`La Commissione europea chiama 'ingiusto' la proposta di ordine di commercializzazione dell'olio d'oliva - Olive Oil Times

Chiamata della Commissione europea Proposta di marketing sull'olio di oliva "Ingiusto"

Novembre 28, 2012
Julie Butler

Notizie recenti


Il commissario dell'Unione europea per il commercio Karel De Gucht

Gli importatori subiranno ritardi e costi ingiusti se proposti Ordine di marketing degli Stati Uniti per l'olio d'oliva è applicato a loro, dice il commissario europeo per il commercio Karel De Gucht.

Rispondendo a nome della Commissione europea a un'interrogazione al Parlamento europeo, il politico belga ha affermato che la Commissione sta monitorando il dibattito sul possibile ordine di marketing, che "imporrebbe una nuova definizione standard, metodi di prova ed etichettatura per l'olio d'oliva negli Stati Uniti ".

"Gli Stati Uniti rappresentano di gran lunga il mercato di esportazione più importante dell'UE per gli esportatori di olio d'oliva dell'UE. Se un ordine di marketing del Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) si applica all'olio d'oliva importato, ciò creerebbe ritardi ingiusti e costi aggiuntivi per gli importatori ", ha affermato in una risposta scritta il 20 novembre.


La Commissione sta lavorando "in stretta collaborazione con gli Stati membri interessati e il Consiglio oleicolo internazionale per sostenere gli interessi degli esportatori dell'UE ".

"La questione è stata sollevata più volte con le autorità statunitensi competenti, tra cui rappresentanti della Camera, del Senato, dell'USDA e del rappresentante commerciale degli Stati Uniti.

"La questione è stata sollevata anche a livello politico, nel quadro del dialogo transatlantico. La Commissione continuerà a monitorare il dibattito con l'obiettivo di prevenire qualsiasi impatto negativo sulle esportazioni dell'UE negli Stati Uniti ”ha affermato.

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Diverse domande sollevate al Parlamento europeo

De Gucht stava rispondendo a domanda scritta il mese scorso da un membro spagnolo del Parlamento europeo, María Auxiliadora Correa Zamora, che ha chiesto cosa intende fare la CE riguardo alla minaccia di "barriere non tariffarie ”imposte agli esportatori di olio d'oliva dell'UE.

Domande simili sono state poste da altri parlamentari, tra cui il collega Francisco Sosa Wagner, che il 24 ottobre ha scritto che le proposte di ordini di marketing includono "trattenere il petrolio per giorni per testare l'intero prodotto ”, e violerebbe le regole del commercio internazionale.

"Questa misura rappresenterebbe un rischio per la qualità, oltre ad aumentare i costi e ad altri problemi di esportazione ”, ha affermato.

Stati Uniti un mercato chiave per Spagna, Portogallo

E in una domanda del 12 novembre, anche l'eurodeputata portoghese Nuno Melo ha invitato la CE ad agire "la possibile restrizione sulle importazioni di olio d'oliva che viene presa in considerazione negli Stati Uniti attraverso la pubblicazione di un ordine di marketing. "

Gli Stati Uniti sono uno dei mercati più grandi per la Spagna e il sesto più grande per il Portogallo, che nei primi otto mesi del 2012 ha spedito lì 2.9 milioni di euro (3.7 milioni di dollari) di olio d'oliva.

"Questa restrizione influenzerà in particolare le esportazioni europee, poiché costa di più agli europei immettere il loro olio d'oliva sul mercato americano ", ha affermato.

Preoccupazioni sui costi, ritorsioni

Il senatore statunitense Charles E. Schumer, che ha invitato il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti a non adottare l'ordine di marketing, ha dichiarato a maggio che avrebbe aggiunto $ 7,000 in costi di test a ciascuna delle spedizioni di Sovena (importatore e imbottigliatore con sede a New York).

Ma nel suo rapporto sul disegno di legge statunitense sugli agricoltori, il comitato per l'agricoltura della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti ha affermato che se il cambiamento dovesse andare avanti, "il Comitato si aspetta che l'USDA, in collaborazione con l'ufficio del Rappresentante commerciale degli Stati Uniti, assicuri che l'ordine di marketing sia implementato in modo tale da non causare indebite interruzioni degli scambi ".

Tuttavia, il rapporto è stato incluso anche in "Altre opinioni ”commentano i membri del comitato Chris Gibson, Tim Johnson e Randy Hultgren sulle loro paure "imporre una barriera commerciale non tariffaria alle importazioni di olio d'oliva ... inviterà ritorsioni da parte dell'UE e di altri contro le esportazioni agricole statunitensi ".

Il conto agricolo degli Stati Uniti in ritardo si è bloccato al Congresso prima delle recenti elezioni. Se una volta approvato, include una disposizione per includere l'olio d'oliva ai sensi della legge sull'adeguamento agricolo, le importazioni saranno anche soggette a qualsiasi ordine di commercializzazione nazionale applicato dall'USDA.



Related News

Feedback / suggerimenti