`Olio d'oliva in Francia Rife con inganni e frodi, risultati del rapporto - Olive Oil Times

Olio d'oliva in Francia Rife con inganni e frodi, risultati del rapporto

Febbraio 2, 2015
Alice Alech

Notizie recenti

Nonostante i controlli europei più severi, l'industria dell'olio d'oliva in Francia è ancora piena di inganni e frodi.

Nel loro rapporto pubblicato questa settimana, la direzione generale della concorrenza, dei consumatori e del controllo delle frodi (DGCCRF) francese ha spiegato varie pratiche commerciali ingannevoli, avvertendo i consumatori di essere più vigili quando acquistano olio d'oliva.

Dopo aver visitato gli stabilimenti 348 lo scorso anno, gli investigatori hanno identificato diverse aree di preoccupazione per quanto riguarda la qualità, l'etichettatura e la rappresentazione errata degli oli d'oliva venduti in Francia.

La Francia importa più olio d'oliva di quello che produce, ma la frode era prevalente sia nei prodotti importati che in quelli domestici.

Il rapporto ha mostrato che in molti casi non c'era alcuna indicazione di provenienza sulle etichette; il paese di origine obbligatorio non è stato indicato sull'8% degli oli di oliva analizzati.

L'agenzia ha trovato etichette che non erano in francese, incomplete o del tutto false. Molte etichette portano i consumatori fuori strada, permettendo loro di credere che l'olio sia stato prodotto in Francia quando non lo era, o che indicavano indiscriminatamente una Denominazione di Origine Protetta (DOP) o una Denominazione d'Origine Contrôlée (AOC).

Solo otto regioni in Francia godono dello status di Appellation d'Origine Protégée (AOP) che garantisce l'origine geografica e condizioni di produzione riconosciute. L'investigatore ha trovato etichette che indicavano falsamente lo stato AOC e AOP quando gli oli non avevano, in effetti, ottenuto la distinzione.

Altre affermazioni inammissibili fatte sulla confezione includevano affermazioni come: ricco di omega 3, senza colesterolo e ricco di antiossidanti.

C'erano anche preoccupazioni circa le date di scadenza sui prodotti quando i produttori non erano in grado di fornire (Date Limite d'Utilisation Optimale, o DLUO) registrazioni adeguate per giustificare le date sulle etichette.

Su 143 campioni testati chimicamente dai Common Service Laboratories (SCL) di Marsiglia:

  • 30 percento non era conforme agli standard UE
  • La percentuale 22 doveva essere esaminata a causa di difetti o incongruenze nelle descrizioni dei prodotti
  • Il 43% ha fallito i test di gusto per il grado indicato

DDCRF ha trovato contenitori etichettati 'pomodori secchi in olio d'oliva 'ma all'esame è emerso che contengono olio di semi di girasole.

Il DDCRF ha consigliato ai consumatori di olio d'oliva di essere vigili, di essere scettici sull'olio d'oliva meno costoso e di contattarli se dovessero trovare il loro olio d'oliva "sospetto.”


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti