`Istantanea delle esportazioni italiane di olio d'oliva

Europa

Istantanea delle esportazioni italiane di olio d'oliva

Giu. 29, 2014
Luciana Squadrilli

Notizie recenti

Anche se l'accordo firmato nel 2012 tra ICE Italtrade e Unaprol come parte del Ministero dello Sviluppo Economico 's programma ufficialmente concluso lo scorso anno, le due società italiane stanno ancora lavorando in stretta collaborazione per incrementare le esportazioni di olio d'oliva italiano.

La domanda di petrolio italiano di qualità proveniente dai mercati (e dai paesi vicini) inclusi nelle attività dell'accordo è ancora in crescita, dimostrando così la sua efficacia. Di recente, il direttore generale di Unaprol Pietro Sandali e il GM Roberto Luongo dell'Agenzia ICE si sono incontrati per discutere di nuovi percorsi di internazionalizzazione.

La ricerca dell'Osservatorio economico di Unaprol evidenzia l'aumento dell'olio extra vergine di oliva italiano nei paesi in cui sono state svolte le attività dell'accordo.

I risultati mostrano che l'Italia detiene una posizione di leadership nel mercato dell'olio d'oliva in paesi come Stati Uniti, Canada, Giappone, Hong Kong, Austria e Singapore e si colloca tra i 4 principali paesi esportatori in Brasile, Cina, Corea, India e Russia; ma anche lì, l'Italia occupa il primo posto per quanto riguarda l'olio extra vergine di oliva e il valore del prodotto esportato.

Di seguito è riportato un riepilogo del mercato italiano dell'olio d'oliva vergine in tutto il mondo, secondo la dichiarazione Unaprol, che mostra i principali paesi importatori:

  • USA - L'Italia detiene una quota di mercato dell'51 percento, con esportazioni in crescita dell'2 percento in 2013.
  • AUSTRIA - L'Italia è leader di mercato in 2013 con una quota 48 percentuale.
  • BRASILE - L'Italia è il quarto fornitore di olio vergine in Brasile con il 7 percento del mercato, dopo Portogallo, Spagna e Argentina. C'è stato un aumento del 2 percento dal 2012 al 2013.
  • CANADA - L'Italia è in pole position con una quota di mercato dell'70 percento in 2013 e una tendenza in aumento rispetto a 2009.
  • CINA - L'Italia è il secondo maggiore fornitore di olio vergine. In 2013 la quota di mercato era 21 percento. I dati di valore e volume mostrano una crescita costante da 2012 (+ 16 percento)
  • COREA - L'Italia è il secondo più grande fornitore di olio vergine e c'è stata una crescita notevole da 2012 a 2013 (volume percentuale + 14 e valore percentuale + 37).
  • GIAPPONE - L'Italia è leader di mercato in 2013 con una quota 45 percentuale e una crescita dell'6 percentuale.
  • HONG KONG - L'Italia è il principale fornitore di olio vergine, mantenendo la stessa quota tra 2012 e 2013.
  • INDIA - L'Italia è il secondo più grande fornitore di olio vergine sul mercato indiano dopo la Spagna.
  • RUSSIA - L'Italia è il secondo fornitore di olio vergine con una quota di mercato del 26 percento. Le quantità importate sono cresciute del 18 percento in 2013 rispetto a 2012.
  • SINGAPORE - L'Italia è il principale fornitore di olio vergine, con un aumento da 2012 a 2013 sia per il volume che per il valore.

Related News