Progetto di quattro anni per fondare una fondazione per il settore dell'olio di oliva galiziano

Con 2021 Galicia prevede di completare un progetto di ricerca e sviluppo quadriennale che cerca di stabilire solide basi per un'industria olearia galiziana basata su varietà di olive autoctone.

La missione biologica della Galizia
Giu. 14, 2018
Di Rosa Gonzalez-Lamas
La missione biologica della Galizia

Notizie recenti

Entro il 2021 la Galizia prevede di completare un progetto quadriennale di ricerca e sviluppo che cerca di stabilire solide basi per un'industria dell'olio d'oliva galiziana basata su varietà di olive autoctone.

"Caratterizzazione e recupero delle varietà di olive autoctone della Galizia "è il primo grande progetto scientifico dedicato alle olive galiziane ed è iniziato nel 2017 con l'obiettivo di recuperare gli ulivi autoctoni, identificare le varietà di olive galiziane, intraprendere una produzione su piccola scala dei loro oli d'oliva da analizzare le loro qualità e ampliando la loro produzione per identificare le varietà con il miglior potenziale di business.

Il gruppo di viticoltura della missione biologica della Galizia, un centro del Consiglio nazionale delle ricerche spagnolo, guida questa ricerca sponsorizzata dalla Fondazione Juana de Vega e sostenuta dall'APAG, l'Associazione galiziana dei produttori di olive e olio.

Il Gruppo è responsabile delle attività relative agli aspetti scientifici e tecnologici della viticoltura e, dal 2012, all'olivicoltura galiziana.

Le sue indagini iniziali hanno confermato l'esistenza di due varietà di olive autoctone, Brava Gallega e Mansa Gallega, che nel 2017 sono state riconosciute e incorporate nel Registro spagnolo delle varietà di olive con interesse commerciale e, di conseguenza, nei cataloghi e database delle varietà vegetali dell'UE. Ciò ha permesso la loro piantagione, produzione di olive e olio e l'indicazione sulle etichette dei prodotti.

"Abbiamo descritto i loro profili e caratteristiche del DNA in base al codice UPOV esistente per Olea europea e abbiamo alcuni dati sui loro tratti organolettici e l'analisi dei loro oli, ma abbiamo bisogno di valutazioni a lungo termine degli ulivi e dell'influenza del tempo annuale per rendere rigoroso e conclusioni attendibili sulle peculiarità di ogni varietà di olive ", ha affermato María del Carmen Martínez, capo del gruppo.

In 2018 la Missione ha riferito i risultati della prima fase del progetto quando gli ulivi centenari 116 sono stati identificati e contrassegnati. Tredici varietà di olive diverse e sconosciute sono state trovate dopo aver analizzato il DNA e le descrizioni botaniche di 70 di questi alberi.

Ad eccezione di Brava e Mansa Gallega e Cobrancoça portoghese, le altre varietà devono essere nominate. Il piano ora passa alle fasi che cercano di espandere e completare il recupero delle varietà autoctone di olivo e la caratterizzazione degli olii prodotti dalle loro olive.

Una volta completato il progetto, il Gruppo Viticoltura prevede di fornire ai governi galiziani e spagnoli i dati necessari per registrare nuove varietà di olive come autoctone della Galizia e distinte a livello globale. Prevede quindi di offrire materiale ai produttori e ai vivai che potrebbero aiutare a espandere le industrie dell'olio di oliva e delle olive da tavola utilizzando varietà di olive indigene galiziane.

La precedente esperienza del gruppo con le fasi iniziali di un'industria vinicola galiziana basata su varietà di uva locali e le molte somiglianze tra olive e viti, servono come riferimento per lo sviluppo di quella che sembra essere un'industria dell'olio d'oliva regionale promettente.

Sebbene la Galizia sia nota per la sua produzione di vino, ulivi centenari situati in tutta Ribeira Sacra, Valdeorras e la provincia di Pontevedra attestano un'antica produzione di olio d'oliva. Molti alberi sono stati rimossi secoli fa e la produzione commerciale di petrolio è stata abbandonata, ma la produzione interna non è mai cessata. Negli ultimi anni alcune aziende e cantine hanno ripreso questa produzione con un target commerciale.

Circa 300 ettari di ulivi sono attualmente piantati in Galizia, 130 dei quali, o il 40 percento, appartengono ai membri APAG. "L'Associazione è pronta a fornire consulenza al numero crescente di persone interessate a piantare ulivi, in particolare da varietà autoctone, ”ha osservato il presidente di APAG, José Antonio García Martínez. Molte aziende, in particolare quelle straniere, sono interessate a investire nel settore oleicolo della Galizia, ha osservato.

Tra gli attuali operatori in Galizia, quattro impiegano varietà di olive autoctone coltivate in Galizia; cinque produttori producono olii di olive non autoctone coltivate in Galizia.

Secondo García, i produttori di APAG si stanno concentrando sulla produzione di oli d'oliva di alta qualità, prestando la massima attenzione a tutte le fasi coinvolte nella produzione per garantire lo stato gourmet del loro prodotto.

APAG ritiene che la ricerca della Missione biologica possa avere un impatto positivo sull'espansione del settore olivicolo della Galizia e sul riconoscimento dell'unicità dei suoi oli d'oliva autoctoni. L'aspirazione dell'Associazione è che questi sforzi possano contribuire a costituire una denominazione di origine che certifichi la qualità e l'origine degli oli d'oliva della Galizia.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti