorganizzazione del settore olivicolo e olivicolo italiano, con un atto che sarà supportato con risorse regionali per lo sviluppo agricolo. Il nostro lavoro non si ferma qui. Guardiamo al futuro del settore e alle nuove opportunità a livello internazionale ".

Il MIPAAF ha affermato che ci sono circa 900,000 aziende olivicole in Italia, che producono in media 475,000 tonnellate di olio d'oliva da olive italiane, e il volume di 3 miliardi di euro rappresenta il 3% del fatturato totale dell'industria agroalimentare.

Secondo il documento ufficiale, il piano per il settore olivicolo è una dichiarazione programmatica programmatica che consiste nella definizione di obiettivi strategici, nell'individuazione di possibili azioni esecutive e nel riconoscimento delle risorse. Gli orientamenti sono stati elaborati sulla base dei principali problemi dell'area, esaminati con l'assistenza delle istituzioni e degli operatori regionali e tenendo conto dell'evoluzione strutturale del settore. Il documento fornisce una descrizione statistico-economica preliminare del background e dell'organizzazione della catena di approvvigionamento, seguita da un'analisi SWOT (che identifica i punti di forza, debolezza, opportunità e minacce nel settore). Il finanziamento sarà investito nella realizzazione di azioni e misure per perseguire i seguenti obiettivi:

pubblicità
  • aumentare la produzione nazionale di olive e olio extra vergine di oliva, senza intensificare la pressione sulle risorse naturali, in particolare sull'acqua, attraverso la razionalizzazione degli oliveti tradizionali, il rinnovo degli impianti di produzione e l'introduzione di nuovi sistemi di coltivazione che integrano l'ambiente e l'economia sostenibilità, con riferimento al valore del paesaggio, alla protezione del territorio e alla storia;
  • sostenere e promuovere attività di ricerca;
  • sostenere iniziative che promuovono il Made in Italy e oli extra vergini di oliva certificati di alta qualità, comprese azioni per la promozione del prodotto sul mercato nazionale e internazionale;
  • stimolare il recupero delle varietà autoctone di olive da tavola nelle nuove strutture meccanizzate;
  • promuovere e sostenere l'aggregazione e l'organizzazione economica degli operatori del settore dell'olio d'oliva, in conformità con i regolamenti delle negoziazioni contrattuali previste dal Regolamento (UE) n. 1308 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 dicembre 2013.

"Abbiamo lanciato il piano nazionale, atteso da tutto il settore a causa delle recenti difficoltà, come le misure sull'olio d'oliva tunisino e l'emergenza di Xylella ”, ha dichiarato il valutatore della Regione Puglia e il coordinatore del Comitato Agricoltura della Conferenza delle Regioni , Leonardo Di Gioia. "Questo importante atto è utile per realizzare una serie di azioni che rafforzeranno la qualità dell'olio d'oliva italiano e si concentreranno su un settore importante per il futuro della nostra agricoltura. "

"Il via libera della Conferenza Stato-Regioni al piano nazionale, sblocca definitivamente nuove energie per il settore ", ha affermato il presidente di Unaprol David Granieri. "Ora possiamo agire per aumentare la produzione interna, sviluppare attività di ricerca, promuovere il Made in Italy, stimolare il recupero varietale delle olive da tavola, incoraggiare nuove coltivazioni e migliorare e sostenere l'aggregazione della filiera italiana dell'olio d'oliva ”, ha aggiunto. "Abbiamo l'opportunità di riavviare il settore e dare nuova vita all'economia del settore nei territori di produzione ".


Related News