`Crescente sete di olio d'oliva in Giappone e India - Olive Oil Times

Sete in crescita per l'olio d'oliva in Giappone e in India

Può. 13, 2013
Julie Butler

Notizie recenti

Il ritmo con cui la domanda di olio d'oliva è in aumento in Giappone sta superando anche quello della Cina, secondo la Newsletter di aprile del Consiglio oleicolo internazionale (CIO).

I dati del CIO mostrano che a cinque mesi dall'attuale stagione dell'olio d'oliva, le importazioni sono aumentate di un quarto rispetto allo stesso periodo del 2011/12 in Giappone, del 19% in Cina, del 16% in Brasile, del 12% in Russia e del 4% in entrambi Australia e Stati Uniti - di gran lunga il più grande mercato al di fuori dell'Unione Europea.

E dopo essere diminuita dell'1% nel complesso la scorsa stagione, la domanda in Canada è tornata indietro con una crescita del 21% per ottobre 2012 - febbraio 2013, rispetto allo stesso periodo di un anno fa.

Crescita esplosiva in India

Ma è il nascente mercato dell'olio d'oliva indiano ad avere i dati più vertiginosi. Le importazioni della scorsa stagione sono esplose del 74% nel 2010/11, anche se per un totale di sole 9,400 tonnellate. In confronto, le importazioni sono cresciute del 23% in Giappone nello stesso periodo, per un totale di 45,571 tonnellate.

E per i primi cinque mesi di questa stagione, le importazioni indiane sono aumentate del 48 percento, anche se di nuovo con volumi relativamente piccoli.

India e Giappone: gusti diversi

Nelle sezioni speciali di questo mese sul commercio con l'India e il Giappone, il CIO ha incluso dati che mostrano che il mercato giapponese si è evoluto con una preferenza per l'olio d'oliva vergine e il mercato indiano finora favorisce il grado chiamato olio d'oliva.

Nel 2011/12, due terzi delle importazioni giapponesi erano vergini, il 28% di olio d'oliva e il 5% di olio di sansa d'oliva, mentre quasi i tre quarti dell'India erano classificati come olio d'oliva, il 18% vergine e il 9% di sansa.

Il CIO ha affermato che vale la pena ricordare che ha iniziato le attività per promuovere il consumo di olio d'oliva in Giappone nel 1991 e le tendenze delle importazioni hanno suggerito che ciò fosse avvenuto "un impatto molto significativo. "

Le sue cifre mostrano che sia il Giappone che l'India ottengono la maggior parte del loro olio d'oliva dalla Spagna e dall'Italia. Tra le fonti delle importazioni dall'India, sebbene con piccoli volumi, compaiono Cina e paesi non produttori tra cui Svezia, Giappone e Germania.

Prezzi dei coltivatori in Europa

I prezzi franco mulino per l'olio extravergine di oliva si trovano a 2.84 € / kg in Spagna, rappresentando una crescita del 60% rispetto a un anno fa e un ritorno al livello di settembre 2006.

In Italia sono passati da 2.61 € / kg nell'ultima settimana di novembre a 3.22 € / kg nell'ultima settimana di aprile, registrando una crescita del 34% rispetto allo stesso periodo di una stagione fa.

In Grecia, i prezzi sono aumentati del 34 percento, passando da € 2.04 / kg a € 2.46 / kg tra le ultime settimane di dicembre e aprile. Tuttavia, nelle ultime settimane i prezzi in Italia e in Grecia si sono appiattiti, ha affermato il CIO.

La differenza tra il prezzo dell'olio di oliva raffinato e dell'olio extra vergine di oliva è ora di circa € 0.32 / kg in Spagna e € 0.40 / kg in Italia.

Olive da tavola

Le importazioni di olive da tavola per ottobre - febbraio sono aumentate del 18 percento in Canada, dell'14 percento in Australia, dell'10 percento ciascuna in Brasile e Russia e invariate negli Stati Uniti, rispetto allo stesso periodo della scorsa stagione.



Related News

Feedback / suggerimenti