Africa / Medio Oriente

Israele aumenta le quote di importazione esenti da dazi sull'olio d'oliva

I produttori spagnoli stanno guardando da vicino mentre il ministro dell'Economia israeliano cerca di stabilizzare i prezzi del petrolio.

tel Aviv
Agosto 1, 2018
Di Daniel Dawson
tel Aviv

Notizie recenti

Israele sta aprendo i suoi mercati di olio d'oliva al mondo, avendo aumentato la sua quota per le importazioni di olio d'oliva esenti da dazio.

Gli importatori autorizzati saranno immediatamente in grado di portare le tonnellate 1,700 in esenzione doganale nel paese, con questa cifra destinata a salire alle tonnellate 2,000 di 2020.

La mossa arriva quando Eli Cohen, ministro dell'economia e dell'industria israeliano, cerca di stabilizzare i prezzi.

"Il nuovo piano ha portato certezza sul mercato ed è un messaggio per tutti gli elementi del settore dell'olio di oliva: agricoltori, produttori, importatori, rivenditori e consumatori ", ha detto a Calcalist, una rivista commerciale israeliana.

Israele ha iniziato ad aprire il mercato due anni fa quando il Ministero delle finanze ha cercato di ridurre temporaneamente i prezzi per le festività pasquali. Ciò è avvenuto sotto forma di quote che sono state continuamente estese a ciò che sono oggi.

pubblicità

L'obiettivo dichiarato delle quote è di ridurre i prezzi al consumo. Otto importatori, che rappresentano l'90 percento del settore della vendita al dettaglio di olio d'oliva, hanno ricevuto le assegnazioni esenti da dazio. Circa l'30 percento del petrolio che viene immesso verrà imbottigliato direttamente, mentre il resto verrà inviato ai frantoi locali per fondersi con il petrolio israeliano.

Gli importatori possono già portare 1,200 tonnellate di olio d'oliva dall'Unione europea e dalla Giordania a tariffe doganali ridotte a causa di un accordo di libero scambio.

Da quando la notizia delle assegnazioni esenti da dazio è stata resa pubblica, i prezzi dell'olio d'oliva in Israele sono diminuiti in media dell'7.3 percento.

"Stiamo monitorando i prezzi al consumo delle società che sono state esentate dalle quote esenti da dazio ", ha affermato Cohen.

L'anno scorso, gli israeliani hanno consumato 21,000 tonnellate di olio d'oliva, di cui 5,000 tonnellate sono state importate. Gli esportatori spagnoli di olio d'oliva, molti dei quali tengono d'occhio il mercato, sperano sicuramente che entrambe queste cifre saliranno.

"La Spagna è il principale esportatore di olio d'oliva in Israele, con 14.5 milioni di euro (16.9 milioni di dollari) inviati nel 2016 ", ha dichiarato José María Blasco, capo dell'Ufficio economico e commerciale spagnolo (ICEX) di Tel Aviv.

"[L'impatto sarà] interessante e con un certo impatto in Spagna per gli esportatori poiché saranno in grado di aumentare la quantità di petrolio che inviano qui."

Secondo l'ufficio ICEX di Tel Aviv, circa un terzo del prezzo finale dell'olio d'oliva spagnolo in Israele è dovuto alle tariffe. Blasco sostiene che ciò andrà bene sia per gli esportatori spagnoli di olio in bottiglia individuale sia per l'olio sfuso, in parte perché l'olio d'oliva spagnolo è kosher.

Molti in Andalusia vedono l'apertura del mercato israeliano come una nuova destinazione per le olive che altrimenti sarebbero andate negli Stati Uniti. Alcuni sono ottimisti sul fatto che queste olive, che potrebbero altrimenti marcire sui rami degli alberi a causa delle imminenti tariffe americane, hanno trovato una nuova destinazione.

Un portavoce dell'Associazione spagnola di esportatori e industriali di olive da tavola (ASEMA) ha riconosciuto Israele come una buona alternativa ma ha avvertito che un recupero dalle tariffe non risolverebbe il problema.

"Ovviamente, [Israele] è una delle destinazioni per le olive che altrimenti rimarranno sugli alberi man mano che la domanda diminuisce ", ha detto il portavoce. "Le aziende cercheranno di compensare con altri mercati, ma è improbabile che questa sia una strategia a lungo termine e non compenserà completamente [per le perdite derivanti dalle tariffe statunitensi]. "

Blasco ha anche avvertito di esagerare il sollievo che queste nuove quote esenti da dazio porteranno alla regione. Ha detto che il petrolio proveniente da Turchia, Giordania e Tunisia continuerà a competere con il petrolio spagnolo in Israele, "anche se con volumi molto inferiori rispetto al petrolio spagnolo. "





Related News