Aumento delle esportazioni del Portogallo Domanda di carburante per le importazioni

I ricercatori hanno scoperto che la maggior parte delle posizioni sono prese nel mercato dell'olio d'oliva del Portogallo, ma c'è sempre spazio per i nuovi giocatori.

7 febbraio 2018 10:29 EST
Di Costas Vasilopoulos

Notizie recenti

Le ricerche di mercato dell'Ufficio per gli affari economici e commerciali dell'Ambasciata greca a Lisbona hanno valutato il potenziale del settore dell'olio d'oliva del Portogallo e identificato i suoi stakeholder tradizionali. Si è riscontrato che la crescente domanda di esportazioni alimenta la domanda di importazioni, ma il paese è ancora un territorio inesplorato per molti produttori stranieri.

I ricercatori hanno osservato che il Portogallo è autosufficiente nell'olio d'oliva e si colloca al quarto posto nel consumo annuale con 7.8 litri a persona, dopo Grecia, Spagna e Italia.
Vedi anche: I migliori oli d'oliva dal Portogallo
La produzione annuale ammonta a circa 70,000 tonnellate, tenendo conto dei dati dell'ultimo decennio. Si prevede che il raccolto di 2017 raggiungerà il massimo a tonnellate 100,000, rispetto alle tonnellate 69,000 in 2016.

Per la stagione 2017-18, è previsto un calo con il raccolto che potrebbe raggiungere un totale di 78,000 tonnellate di olio d'oliva. Le regioni di Baixo e Alentejo nel sud rappresentano il 70-80% della produzione totale di olio d'oliva del paese, dove il clima mite e gli alti livelli di precipitazioni consentono la coltivazione dell'olivo su 350,000 ettari di terreno.


I prezzi di vendita dell'olio extra vergine di oliva e del vergine in Portogallo sono aumentati nel 2017 rispettivamente del 18 percento e del 15.6 percento, rispetto al 2016; extra vergine stava vendendo per € 3.84 ($ 4.76) al chilo e olio d'oliva vergine per € 3.60 ($ 4.46) al chilo, secondo la National Olive Oil Association 'Casa do Azeite '.

pubblicità

Nonostante il Portogallo copra il suo consumo interno, la domanda di esportazioni prevede che alcuni oli d'oliva debbano essere importati e quindi esportati come olio nazionale. UN 'In questo caso viene utilizzato l'approccio compra basso - vendi alto, il che significa che l'olio d'oliva viene acquistato da paesi a basso costo come la Tunisia e il Marocco per essere poi esportato in altri paesi per un valore più elevato. Nel 2015, ad esempio, le esportazioni sono diminuite del 6% rispetto al 2014, ma il loro valore totale è aumentato del 17% a causa dell'aumento del 25% dei prezzi.

Per la stagione 2016-17, il consumo interno avrebbe dovuto assorbire 70,000 tonnellate della resa totale di 100,000 tonnellate, mentre le esportazioni sono state calcolate intorno a 130,000 tonnellate. Pertanto, una quantità di 100,000 tonnellate di olio d'oliva dovrebbe essere importata per coprire la domanda di esportazioni.


© Olive Oil Times | Fonte dei dati: Consiglio oleicolo internazionale


La Spagna è di gran lunga il principale fornitore del Portogallo, fornendo oltre il 98 percento dell'olio d'oliva importato. Il valore delle importazioni dalla Spagna in 2016 è stato di € 275.6 milioni ($ 343.47 milioni), con altri paesi come Brasile, Marocco e Cile, contribuendo al totale di € 279.6 ($ 348.45 milioni) di importazioni.

Per quanto riguarda le esportazioni, nel 411 hanno aggiunto circa € 512 milioni ($ 2016 milioni). Spagna e Brasile sono stati i principali destinatari dell'olio d'oliva portoghese, ciascuno dei quali rappresentava circa il 34% del valore delle esportazioni. Altri importatori erano l'Italia con il 15.3%, l'Angola con il 3.9% e la Francia con il 3% del valore dell'olio d'oliva portoghese esportato.

Secondo la ricerca, l'olio d'oliva greco non è molto conosciuto in Portogallo, dove i consumatori considerano l'olio prodotto localmente di qualità squisita. Tuttavia, una piccola quantità di 1.6 tonnellate è stata inviata dalla Grecia in Portogallo nel 2015, con un prezzo medio di € 7.17 ($ 8.94) al chilo.

Nello stesso periodo, la Grecia ha importato 24 tonnellate dal Portogallo con un prezzo medio di € 3.48 ($ 4.34) al chilo. La ricerca ha suggerito che la Grecia vende olio d'oliva costoso al Portogallo e acquista olio d'oliva più economico, tenendo presente che questa non è una conclusione sicura a causa delle quantità limitate scambiate.

Infine, l'Ufficio per gli affari economici e commerciali ha identificato le opportunità per i produttori greci nel settore dell'olio di oliva biologico e gourmet, o dell'olio di oliva a marchio del distributore. Ha inoltre invitato i produttori e gli esportatori greci a partecipare al concorso organizzato durante la fiera OVIBEJA che si è tenuta nella città di Beja ad aprile di ogni anno, per far conoscere il loro olio d'oliva al mercato portoghese.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti