` L'AAO spagnolo effettua le ispezioni 1,030 per il rapporto annuale

Europa

L'AAO spagnolo effettua le ispezioni 1,030 per il rapporto annuale

Giu. 23, 2010
Di Daniel Williams

Notizie recenti

Di Daniel Williams
Olive Oil Times Collaboratore | Segnalazione da Barcellona

L'Agenzia per l'olio d'oliva (AAO), un ministero specializzato all'interno del governo spagnolo, ha effettuato 1030 ispezioni tra i 1,748 frantoi attivi durante la campagna 2008-2009 al fine di verificare le informazioni del settore relative alla produzione di olio d'oliva, prodotti in uscita e scorte. L'AAO ha avviato queste ispezioni per raccogliere informazioni aggiornate sul mercato e verificare i dati forniti dalle entità del settore. L'agenzia ha poi effettuato un controllo incrociato di questi dati per l'accuratezza e ha elaborato e consolidato le informazioni sotto forma del rapporto annuale di gestione AAO (2008 - 2009).

Spagna Olio d'oliva Produzione (fonte: AAO)

L'AAO ha prelevato campioni da frantoi in varie regioni della Spagna che sono stati poi analizzati per giungere a conclusioni sulla loro corretta caratterizzazione. 576 di questi test hanno avuto luogo nella principale regione produttrice di olio d'oliva in Andalusia, seguiti da test effettuati nelle regioni di Castilla-La Mancha (13), Cataluña (94) ed Extremadura (70). L'agenzia per l'olio d'oliva, diretta dal Sig. Carlos Sánchez Laín, ha anche testato 860 imbottigliatori di olio d'oliva e altri agenti del settore. La maggior parte di questi test proveniva dall'Andalusia (418), Castilla-La Mancha (118), Cataluña (101) e infine dall'Estremadura (67). L'AAO ha anche ispezionato 232 imbottigliatori di olive da tavola e 27 estrattori di olio di sansa di oliva, oltre a 19 raffinerie di olio d'oliva, 21 operatori che immagazzinano olio d'oliva per conto terzi e 20 olivicoltori.

Inoltre, l'AAO ha verificato e verificato i dati corrispondenti a 1513 documenti commerciali ottenuti durante le ispezioni di questi frantoi nonché le informazioni pubbliche fornite da altre industrie coinvolte nell'olio d'oliva
processo di fabbricazione. Questi controlli incrociati mirano a dimostrare l'autenticità dei documenti
che dettaglia l'acquisto e la vendita di olio d'oliva che compongono varie annualmente
registri. L'AAO ha inoltre sottoposto a controlli incrociati i documenti del settore riguardanti
commercio di olive grezze e in bottiglia.

Esportazioni di olio d'oliva spagnolo (fonte: AAO)

A seguito di tali ispezioni, l'Agenzia per l'olio d'oliva ha proposto un totale di 9 sanzioni per disinformazione, valutando sanzioni per varie società per un totale di circa 40,267.67 euro. Cinque di queste sanzioni corrispondono agli operatori della comunità valenciana e 4 alla regione di Murcia.

pubblicità

La relazione sulla gestione 2008-2009 dell'AAO ha inoltre calcolato i saldi di mercato e le prestazioni aziendali durante la stagione al fine di trarre conclusioni sulla catena del valore dell'olio d'oliva spagnolo. Il rapporto afferma che il prezzo finale dell'olio extra vergine di oliva pagato dal consumatore spagnolo è 1.56 volte quello percepito dall'agricoltore, una cifra che scende a 1.43 per l'olio d'oliva normale dopo aver incluso i costi di estrazione, produzione, imbottigliamento e distribuzione.

Related News