`Affermazione Made in Italy "Usato come un bancomat" - Olive Oil Times

Reclamo Made in Italy "Usato come un bancomat"

Giu. 11, 2010
Olive Oil Times STAFF

Notizie recenti

"Il furto di identità raddoppia il mercato mondiale delle aziende che vendono olive extra vergini che dichiarano di essere fraudolente 'Made in Italy 'e che usano la leva dell'origine come bancomat. ”

La denuncia di Massimo Gargano, presidente del consorzio italiano dell'olio d'oliva Unaprol, è arrivata in un'audizione parlamentare della Commissione Agricoltura del Senato convocata dal presidente sen. Paolo Scarpa Bonazza Buora per esaminare i problemi del mercato dell'olio d'oliva.

Il consumo internazionale è in aumento e le decisioni di acquisto si stanno spostando sempre più verso prodotti di alta qualità tra cui oli extra vergini, DOP e oli di oliva biologici, ma questa tendenza positiva non spiega la caduta del prezzo degli oli di oliva italiani di qualità, che ha raggiunto i livelli più bassi di undici anni. "Questa situazione non è causata dall'eccesso di produzione ”, ha affermato Gargano, perché  "il maltempo degli ultimi due anni ha ridotto la fornitura di olio d'oliva in tutto il mondo. ”

I recenti dati dell'industria alimentare italiana mostrano un forte aumento del 57% del fatturato. Lo studio è stato ricavato dall'analisi di informazioni finanziarie relative ad un campione di 109 società con fatturato superiore al milione di euro operanti nel settore.

"Emerge un quadro in contrasto con il contesto generale ”ha detto Gargano - sottolineando che gli aumenti di fatturato non hanno portato ricchezza alle aziende che effettivamente producono e vendono solo extravergine di qualità IOO% made in Italy. "In quasi tutti i casi, i profitti operativi e le tendenze di crescita positive hanno interessato le aziende al di fuori dei settori agricoli che hanno rubato ricchezza dall'agricoltura italiana certificata impersonando l'olio extra vergine di oliva italiano con prodotti che erano effettivamente prodotti con altre miscele. "

In un dossier preparato per l'audizione parlamentare, Unaprol ha chiesto maggiori controlli per garantire la sicurezza alimentare e il rispetto delle regole di mercato, ulteriori iniziative per l'equilibrio di potere lungo la filiera (soprattutto rispetto alla vendita al dettaglio), e maggiori risorse per comunicazione al consumatore.

In particolare, Unaprol ricerca una nuova formula basata sui pagamenti effettuati direttamente agli agricoltori che partecipano a filiere tracciabili.  "Queste misure ", ha detto Gargano "dovrebbe essere progettato per raggiungere gli obiettivi europei in termini di sviluppo regionale e mercato agricolo perché non è possibile continuare a finanziare con i soldi dei produttori stranieri soggetti al mondo dell'agricoltura produttiva ".

Gli obiettivi dichiarati sono mantenere il modello europeo di agricoltura nel contesto della conservazione della biodiversità e del paesaggio agricolo, la qualità del cibo a prezzi equi per i consumatori, il mantenimento delle persone sulla terra migliorando e diversificando la produzione nelle zone rurali, l'efficienza e la competitività dell'industria , mantenendo una rete di sicurezza per i produttori, riduzione dell'inquinamento e produzione di energia rinnovabile per affrontare il cambiamento climatico:

.

Misure di emergenza per il settore olivicolo "MADE IN ITALY ”- Unaprol

Di seguito sono riportate le azioni ritenute necessarie per iniziare a sostenere il sistema italiano dell'olio d'oliva, utilizzando gli strumenti del programma esistente, tra cui il piano nazionale per l'olivo, la pianificazione dello sviluppo rurale, la ricerca agricola, la promozione e i contratti della catena di approvvigionamento:

  • Avviata tempestivamente la seconda tranche di finanziamento era stata destinata alla campagna di comunicazione in televisione made in Italy per l'olio d'oliva. La prima serie televisiva ha contribuito a un importante spostamento dei consumi verso i prodotti made in Italy;
  • Riconoscimento da parte del Ministero dell'olio extravergine di oliva italiano di alta qualità, comprendente la specificazione della qualità dei prodotti agroalimentari in base al possesso di: origine domestica, parametri sensoriali e analitici più restrittivi del prodotto convenzionale;
  • Linee guida per l'uso di un piano olivicolo per ridefinire le priorità del PSR sull'aspetto della competitività e dell'impatto ambientale garantendo il sostegno a coloro che attuano nuovi impianti di produzione (nuovo vigneto), ammodernamento della rete di frantoi, compreso il riutilizzo dei prodotti (vegetazione acqua e sansa);
  • Il riesame della legislazione esistente in materia di riutilizzo dell'acqua della vegetazione e della sansa vergine è migliorato in modo da poter essere considerati rifiuti speciali;
  • Conseguente rafforzamento della ricerca, innovazione tecnologica e trasferimento di nuove tecnologie attraverso nuovi inviti alla ricerca e quelli del Mipaaf MIUR e l'immediata riorganizzazione degli oli CRA;
  • Completamento della normativa vigente in materia di gestione dell'olio negli outlet (bar, ristoranti, catering);
  • Completamento delle norme comunitarie sulla corretta alimentazione nelle scuole (Regg. 1913/06 - 697/09) attraverso il consumo di frutta e verdura nelle scuole con l'uso di olio d'oliva prodotto in Italia per condire le verdure fornite;
  • Fornire chiarimenti sulla legislazione richiede mense pubbliche (scuole, ospedali, ecc.). L'uso esclusivo dei prodotti made in Italy per quanto riguarda le priorità di olio extra, DOP, biologico e tracciabile made in Italy.

Contratti per la catena di approvvigionamento

  • Ampliamento delle aree oggetto dei contratti di filiera estendendo la base giuridica del DM 1 agosto 2003 art. 1 comma 2 °;
  • Apertura di un nuovo contratto che prevede una filiera tra azioni ammesse a finanziamento, anche l'acquisto di asset fisici da riacquistare in mano a marchi italiani ceduti ad aziende estere o il riposizionamento e rilancio di marchi italiani;
  • Avvio di uno studio tecnico delle procedure e dei controlli di gestione nei confronti delle persone ai sensi della nuova normativa di cui al Reg (CE) 182/09.
pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti