`La Commissione Europea considera l'uso dell'editing genetico in agricoltura - Olive Oil Times

La Commissione Europea considera l'uso dell'editing genetico in agricoltura

Giu. 10, 2021
Justo Alvarez

Notizie recenti

La Commissione europea ha annunciato che riesaminerà le norme dell'Unione europea in materia di organismi geneticamente modificati (OGM), aprendo potenzialmente la strada all'allentamento delle restrizioni all'uso della tecnologia di modifica genetica nel settore agricolo.

A rapporto della commissione ha affermato che l'uso della tecnologia di modifica genetica, che prende di mira geni specifici per promuovere o reprimere determinati tratti, potrebbe contribuire alla futura produzione alimentare sostenibile.

L'UE ha la responsabilità di proteggere i diritti degli agricoltori di scegliere ciò che piantano e delle persone di scegliere ciò che mangiano e di proteggere l'ambiente e la biodiversità dai potenziali danni causati dai nuovi OGM.- Kevin Stairs, consulente per le politiche sugli OGM, Greenpeace

"Lo studio da noi [pubblicato] conclude che le Nuove Tecniche Genomiche possono promuovere la sostenibilità della produzione agricola, in linea con gli obiettivi del nostro Strategia Farm to Fork", ha affermato Stella Kyriakides, commissario per la salute e la sicurezza alimentare.

"Con la sicurezza dei consumatori e l'ambiente come principio guida, ora è il momento di avere un dialogo aperto con i cittadini, gli Stati membri e il Parlamento europeo per decidere insieme la via da seguire per l'uso di queste biotecnologie nell'UE", ha aggiunto. .

Vedi anche: Il cambiamento climatico sta alterando i profili nutrizionali delle colture mondiali

Julia Kloeckner, il ministro tedesco dell'agricoltura, ha accolto con favore i risultati della commissione, definendo la decisione di affrontare un nuovo quadro giuridico sulle colture geneticamente modificate come un "modernizzazione in ritardo", che aiuterebbe gli agricoltori.

Tuttavia, nel rapporto, la commissione ha anche affermato che c'erano preoccupazioni sulla sicurezza delle colture geneticamente modificate che avrebbero dovuto essere affrontate, nonché questioni relative al loro impatto ambientale e al modo in cui dovrebbero essere etichettate.

Gli OGM, che comportano il trasferimento di un gene da un organismo a un altro per conferire il carattere desiderato, sono usati raramente nell'UE a causa dello scetticismo sui loro impatti ambientali.

I funzionari in Francia, che è il più grande produttore di colture OGM dell'UE, in precedenza hanno affermato di sostenere il trattamento delle tecniche di modificazione genetica in modo diverso dagli OGM.

Tuttavia, i critici di questa idea sostengono che i problemi fondamentali sono gli stessi sia per le colture geneticamente modificate che per gli OGM.

"L'UE ha la responsabilità di proteggere i diritti degli agricoltori di scegliere ciò che piantano e delle persone di scegliere ciò che mangiano, e di proteggere l'ambiente e la biodiversità dai potenziali danni dei nuovi OGM", ha affermato Kevin Stairs, consigliere per la politica sugli OGM dell'UE di Greenpeace.

"La Commissione europea ei governi nazionali devono rispettare il principio di precauzione e la decisione della Corte di giustizia europea", ha aggiunto. "Gli OGM con un altro nome sono ancora OGM e devono essere trattati come tali secondo la legge”.

Mentre l'olio d'oliva non è in gran parte influenzato dal dibattito sugli OGM, con poco appetito per la sperimentazione nell'industria, l'editing genetico potrebbe riaprire un vecchio dibattito.

Nell'estate del 2012 un'iniziativa di ricerca dell'Università della Tuscia è stata interrotta bruscamente. In discussione era la sperimentazione dell'università centrale italiana con gli olivi OGM.

I ricercatori stavano cercando di creare un albero resistente alle comuni infezioni fungine e batteriche. Tuttavia, le organizzazioni anti-OGM hanno affermato che il progetto ha violato il diritto dell'UE ed è stato chiuso prima che si potesse giungere a qualsiasi conclusione. Tutti gli alberi sono stati distrutti.

Circa un anno dopo, Xylella fastidiosa ha cominciato a diffondersi in tutta la regione meridionale del Puglia, la regione italiana produttrice di olio d'oliva più produttiva, e da allora non si è più fermata. Il nuovo dibattito a Bruxelles potrebbe ispirare alcuni a considerare l'editing genetico come una soluzione all'inesorabile problema della regione.

Steve Savage, un patologo delle piante e consulente agricolo in California, in precedenza aveva suggerito che potrebbe esserci una soluzione di ingegneria genetica per fermare la diffusione del batterio Xylella fastidiosa nei vigneti della California.

"I moderni approcci di ingegneria genetica potrebbero essere modi molto logici per proteggere queste particolari colture", ha affermato.

Daniel Dawson ha contribuito a questo rapporto.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti