Relazione sull'olio d'oliva italiano e il consumatore mondiale

Pubblicato da Extract, l'osservatorio istituito da Unaprol e Ixè, il primo rapporto sull'olio extravergine di oliva italiano e sul consumatore mondiale

Aprile 1, 2016
Di Ylenia Granitto

Notizie recenti

Il primo rapporto sull'olio extra vergine di oliva italiano e il consumatore mondiale è stato pubblicato da Extract, l'osservatorio istituito da Unaprol, la più grande organizzazione di produttori italiani di olio d'oliva, e l'istituto di ricerca Ixè.

La prima ricerca nel suo genere dà un'idea delle percezioni, delle aspettative e delle abitudini dei consumatori nel mondo riguardo all'olio extravergine di oliva italiano, e si basa su una serie di 1,214 interviste condotte ai partecipanti internazionali dell'Esposizione Universale Expo 2015 a Milano , dal 3 all'8 ottobre 2015.

"Il rapporto traccia finalmente il profilo del consumatore mondiale sulla conoscenza del prodotto ", ha dichiarato il presidente di Unaprol, David Granieri. "Ora rendiamo disponibile questo sondaggio alle istituzioni al fine di migliorare le politiche di intervento nel settore. "

Secondo il rapporto, l'86% degli intervistati conosce, o almeno ha sentito parlare, di olio extravergine di oliva, con gli Stati Uniti in cima alla lista con il 98% di consapevolezza, mentre la percentuale inferiore si registra in Asia (76% ), in particolare in Cina. Per quanto riguarda i paesi produttori, il 72 per cento dei consumatori sa che l'Italia è un produttore di olio extravergine di oliva. La consapevolezza in America e in Europa (ad eccezione del Regno Unito) è molto alta. La Nuova Zelanda e l'Australia mostrano un livello di riconoscimento inferiore alla media. L'area con la percentuale più bassa è ancora l'Asia, soprattutto la Cina.

Una buona metà dei consumatori è consapevole che l'Italia ha diverse aree di produzione e, tra le produzioni locali, l'Italia meridionale è la più nota: i mercati europeo (87 in Austria) e americano (70 in America) sono informati la produzione nelle tre macro aree, mentre poche persone in Asia conoscono la produzione nel Nord Italia.

Per quanto riguarda la reputazione dei paesi produttori di olio d'oliva, l'Italia è al primo posto nel mercato globale, seguita da Spagna, Grecia e Portogallo, mentre in Europa la Spagna è il paese più rinomato per la produzione. In Asia, la Spagna è di nuovo al primo posto, ma le persone hanno una percezione inferiore dei paesi produttori: il 33% degli intervistati non sa quali paesi producono olio d'oliva. Nelle Americhe la produzione spagnola è ben nota, seguita a distanza da Grecia e Portogallo.

Per quanto riguarda i consumi, gli utenti abituali di olio extra vergine di oliva italiano sono il 37 percento degli intervistati mentre il restante 63 percento afferma di usare EVOO raramente o mai. Le percentuali più elevate di consumatori italiani di olio extra vergine di oliva sono registrate in Europa (in particolare Francia, Austria e Russia), negli Stati Uniti e in America centrale e meridionale. Questo numero potrebbe aumentare molto rapidamente poiché la propensione media all'acquisto di EVOO italiano riguarda il 75 percento dei consumatori, con punte in Europa e nelle Americhe: la maggioranza assoluta di essi ritiene che il prezzo non sia o non sia un problema al momento dell'acquisto , a condizione che possano avere la migliore qualità.

L'EVO nel mondo viene utilizzato principalmente per condire, in particolare le verdure (87%), poi carne, pesce e pasta (67%) quando poco più del 40% dei consumatori lo usa per cucinare e friggere, e una percentuale leggermente inferiore lo usa come un ingrediente per dolci e pane (17 percento).

Circa il 20% dei consumatori acquista EVOO per scopi estetici e curativi: in particolare, in Asia viene utilizzato con queste motivazioni e come ingrediente più che in altri paesi, ma meno per cucinare e friggere, e come condimento. Tra gli europei, i francesi lo usano per la bellezza più degli altri, mentre nel Regno Unito, nei Paesi Bassi e nell'Europa orientale è più ampiamente utilizzato nelle ricette di torte, biscotti e pane.

Il 55% degli acquirenti nel mondo legge l'etichetta quando acquista una bottiglia di oro liquido. Il 38% confessa di averlo letto occasionalmente mentre solo il 7% non lo ha mai letto. Gli Stati Uniti sono il paese in cui le informazioni sulle bottiglie vengono consultate con maggiore attenzione, seguiti dal 60 per cento dei consumatori europei. In Asia, i cittadini giapponesi sono i più scrupolosi in questo senso.

Il rapporto rivela che quando un'etichetta contiene un nome o un marchio italiano, il 54% dei consumatori crede di acquistare un prodotto italiano. La questione dell'Italian sounding può potenzialmente interessare il 60% dei consumatori in Europa, il 44% in Asia, dove i consumatori cinesi sono più dubbiosi, e il 67% negli Stati Uniti Tuttavia, il 99% dei consumatori ha la chiara percezione che l'Italian sounding riguardi l'adulterazione alimentare e imbrogliare i consumatori.

"L'Italia è al vertice per le regole sulla contraffazione alimentare ”, ha detto il presidente di Unaprol, David Granieri, sottolineando che questo Paese ha un sistema di regole di tutela dei consumatori che ora serve da esempio per altri Paesi. "Siamo lieti della posizione espressa dai Comitati Giustizia e Agricoltura che ha migliorato il decreto evitando il pericolo della depenalizzazione ", ha aggiunto. "A tal proposito, insieme alla relazione consegniamo alle istituzioni lo studio di fattibilità di un marchio a supporto dell'intera filiera e caratterizzare sul mercato globale la qualità dell'autentico olio extravergine di oliva italiano, e che includa economico, etico contro il lavoro sommerso , e parametri di qualità superiore dei prodotti italiani. "


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti