Affari

L'esenzione dalle tariffe statunitensi crea opportunità per gli esportatori greci

Tariffe recentemente imposte su alcune esportazioni spagnole di olio d'oliva verso gli Stati Uniti potrebbero aiutare i produttori e gli esportatori greci ad aumentare la loro presenza nel redditizio mercato statunitense dell'olio d'oliva.

Nave da carico nel porto greco di Volos
Ottobre 23, 2019
Di Costas Vasilopoulos
Nave da carico nel porto greco di Volos

Notizie recenti

L'esenzione dell'olio di oliva greco dal elenco delle tariffe americane on Unione europea i prodotti agricoli sono stati accolti come un'opportunità per gli esportatori di aumentare le loro vendite di olio d'oliva al Stati Uniti e rivendicano parte della quota di mercato precedentemente dominata dalla Spagna.

Tuttavia, gli esperti del settore dell'olio d'oliva e gli esportatori esperti nel Grecia ha affermato che la situazione è più complessa di quanto sembri per i produttori e gli esportatori di olio d'oliva che cercano di far avanzare le loro attività dall'altra parte dell'Oceano Atlantico.

La Grecia non è ancora penetrata nel mercato americano a tal punto da poter dire che le tariffe imposte all'olio d'oliva spagnolo ci apriranno una finestra ampia.- Giorgos Economou, direttore esecutivo di SEVITEL

Il mercato americano è della massima importanza per il settore agricolo spagnolo quando si tratta di olio d'oliva, hanno detto gli esperti, con esportazioni di circa 75,000 tonnellate e un fatturato di quasi € 400 milioni ($ 442 milioni) per produttori ed esportatori spagnoli nel 2018.

In tal senso, Spagna ci si aspetta che mantenga le sue basi e escogiti nuovi modi per incanalare il suo olio d'oliva sul mercato americano dopo l'entrata in vigore delle nuove tariffe.

Guarda anche: Notizie commerciali sull'olio d'oliva

D'altro canto, Italia, il secondo più grande esportatore di olio d'oliva negli Stati Uniti, ha anche rinunciato alle nuove tariffe, il che significa che i produttori e gli esportatori italiani a loro volta perseguiranno una quota maggiore del mercato americano dell'olio d'oliva.

pubblicità

Per quanto riguarda la Grecia, le olive commestibili sono di gran lunga il prodotto di esportazione più forte del settore oleicolo verso gli Stati Uniti in termini di valore, raggiungendo un fatturato di oltre € 130 milioni ($ 143 milioni) in 2018. Allo stesso tempo, l'olio d'oliva ha riportato circa € 41 milioni ($ 45 milioni) agli esportatori greci e ha coperto solo il tre percento del mercato statunitense.

Con le nuove tariffe in viaggio la strada non è spalancata, ma esiste l'opportunità per l'olio d'oliva greco di aumentare la sua quota nel mercato statunitense, hanno detto gli esperti. Tuttavia, l'intera catena di olio d'oliva (produttori, mugnai, esportatori e lo stato) dovrebbe agire rapidamente, hanno consigliato, per colmare il divario e pubblicizzare la qualità e il valore aggiunto dell'olio d'oliva greco per i consumatori americani.

Lo ha detto Giorgos Economou, direttore esecutivo di SEVITEL, l'associazione degli imbottigliatori di olio d'oliva greci Olive Oil Times che è quasi auspicabile pensare di poter mettere da parte la Spagna nel mercato americano dell'olio d'oliva.

"Non mi affretterei a celebrare l'esenzione della Grecia dalle nuove tariffe ”, ha dichiarato Economou. "La Spagna è il più grande produttore di olio d'oliva al mondo, con una grande rete di esportazione e una posizione consolidata nel mercato statunitense. "

"Gli esportatori spagnoli hanno già inviato olio d'oliva di riserva negli Stati Uniti dallo scorso maggio, come misura precauzionale per bilanciare eventuali ripercussioni derivanti dalle nuove tariffe ", ha aggiunto. "Quindi, non mi aspetto che le prossime misure fiscali avranno un effetto immediato sulle esportazioni di olio d'oliva in bottiglia spagnolo negli Stati Uniti ”

Economou ha anche sottolineato il fatto che esistono altri percorsi per la Spagna di inviare il suo olio d'oliva in America ed evitare la nuova tassa.

"Poiché le nuove tariffe non si applicano all'olio d'oliva spagnolo non standardizzato, i produttori spagnoli possono esportare l'olio d'oliva sfuso e utilizzare le loro strutture di imballaggio esistenti negli Stati Uniti per imbottigliarlo sul suolo americano, sfuggendo alle nuove tariffe in questo modo ", ha disse. "Oppure possono persino creare un triangolo con Portogallo, che è stato esentato dalla nuova tassa ed esportare il loro olio d'oliva in bottiglia attraverso il loro vicino ".

L'imbottigliamento di olio d'oliva spagnolo negli Stati Uniti aumenterebbe il suo prezzo al dettaglio, ma ciò comporterebbe un costo meno significativo rispetto alla tariffa del 25 percento recentemente imposta.

Per quanto riguarda la Grecia, Economou ha affermato che il paese è ancora un piccolo attore nel mercato americano dell'olio d'oliva e non vi è alcuna garanzia che le condizioni favorevoli create dalla guerra commerciale esistano per sempre.

"La Grecia non è ancora penetrata nel mercato americano a tal punto da poter dire che le tariffe imposte all'olio d'oliva spagnolo ci apriranno una grande finestra ", ha affermato. "Ma credo anche che la guerra commerciale tra l'UE e gli Stati Uniti continuerà in altre aree e le cose relative all'olio d'oliva potrebbero cambiare di nuovo in futuro. Pertanto, non è possibile escludere un ritorno allo stato precedente. Tutto sommato, non è sicuro presumere che le tariffe aiuteranno la Grecia ad aumentare le sue esportazioni di olio d'oliva negli Stati Uniti nel lungo periodo. "

Nonostante la prospettiva limitata, Economou ha affermato che l'olio di oliva greco non è molto conosciuto negli Stati Uniti e che ora dovrebbe essere messo in atto un piano per promuoverlo ulteriormente, utilizzando strumenti come il "Enterprise Grecia "che fornisce alle imprese un effetto leva per aiutare ulteriormente i loro sforzi di esportazione.





Related News