`Consiglio d'oliva: l'aumento del consumo stimolerà il recupero dei prezzi

Europa

Consiglio d'oliva: l'aumento del consumo stimolerà il recupero dei prezzi

Può. 31, 2012
Julie Butler

Notizie recenti

L'attuale crisi dei prezzi dell'olio d'oliva si attenuerà e sarà sulla scia della promozione che guai i nuovi consumatori, ha affermato oggi il Consiglio oleicolo internazionale.

In un rara dichiarazione pubblica del suo segretariato esecutivo, il CIO ha anche affermato che il problema non era strutturale ma aveva le sue radici in variabili - come la produzione interna, le scorte e il consumo - nei paesi produttori, in particolare la Spagna.

La dichiarazione, intitolata "Alcune riflessioni sugli attuali prezzi dell'olio d'oliva"Arriva mentre la crisi cattura più attenzione da parte dei media mondiali sulla scia di una prima pagina del Financial Times del 28 maggio.

Il giornale ha attribuito i bassi prezzi alla produzione in Spagna, Italia e Grecia alla caduta dei consumi interni - a causa della crisi economica e della concorrenza degli oli vegetali più economici - in coincidenza con un raccolto eccezionale in Spagna e conseguente sovrabbondanza.

Nel suo contributo al dibattito, il CIO ha concordato che i produttori in Spagna, Grecia e Italia sono attualmente "ottenere un prezzo basso - 1.75 €, 2.38 € e 1.84 € / kg rispettivamente - per l'olio extra vergine di oliva che producono. ”Ma vede la speranza all'orizzonte attraverso la crescita della domanda globale.

"L'olio d'oliva rappresenta circa il due percento del consumo mondiale di oli vegetali, che è in aumento. Poiché le classi medie e alte si espandono in numerosi paesi in via di sviluppo e diventano sempre più attente alla dieta e alla salute, è ragionevole pensare che l'attuale crisi dei prezzi non sia strutturale e sarà alleviata dall'azione per promuovere l'olio d'oliva ai consumatori che non ne hanno familiarità o usalo solo occasionalmente ", ha detto.

pubblicità

Organizzazioni tra cui il CIO e l'Interprofesional del Aceite de Oliva in Spagna sono impegnate in varie campagne per aumentare il consumo di olio d'oliva sia in nuovi mercati, come gli Stati Uniti, il Brasile e la Cina, sia quelli tradizionali come la Spagna e la Francia.

Previsioni attuali per il 2011/12

Sulla base degli ultimi dati disponibili, il CIO prevede che la produzione mondiale di olio d'oliva aumenterà di tonnellate 302,000 quest'anno, con un aumento del 10 percento rispetto allo scorso anno. Ciò comporta un probabile surplus globale di fine anno di 1 milioni di tonnellate, un aumento stagione su stagione dell'34 percento.

Si prevede che il consumo scenderà del 6.6 per cento in Grecia e si manterrà stabile in Italia, ma in aumento in Spagna - quest'ultimo è il principale motore dell'attesa crescita del 7% nel consumo complessivo dell'UE.

"La posizione della Spagna come paese con un surplus di produzione, unita al fatto che la domanda è concentrata nel settore della distribuzione mentre l'offerta è frammentata, significa che qualsiasi cambiamento nelle sue variabili tende ad avere ripercussioni sui prezzi nazionali e internazionali ”, afferma la nota.



Related News