`Il prezzo dell'olio extravergine di oliva italiano scende ai livelli '09 - Olive Oil Times

Il prezzo dell'olio extra vergine di oliva italiano scende a livelli del '09

Gennaio 17, 2012
Julie Butler

Notizie recenti

Secondo il Consiglio oleicolo internazionale, un aumento del 20% delle importazioni di olio d'oliva da parte del Brasile, l'11% dell'UE, il 7% degli Stati Uniti e il 5% del Canada ha compensato le cadute in Giappone (-12%) e Australia (-10%), secondo il Consiglio oleicolo internazionale dati per la campagna 2010/11.

Rilasciato lunedì nella newsletter di dicembre del CIO, le cifre mostrano che l'anno da ottobre 2010 a settembre 2011 è stato anche notevole per i cali significativi dei prezzi alla produzione segnalati.

A dicembre dello scorso anno, il prezzo alla produzione dell'olio extravergine di oliva in Italia era sceso a 2.43 € / kg, in calo del 18% rispetto a dicembre 2010 e del 40% rispetto al picco della scorsa estate. E mentre i produttori spagnoli hanno iniziato davanti a quelli in Grecia - con 2.43 € / kg contro 1.94 € / kg - nel dicembre 2010, il mese scorso le loro fortune si erano invertite dopo un calo dei prezzi dell'11% in Spagna, a 1.79 € / kg, e 5 per cento in Grecia, a 1.84 € / kg.

Nel frattempo, il prezzo alla produzione dell'olio d'oliva raffinato è sceso del 10% in Spagna, a 1.65 € / kg e del 9% in Italia, a 1.79 € / kg.

Olive da tavola

Si prevede che il consumo di olive da tavola aumenterà dell'8.3% a 2.38 milioni di tonnellate nel 2011/12, con l'UE che ne prenderà una quota del 26%, seguita da Egitto (13%), Turchia (12%) e Stati Uniti (10%). Il consumo globale è aumentato in media del 4% ogni anno di raccolto negli ultimi dieci anni, tuttavia quest'anno è iniziato con 703,500 tonnellate di scorte di olive da tavola - un enorme 45.4% rispetto all'anno precedente - e dovrebbe terminare con 729,000 tonnellate .

L'Egitto, leader mondiale nella produzione di olive da tavola, è pronto a consegnare 500,000 tonnellate nel 2011/12, quasi un quinto della produzione globale prevista, che dovrebbe aumentare del 5.1% a 2.56 milioni di tonnellate quest'anno. La Spagna, il secondo maggior produttore, dovrebbe rappresentare 482,100 tonnellate.

I prezzi medi alla produzione hanno subito a "notevole calo "in Italia (-25 percento), Marocco (-11 percento) e Grecia (-30 percento) dal 2009, riporta il CIO.

Sondaggio mondiale

Il CIO ha anche reso pubblica questa settimana la sua decisione di assegnare il contratto da 91,000 euro per un'indagine globale sulla promozione dell'olio d'oliva ad Agerón International con sede a Madrid, una società di consulenza per ricerche di mercato e processi di internazionalizzazione.

Scelto da un campo di tre, il suo scopo è quello di produrre l'equivalente di un mondiale Chi è Chi di promozione dell'olio d'oliva.

Il CIO afferma che le conoscenze raccolte aiuteranno tutti i membri del settore a definire opportunità, lacune da colmare e mercati da esplorare; e per evitare duplicazioni.

Clicca qui per visualizzare il PDF della newsletter.



Related News

Feedback / suggerimenti