` La Spagna fornisce il sostegno generale al piano d'azione dell'UE per l'olio d'oliva - Olive Oil Times

La Spagna offre il sostegno generale al piano d'azione dell'UE per l'olio d'oliva

Dicembre 9, 2012
Julie Butler

Notizie recenti

La capitale mondiale dell'olio d'oliva, la Spagna, ha indicato il suo ampio sostegno a una serie di modifiche, tra cui l'obbligo di indicare le date di scadenza obbligatorie sulle etichette, che potrebbero far parte del piano d'azione dell'UE per il settore in difficoltà.

Richiedere l'uso di bottiglie non riutilizzabili etichettate per l'olio d'oliva servito nei ristoranti e alcune modifiche ai metodi organolettici e chimici sono tra le misure concordate dalla Spagna.

Il ministro dell'agricoltura spagnolo Miguel Arias Cañete, in una lettera del 12 luglio al commissario europeo per l'agricoltura Dacian Cioloş, ha affermato che il progetto di piano d'azione per il settore dell'olio d'oliva dell'UE è stato considerato positivamente dalla Spagna, ma alcuni aspetti dovevano essere perfezionati e c'erano alcune carenze, come la mancanza di un budget dedicato per il piano.

Olive Oil Times ha recentemente ottenuto una copia della lettera di Arias Cañete ai sensi delle norme sulla libertà di informazione dell'UE. Rilasciata dalla Commissione Europea, la lettera è arrivata con un documento di otto pagine - entrambe in spagnolo - che illustrava la posizione iniziale della Spagna sul piano, che Cioloş ha rilasciato a giugno per la discussione.

Normative di etichettatura e marketing

Le proposte Cioloş includono lo svolgimento di uno studio tecnico prima di affrontare la questione delle date di scadenza sulle etichette dell'olio d'oliva e spingere gli stati dell'UE a richiedere l'uso di imballaggi di olio d'oliva unidirezionali nel settore dell'ospitalità.

Nella sua risposta, la Spagna ha affermato che la stampa di una data di scadenza sulle etichette dell'olio d'oliva è una misura di base che ha proposto sia all'UE che al Consiglio oleicolo internazionale (CIO), ma dovrebbe basarsi su studi scientifici che tengono conto di tutti i fattori che possono causare variazioni nel tempo dell'olio d'oliva.

Lo ha detto "concorda pienamente con la mossa delle bottiglie non riutilizzabili e intende richiederlo come parte delle normative nazionali per gli oli vegetali commestibili, ma dovrebbe essere reso obbligatorio in tutta l'UE.

I parametri più difficili non garantiscono la qualità

Il progetto di Cioloş ha affermato che alcuni stakeholder hanno richiesto parametri chimici più severi per i test di qualità e per migliorare i test dei panel.

La Spagna ha affermato che qualsiasi modifica ai parametri deve essere studiata con molta attenzione e basata su solide prove scientifiche. "A volte una restrizione nei limiti non si traduce in oli migliori. Spesso i peggiori oli possono rispettare scrupolosamente i limiti, ma presentano importanti difetti organolettici ”, ha affermato.

Richiedi nuovi strumenti per migliorare il test del pannello

La Spagna ha affermato che tra le preoccupazioni di alcuni operatori del settore che mettono in dubbio il suo utilizzo, dovrebbero esserci ricerche su come farlo "integrare il panel test con metodi fisico-chimici che rendono obiettivo il metodo organolettico. "

Ha proposto di includere nel piano d'azione un punto sulla necessità di migliorare l'applicazione pratica del test e di promuovere la ricerca sullo sviluppo di "nuovi mezzi di analisi della qualità basati su metodi strumentali ”.

Consiglio oleicolo internazionale

La Spagna ha dichiarato di essere d'accordo sul fatto che, al fine di rafforzare il ruolo del CIO, la sua adesione dovrebbe essere aperta ai paesi consumatori, non solo a quelli produttori.

E ha invitato l'UE a "rafforzare ed esercitare ”la sua leadership nel CIO.

"La sua presenza deve essere avvertita non solo nei dibattiti e nei contributi scientifici, ma anche nell'organizzazione stessa, dove deve essere più evidente. "

Controllo di qualità

In una sezione della bozza Cioloş sull'azione a breve termine per proteggere la qualità e l'autenticità degli oli vergini, è stato proposto di chiedere al CIO di accelerare il suo lavoro nelle seguenti aree:

- Riduzione del livello di stigmastadieni

La Spagna ha affermato che questo parametro indica il grado di purezza di un olio e, a tale proposito, è necessario prestare attenzione, "perché qualsiasi riduzione del limite potrebbe porre problemi al monitoraggio della purezza degli oli vergini. " Se il livello deve essere abbassato, dovrebbe esserci una sperimentazione collaborativa nei laboratori di tutta l'UE per determinare definitivamente il limite reale, ha affermato.

- Adozione del metodo globale per la rilevazione di oli estranei negli oli di oliva

La Spagna ha affermato che questo metodo è approvato dal CIO ma non ancora ampiamente utilizzato. "Risolverebbe molti dei problemi delle miscele con altri oli, in particolare i cosiddetti 'designer si fondono "che soddisfano i requisiti legali".

- Riduzione del limite degli esteri alchilici

Ciò non scoraggia l'uso di oli deodorati ma è molto utile per prevenirne l'uso lampante olii in miscele. Gli oli di buona qualità sono generalmente sotto il limite, quindi l'abbassamento non dovrebbe creare problemi, ha affermato la Spagna.

- Adozione di un test per digliceridi e trigliceridi

"Riteniamo che sia necessario stabilire alcuni limiti appropriati in modo che il metodo possa essere utilizzato per combattere miscele fraudolente e determinare la freschezza ", è stato l'unico commento della Spagna.

- Revisione del calcolo del contenuto di cera

La Spagna vede questo parametro come fondamentale per la rilevazione della sansa in miscele fraudolente e di oli inferiori derivati ​​da una seconda centrifugazione.

Disse che al momento si stava considerando di ridurre il limite "ma c'è bisogno di molta cautela con alcune varietà, come l'arbequina, che si comportano in modo diverso dagli altri ".

Altri punti fatti dalla Spagna includevano:

- il consumo di olio d'oliva dovrebbe essere promosso nelle scuole in modo simile al programma di frutta e verdura dell'UE

- il regime di aiuti all'ammasso privato per l'olio d'oliva dovrebbe essere rivisto e un regime analogo previsto per le olive da tavola

- si dovrebbero prendere in considerazione misure di autoregolamentazione per il settore dell'olio d'oliva, anche per consentirgli di eliminare le eccedenze dal mercato.

Gli aspetti chiave del piano Cioloş sono all'ordine del giorno di una riunione dell'11 dicembre del Comitato di gestione della Commissione europea per l'organizzazione comune dei mercati agricoli. Tra le modifiche proposte da discutere ci sono l'etichettatura, l'imballaggio unidirezionale nel settore dell'ospitalità, le norme sugli aiuti all'ammasso privato e i regolamenti sulle caratteristiche dell'olio d'oliva e sui metodi di analisi.



Related News

Feedback / suggerimenti