`Altre figure cupe per il commercio globale di olio d'oliva - Olive Oil Times

Altre cifre truce per il commercio globale di olio d'oliva

Può. 8, 2014
Julie Butler

Notizie recenti

Le importazioni di olio d'oliva sono diminuite di circa il 22,620% rispetto allo scorso anno in sette principali mercati al di fuori dell'Europa - un calo di - tonnellate, secondo i nuovi dati del Consiglio oleicolo internazionale.

Ciò significa che la stima del CIO di un surplus mondiale di 480,000 tonnellate in questa stagione - appena aggiornata per riflettere una maggiore produzione spagnola - potrebbe finire molto più grande.

Nella sua ultima newsletter di mercato, il CIO riferisce che il Giappone è l'unico mercato chiave in cui l'olio d'oliva e olio di sansa di oliva le importazioni sono aumentate nei primi cinque mesi della stagione, dallo scorso ottobre a questo febbraio. Le importazioni sono aumentate del 2% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

Ma sono cattive notizie nei primi due mercati extra-UE del mondo - Stati Uniti e Brasile - con cali rispettivamente del 6 e del 14%. E in Cina, il più grande mercato dopo il Giappone, il commercio è precipitato del 31%, mentre per l'Australia era del 16%, il Canada del 10% e la Russia del 3%.

"La preoccupazione per questa diminuzione delle importazioni è alimentata anche dal fatto che per questi sette paesi era prevista una crescita dell'1% nei saldi provvisori del CIO per il 2013/14. Se il calo complessivo del 9% dovesse reggere, i dati attuali nel bilancio 2013/14 dovrebbero essere adeguati per ridurre le importazioni mondiali di 53 tonnellate ", ha detto il CIO.

Produzione record in Spagna

Tra lo scorso ottobre 2013 e la fine di marzo, i primi sei mesi della stagione 2013/14, la Spagna ha prodotto oltre 1.75 milioni di tonnellate di olio d'oliva, secondo la sua Agenzia di informazione e controllo alimentare (AICA).

"Questo tonnellaggio record è del 188% in più rispetto alla stagione precedente e superiore alle stime iniziali. Di conseguenza, la produzione mondiale è stimata a circa 3,150 tonnellate e le scorte finali dovrebbero essere superiori a 000 tonnellate fintanto che le altre cifre provvisorie del bilancio mondiale non cambiano ", ha detto il CIO.

Vendite di olive da tavola in calo, tranne negli Stati Uniti

Nei primi cinque mesi della campagna di olive da tavola 2013/14, le vendite sono aumentate del 6% rispetto allo scorso anno negli Stati Uniti, ma sono diminuite del 14% in Russia, dell'11% in Brasile, del 7% in Canada e del 3% in Australia.


Related News

Feedback / suggerimenti