`Indagine dal Consiglio alla Commissione sulla promozione dell'olio d'oliva - Olive Oil Times

Indagine del Consiglio alla Commissione sulla promozione dell'olio d'oliva

Novembre 14, 2011
Julie Butler

Notizie recenti

Evitare i raddoppi e aumentare l'impatto sono tra i motivi del primo sondaggio globale sulla promozione dell'olio d'oliva, ora commissionato dal Consiglio oleicolo internazionale.

Destinato a produrre l'equivalente di un mondiale Chi è Chi di promozione dell'olio d'oliva, il CIO ha recentemente annunciato che avrebbe accettato le offerte per il contratto € 91 000 ($ 123,569) fino a dicembre 5.

Secondo il capitolato d'oneri, quale sarà il "primo sondaggio affidabile mai pubblicato al pubblico ”rivelerà i principali attori coinvolti nelle attività di promozione dell'olio d'oliva a livello internazionale e cosa stanno facendo.

I risultati dell'indagine dovrebbero consentire al CIO e alla più ampia industria dell'olio d'oliva "per avere un quadro chiaro e completo degli sforzi promozionali e dei budget investiti dall'industria in tutto il mondo. "

Tale conoscenza condivisa dovrebbe quindi aiutare tutti i membri del settore: definire opportunità da afferrare, lacune da colmare e mercati da esplorare; coordinare gli sforzi dei vari attori; e cerca di evitare il doppio utilizzo / fatturazione.

Nel complesso, il CIO vuole "migliorare la sinergia e quindi l'impatto ”nel settore complessivo.

In particolare, desidera che l'offerente di successo raccolga dati sui vari investimenti di marketing / budget di comunicazione per l'olio d'oliva, in quali paesi sono stati o sono utilizzati e perché. Anche le principali attività promozionali, il tipo di media utilizzato e le suddivisioni del budget.

Il rapporto del sondaggio, previsto per il prossimo 16 di maggio, deve essere in due versioni: una solo per uso IOC (compresi dati specifici come nomi e budget) e un'altra relazione pubblica (con categorie generiche e fonti anonime).

Il CIO, che ha sede a Madrid, è l'unica organizzazione intergovernativa internazionale nel settore dell'olio d'oliva e delle olive da tavola. I suoi ruoli includono l'incoraggiamento all'espansione del commercio internazionale e l'aumento del consumo di olio d'oliva e olive da tavola.

Tra le altre ricerche di mercato, ha recentemente commissionato rapporti sul consumo di olive da tavola e olio d'oliva in Australia, Giappone e Corea del Sud. L'aggiudicatario, Deloitte (Spagna), deve presentare i suoi risultati entro il prossimo 4 gennaio su questioni quali la domanda e l'offerta di mercato in ogni paese nell'ultimo decennio e i profili dei consumatori.

Deve inoltre valutare la probabile produzione di olio d'oliva e olive da tavola in Australia e le tendenze delle esportazioni nei prossimi 10-15 anni e valutare le sue capacità di esportazione. I budget sono: Australia: € 85 ($ 000), Giappone € 115,421 ($ 80) e Corea del Sud € 000 ($ 108,632).

pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti