L'ONU aiuta la cooperativa marocchina a stimolare la produzione nonostante la siccità

Il Fondo internazionale per lo sviluppo agricolo (IFAD) ha collaborato con una cooperativa marocchina rurale per potenziare l'industria dell'olio d'oliva locale.

© IFAD / Giulio Napolitano
Dicembre 5, 2016
Di Reda Atoui
© IFAD / Giulio Napolitano

Notizie recenti

Lo Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD), un ente dipendente dall'Organizzazione delle Nazioni Unite, ha collaborato con una cooperativa marocchina rurale per promuovere e dare impulso all'industria locale dell'olio d'oliva. Finora i risultati sono stati straordinari nonostante il fatto che il paese sia stato colpito di recente da una forte ondata di caldo.
Guarda anche: Copertura completa della raccolta delle olive 2016
La missione dell'IFAD è di promuovere, monitorare e migliorare lo sviluppo agricolo, soprattutto nei paesi emergenti. L'organismo sovvenzionato dall'ONU ha affrontato sfide sempre più difficili negli ultimi anni poiché i cambiamenti climatici sono diventati una preoccupazione urgente a livello mondiale.

In effetti, si prevede che i livelli di pioggia annuali diminuiranno significativamente durante questo secolo (il calo sarebbe tra il quindici e il cinquantadue percento) mentre si prevede che le temperature globali aumenteranno e potrebbero persino raggiungere livelli mai visti prima. L'IFAD ha risposto a queste minacce con misure che spera garantiranno che i coltivatori non soffrano troppo dei cambiamenti climatici.

Il Marocco è stato colpito dalla siccità durante i mesi estivi critici, proprio come la maggior parte dei maggiori produttori di olio d'oliva del mondo. L'Italia e la Francia, tra gli altri, hanno registrato un drastico calo della resa a causa delle difficili condizioni climatiche, ma non è stato così per i coltivatori di Sidi Badhaj.

Abdelatif El Badaoui è il capo della cooperativa Amghras, situata a sud di Marrakech. È anche il leader di un team di giovani tecnici che aiutano gli olivicoltori attraverso mezzi tecnici e scientifici. El Badaoui ha unito gli sforzi con l'IFAD per dare una mano agli olivicoltori di Sidi Badhaj, una città rurale non lontano dalle montagne dell'Atlante.

Il piano d'azione di El Badaoui è triplice. In primo luogo, i coltivatori locali sono stati incoraggiati a potare i loro alberi. Il processo è cruciale e consente di ottenere frutti migliori e può anche aiutare a far fruttare di nuovo un albero abbandonato.

pubblicità

Il team di tecnici ha condiviso la propria esperienza con i coltivatori per quanto riguarda la crescita, la prevenzione dei parassiti e il monitoraggio delle colture, il che ha fatto una differenza significativa nella produzione finale, sia qualitativamente che quantitativamente. Inoltre, sono stati implementati sistemi di irrigazione più pertinenti; lo sforzo si è rivelato totalmente efficace.

© IFAD / Giulio Napolitano

Tutti questi elementi hanno rivoluzionato l'olivicoltura a Sidi Badhaj. Infatti, e in media, i coltivatori sono stati in grado di raccogliere cento chilogrammi (120 Lbs.) Di olive per albero, quando la raccolta dell'anno scorso era di soli venti chilogrammi (44 Lbs.) Di olive per albero.

Anche la qualità dell'olio ottenuto da quelle olive è migliorata. I coltivatori locali sono stati incoraggiati a prendere le olive per la spremitura entro e non oltre le ventiquattro ore successive alla raccolta, invece di farlo nei due mesi successivi alla raccolta, come facevano prima.

L'International Fund for Agricultural Development (IFAD), un'agenzia specializzata delle Nazioni Unite, è stata istituita come istituzione finanziaria internazionale in 1977 come uno dei principali risultati della 1974 World Food Conference.

L'IFAD è dedicato all'eradicazione della povertà rurale nei paesi in via di sviluppo. Il settantacinque percento delle persone più povere del mondo - 1.4 miliardi di donne, bambini e uomini - vive nelle aree rurali e dipende dall'agricoltura e dalle attività connesse per il proprio sostentamento.



Related News