`La Spagna inizia la stagione con scorte basse, preoccupazioni circa le previsioni

Affari

La Spagna inizia la stagione con scorte basse, preoccupazioni circa le previsioni

Ottobre 28, 2013
Julie Butler

Notizie recenti

spagna-inizio-stagione-con-low-titoli-preoccupazioni-su-previsioni-olio d'oliva-volte-low-titoli-high-previsione-in-spagna

Gli imbottigliatori di olio d'oliva spagnoli sono ai livelli più bassi di magazzino in circa quattro anni, secondo gli ultimi dati dell'agenzia spagnola di olio d'oliva (AAO).

Le cifre rilasciate oggi al 30 settembre - la fine della stagione ufficiale delle olive - mostrano che le scorte di olio di oliva detenute dai confezionatori erano diminuite a poco meno di 103,000 tonnellate, il minimo dal dicembre 2009, quando il consumo totale mondiale era inferiore di circa 300,000 tonnellate.

E la situazione con Olio d'oliva spagnolo i mulini sono simili, con poco meno di 186,000 tonnellate disponibili alla fine di settembre, il più basso da novembre 2010.

Complessivamente, il paese ha iniziato la nuova stagione questo mese con un riporto di 302,500 tonnellate di olio d'oliva, uscendo da una stagione che ha prodotto solo 616,300 tonnellate - in calo del 62% rispetto alla precedente, stagione record - e nonostante le importazioni molto superiori alla media, secondo ai dati AAO.

pubblicità

Le importazioni di olio d'oliva in Spagna - di gran lunga il più grande produttore mondiale - sono state quasi 118,000 tonnellate nel 2012/13, quasi il doppio di quella della stagione precedente e quasi il triplo di quella del 2010/11, anche se i dati dell'ultimo mese sono ancora provvisori.

Anche le vendite di olio d'oliva in Spagna sono diminuite sia in termini di esportazioni che di consumi interni, rispettivamente in calo di 23 e 7 in media rispetto alle quattro stagioni precedenti.

Attenzione sollecitata sulle stime del raccolto

Nel frattempo, sono state sollevate preoccupazioni per il governo andaluso previsioni questa settimana per la nuova stagione dell'olio d'oliva è stato eccessivamente ottimista e farà scendere ulteriormente i prezzi.

Elena Víboras, ministro dell'agricoltura, della pesca e dello sviluppo rurale del governo regionale andaluso, ha rilasciato il stime ufficiali lunedì, che solo l'Andalusia avrebbe prodotto oltre 1.3 milioni di tonnellate di olio d'oliva nel 2013/14 e la Spagna circa 1.6 milioni di tonnellate.

Ma Infaoliva, la Federazione spagnola delle industrie e dei produttori di olio d'oliva, ha affermato che queste cifre non tengono conto della necessità di pioggia, che se non ricevuta potrebbe comportare una produzione inferiore di almeno il 10 percento del previsto.

In un mercato così sensibile, le previsioni potrebbero vedere i prezzi mantenuti bassi fino almeno al prossimo giugno, ha dichiarato Infaoliva, perché i commercianti di olio d'oliva saranno in grado di acquistare a buon mercato con il pretesto che l'offerta coprirà la domanda.

E FAECA, la Federazione andalusa delle imprese cooperative agricole, ha dichiarato che, sebbene non abbia dubitato della professionalità degli esperti governativi dietro le previsioni, è stato comunque "sorpreso ”dalle stime e le ha considerate "prematuro "dato "le enormi ripercussioni di questo tipo di informazioni sul mercato ".

La FAECA ha anche affermato che l'inizio caldo e secco della caduta ha provocato un ritardo nello sviluppo dei frutti e un livello di stress idrico che potrebbe ridurre la resa in olio.

E mentre all'inizio di questo mese il Consiglio oleicolo internazionale ha previsto provvisoriamente un totale mondiale di 3 milioni di tonnellate di olio d'oliva per il 2013/14, il Centro internazionale per l'eccellenza dell'olio d'oliva del Westfalia Separator Group di GEA stima una produzione globale di soli 2.76 milioni di tonnellate, con la Spagna circa la metà di questa, o circa 1.35 milioni di tonnellate .

Un rapporto pubblicato questa settimana ha anche affermato che le scorte globali di olio d'oliva erano presenti "significativamente "inferiore rispetto all'inizio della stagione più bassa, la quantità risultante di olio d'oliva disponibile sul mercato in questa stagione sarebbe in calo di quasi il 70% in meno rispetto alla precedente.



Related News