`La Spagna domina il boom del mercato americano dell'olio di oliva sfuso - Olive Oil Times

La Spagna domina il boom del mercato americano per l'olio di oliva sfuso

Febbraio 10, 2015
Olive Oil Times STAFF

Notizie recenti

Lentamente ma sicuramente negli ultimi vent'anni, l'olio d'oliva in contenitori sfusi sta sostituendo le importazioni di olio già confezionato in bottiglie e lattine, secondo cifre rilasciate oggi dal Consiglio oleicolo internazionale (CIO).

Sebbene nessuno esporti più olio d'oliva confezionato negli Stati Uniti dell'Italia, è la Spagna, il principale produttore mondiale di olio d'oliva, che domina la crescente domanda di spedizioni all'ingrosso con il 28% del mercato, seguita a distanza dalla Tunisia con il 4%, l'Argentina e L'Italia, che fornisce solo il 2 per cento delle importazioni sfuse.

I contenitori alla rinfusa sono stati definiti dal CIO come quelli che superano i 18 kg (39.68 libbre).

Negli ultimi vent'anni le importazioni di olio d'oliva sfuso sono aumentate a un tasso medio annuo del 36.5 percento per rappresentare la maggior parte della crescita delle importazioni. Le spedizioni di prodotti confezionati sono aumentate a un modesto tasso del 3.5%. 

Negli ultimi cinque anni, le importazioni alla rinfusa sono aumentate del 43%, mentre le importazioni di imballaggi hanno visto un aumento solo dell'-%.

Negli Stati Uniti viene imbottigliato più olio d'oliva importato che mai da importatori e fornitori di prodotti a marchio privato ai rivenditori di massa e ai canali di servizi alimentari. A contribuire alle maggiori importazioni sfuse nel corso degli anni è anche l'avvento dell'uso dell'olio d'oliva in altri prodotti come snack e cosmetici.

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Eryn Balch, vicepresidente esecutivo della North American Olive Oil Association, il gruppo commerciale che rappresenta i maggiori imbottigliatori americani, ha definito l'aumento delle spedizioni di olio d'oliva sfuse un "risultato logico "della crescita dell'uso dell'olio d'oliva in Nord America negli ultimi vent'anni. "Per i canali con vendite ad alto volume, le spedizioni all'ingrosso non solo riducono i costi di trasporto, ma consentono anche ai fornitori di essere più flessibili con i formati di imballaggio e le offerte di prodotti per soddisfare le esigenze degli acquirenti on-demand ", ha affermato Balch. "Poiché la crescita della categoria continua, prevediamo che anche questa tendenza continuerà ".

Per quanto riguarda l'olio d'oliva confezionato, l'Italia ha perso terreno rispetto alla Spagna negli ultimi cinque anni, ha osservato il CIO. Le importazioni di olio d'oliva italiano negli Stati Uniti sono diminuite del 6%, mentre le importazioni di prodotti confezionati spagnoli hanno guadagnato il 30% nel corso del periodo per fornire il 12% del mercato. Tuttavia, la Spagna ha una lunga strada per catturare la quota del 42% in Italia di olio d'oliva preconfezionato.



Related News

Feedback / suggerimenti