` La campagna spagnola sulle olive da tavola raggiunge 10 paesi - Olive Oil Times

La campagna spagnola delle olive da tavola raggiunge i Paesi 10

Giu. 6, 2012
Pandora Penamil Penafiel

Notizie recenti

Le olive da tavola spagnole saranno promosse in dieci paesi durante 2012, in base agli accordi di cooperazione firmati dall'Organizzazione interprofessionale Table Olive (lnteraceituna) con l'Istituto spagnolo di commercio estero (ICEX), l'Agenzia di promozione commerciale dell'Andalusia (Extenda) e Extremadura Avante.

Le attività promozionali nel corso del 2012 si svolgeranno in dieci località tra cui Ungheria, Slovacchia, Australia, Francia, Messico, Polonia, Regno Unito, Repubblica Ceca, Russia e Ucraina. Il budget è di circa due milioni di euro, secondo Interaceituna.

Queste attività comprendono la promozione presso il punto vendita, gli spettacoli gastronomici, i seminari culinari, gli accordi editoriali e la presenza in fiere alimentari internazionali, nonché la creazione di contenuti web, lo sviluppo di social network e blog.

Obiettivo dell'iniziativa è promuovere le proprietà nutritive delle olive e la loro versatilità e formare un'associazione diretta tra le olive e il loro luogo di origine.

Per raggiungere questi obiettivi, l'iniziativa conta anche su chef internazionali come Benjamin Darnaud, che parteciperanno in Francia; Adrián Quetglas, in Russia; Andrej Polan, in Polonia; Omar Allibhoyin Regno Unito; ed Enrique Sánchez negli altri paesi.

Le promozioni realizzate nelle principali catene di supermercati hanno già spinto la presenza di olive da tavola spagnole al momento dell'acquisto. Nel 2011, infatti, sono state condotte 2,500 ore di attività di promozione e degustazione, secondo gli organizzatori.

Come ha sottolineato l'Interaceituna, la Spagna è uno dei principali esportatori e produttori di olive da tavola, rendendola un riferimento internazionale e consentendo al marchio Olive dalla Spagna di consolidarsi.

La raccolta meccanizzata è la soluzione per aumentare la competitività?

Allo stesso tempo, il vicedirettore dell'Associazione spagnola degli esportatori e produttori di olive da tavola (Asemesa), Jose Manuel Escrig ha difeso l'adozione della raccolta meccanizzata per aumentare la competitività del settore e stabilizzare e aumentare le vendite.

Escrig ha parlato all'Università di Cordoba, dove ha condiviso con gli studenti le sue idee sulla posizione dell'industria delle olive da tavola con queste nuove tecniche di raccolta meccanizzata.

Durante il suo discorso, Escrig ha delineato la situazione attuale nel campo delle olive da tavola e ha ricordato che la leadership spagnola è minacciata da fattori come la perdita di quote di mercato all'emergere di nuovi paesi produttori ed esportatori, la diminuzione dei consumi interni e l'aumento dei scorte dell'ultimo raccolto.

In questa situazione, ha insistito sulla graduale introduzione di nuove tecniche di raccolta, a causa del "impossibilità ”dei metodi di raccolta manuale nello scenario economico attuale.

A suo avviso, la maggior parte delle piantagioni di olive tradizionali non saranno sostenibili se non sono meccanizzate e trova assolutamente necessario modernizzarle per adattare la terra alla meccanizzazione.



Related News

Feedback / suggerimenti