`Gli agricoltori spagnoli minacciano di demolire il raccolto a meno che il governo non agisca - Olive Oil Times

Gli agricoltori spagnoli minacciano di strappare il raccolto a meno che non siano gli atti del governo

Ottobre 21, 2010
Daniel Williams

Notizie recenti

Di Daniel Williams
Olive Oil Times Contributore | Segnalazione da Barcellona

La campagna 2010/2011 inizierà con i prezzi più bassi degli ultimi anni e molti agricoltori spagnoli, a fronte degli elevati costi di raccolta, stanno valutando la possibilità di bloccare il raccolto a causa della non redditività del processo.

Durante un'era opportunistica in cui gli analisti aziendali ritengono che gli olivicoltori dovrebbero fare maggiori sforzi per investire, gli olivicoltori si trovano di fronte a una redditività di mercato che non copre i propri costi di produzione. Allo stato attuale delle cifre, molti agricoltori spagnoli hanno calcolato che raccogliere il raccolto costerebbe loro più di quanto potrebbero guadagnare in un secondo momento
tempo dopo aver trattenuto i loro prodotti dal mercato.

Rafael Civantos

Gli esperti vedono già la situazione attuale come altamente problematica. Tenendo conto del prezzo minimo al chilo che può essere considerato redditizio (2.49 euro / chilo) rispetto ai prezzi e alla produzione della stagione 2009/2010 - 567,691 tonnellate con un prezzo medio di vendita di 1.81 euro al chilo - gli analisti calcolano che gli olivicoltori di Jaén ha già perso circa 386 milioni di euro. [1]

In questo scenario pessimista, migliaia di olivicoltori si chiedono se valga la pena iniziare la coltivazione dell'olivo del prossimo anno a causa degli inevitabili costi di salari, carburante e macchinari. Data la precaria situazione del settore oleicolo e la situazione futura, COAG-Jaén, uno dei maggiori sindacati agricoli spagnoli, avverte che prenderà provvedimenti se non verranno avviati cambiamenti di prezzo a seguito di un intervento del ministero dell'Ambiente, rurale e marittimo del governo centrale Affari.

COAG-Jaén ha anche sollevato la questione di garantire un'attuazione più rigorosa delle misure punitive contro alcune delle più grandi aziende di imbottigliamento della Spagna che sono state accusate di etichettatura fraudolenta e una miriade di altri presunti abusi.

Gli analisti economici ritengono che la crisi dei prezzi abbia un effetto negativo sulla creazione di posti di lavoro in un momento in cui il tasso di disoccupazione spagnolo ha superato il 20% della popolazione generale. [2] Il numero di persone che lavorano nel settore dell'olio d'oliva è già diminuito in risposta al calo dei prezzi. Secondo un rapporto del 2010 della Foundation of Rural
Studies, un progetto associato all'Unione dei Piccoli Agricoltori e Allevatori, dipendenti del settore dell'olio d'oliva sono diminuiti del 4% lo scorso anno a circa 786,050 dipendenti nel 2009. [3] Si prevede che ancora di più rimarranno senza lavoro se la situazione continua.

Il segretario generale di COAG-Jaén, Rafael Civantos, spiega: "I sette milioni di stipendi contabilizzati nell'ultima campagna diminuiranno definitivamente quest'anno perché molti agricoltori stanno pianificando di lasciare parte del loro raccolto e di non raccoglierlo, soprattutto
quelli che si trovano in zone montuose e in altri luoghi inaccessibili. "1

In risposta, COAG-Jaén ha emesso un avviso pubblico chiedendo al governo centrale di aumentare i prezzi delle olive avviando un'altra campagna di stoccaggio o attraverso altre misure interventiste. "Stiamo combattendo per tutti e non escludiamo il blocco dell'inizio della nuova campagna fino a quando non verranno prese misure per risolvere la situazione critica nel settore dell'olio d'oliva a Jaén, "ha detto il segretario generale Rafael Civantos.1

In risposta a questi avvertimenti, il ministro dell'Ambiente, degli affari rurali e marittimi, Elena Espinosa, ha affermato che il governo spagnolo non solleciterà una campagna di deposito privato dall'Unione europea fino a quando non saranno soddisfatte determinate condizioni. Ha insistito, tuttavia, sul fatto che il governo spagnolo avvierà sempre questo sforzo, "quando la situazione soddisfa le condizioni e le regole del gioco necessarie. "[4]

1 "España: bloquearán el inicio de campaña si no se toman medidas anti crisi ”
2 Instituto Nacional de Estadística
3 "Agricultura Familiar en España 2010: Informe Socioeconómico ”(PDF)
4 "España: Medio Rural reitera que no solicitará el almacenamiento de aceite ”

pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti