Gli ulivi monumentali della Sicilia offrono una finestra sulla storia dell'isola

Gli ulivi più antichi della Sicilia hanno storie da raccontare. Dagli agricoltori che hanno superato le avversità all'isola che è diventata un centro commerciale, la produzione di olio d'oliva ha svolto un ruolo essenziale.

Giu. 20, 2021
di Kenaz Filan

Notizie recenti

Il suolo e il clima della Sicilia sono ideali per olivicoltura, e gli ulivi selvatici sono cresciuti da tempo sull'isola.

Ora i ricercatori stanno imparando di più sulla storia dell'olio d'oliva in Sicilia dalle prove archeologiche e dagli antichi ulivi che crescono ancora in tutta la campagna.

Ritenuto l'olivo più antico dell'isola, l'Olivo di Innari è anche il più grande. A 19.6 metri di circonferenza, questo albero di 2,081 anni è stato piantato quando la Sicilia era una provincia romana.

Vedi anche: Nella competizione mondiale prevalgono i produttori di Sicilia e Sardegna

I contadini più piccoli della Sicilia lavoravano con tasse e dazi onerosi dai romani e dai loro governatori locali. All'epoca la Sicilia era nota soprattutto per le esportazioni di grano e lana.

Alcuni ipotizzano che un agricoltore locale in difficoltà abbia piantato Innari nella speranza di incassare la rapace domanda di olio d'oliva del mercato romano. Oggi Pettineo, il paese dove ancora cresce Innari, rimane un centro agricolo ed è principalmente noto per il suo olio d'oliva locale.

europa-oliva-olio-tempi

Olivo di Innari (Rosario Schicchi / Francesco M. Raimondo)

Un millennio dopo l'impianto di Olivo di Innari, intorno all'anno 1000 d.C., lo storico villaggio di Calacte (dal greco per "Fair Isle”) fu rasa al suolo nelle guerre arabo-bizantine.

Tuttavia, i combattenti hanno risparmiato un enorme ulivo secolare. Oggi, nel villaggio ricostruito, si trova ancora l'Olivo de Predica, di 12.9 anni, rotondo di 1,369 metri, che l'11thsopravvissuti del secolo scorso di nome Caroniam, o "nuova casa."

Mentre gli ulivi più antichi della Sicilia hanno circa 1,000-2,000 anni, i nuclei del suolo vicino al Lago di Pergusa nella Sicilia centrale mostrano un picco di polline di oliva tra 3,000 e 3,200 anni fa.

Questo coincide con l'arrivo dei Siculi e dei Sicani che diedero il nome all'isola. Il lago di Pergusa è al di fuori della normale distribuzione costiera dell'olivo selvatico, quindi sembra che i nuovi arrivati ​​abbiano portato con sé le talee di olivo.

L'Olivo di Nicoletta, a pochi chilometri dal Lago di Pergusa, è più piccolo dell'albero Predica a 7.9 metri di tondo. È anche più giovane di qualche secolo, con una stima di 828 anni.

Vedi anche: Frammenti di ceramica in Croazia rivelano l'olio d'oliva romano e la storia militare

Quando Nicoletta fu piantata, il re di Sicilia e imperatore del Sacro Romano Impero Enrico VI stava prendendo il potere sull'isola e sulle sue redditizie industrie di olio d'oliva e tessuti. Oltre a fornire carburante per le lampade, olio d'oliva lampante serviva anche per lubrificare i telai utilizzati per la fabbricazione del tessuto.

Nel frattempo, Avola, una piccola città nella provincia siciliana di Siracusa, ospita un ulivo di 1,684 anni con un'enorme circonferenza di 15.5 metri, l'Olivo di Contrada La Gebbia.

Al tempo della piantagione di La Gebbia, l'economia siciliana del IV secolo era in forte espansione, in gran parte, grazie al crescente commercio di olio d'oliva tra la Sicilia e il resto dell'Impero.

Per quanto antichi possano essere tutti questi alberi, gli archeologi hanno trovato prove ancora più antiche di Sicilian produzione di olio d'oliva.

A Castelluccio, paese rurale a 32 chilometri da Avola, recenti ricerche hanno prodotto evidenze che riportano indietro di 700 anni la prima data di produzione sistematica dell'olio in Italia.

Nel 2018, il professore di storia Davide Tanasi della University of South Florida ha riportato un'analisi chimica di frammenti di a Vaso portaoggetti di 4,000 anni rinvenuto in un villaggio della prima età del bronzo fuori Castelluccio. I frammenti mostravano tracce di acido oleico e linoleico, firme dell'olio d'oliva.

Prima di questo ritrovamento, le prime firme di olio d'oliva italiano provenivano da frammenti di ceramica di 3,300 anni trovati sulla terraferma meridionale.

La pentola di Castelluccio mostra che i Siculi ei Sicani non portarono in Sicilia la produzione di olio d'oliva ma rilevarono un'industria che durava da secoli.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti