` Italia e Tunisia esportano più olio d'oliva in Spagna - Olive Oil Times

L'Italia e la Tunisia esportano più olio d'oliva in Spagna

Marzo 7, 2013
Julie Butler

Notizie recenti

Il drastico calo della produzione di olio d'oliva della Spagna in questa stagione sembra essere stato un vantaggio per l'Italia e la Tunisia, che hanno entrambe aumentato notevolmente le vendite al loro vicino mediterraneo, secondo i dati delle Cooperative agroalimentari spagnole.

L'Italia, nel frattempo, rimane il principale acquirente estero di Olio d'oliva spagnolo, sebbene il volume si sia ridotto e la Spagna abbia perso terreno nel mercato cruciale degli Stati Uniti.

Importazioni in Spagna

Le importazioni dall'Italia in Spagna hanno raggiunto le tonnellate 5,065 nei primi tre mesi della stagione (da ottobre a dicembre), quasi quadruplicando quelle per lo stesso trimestre in 2011. Quelli dalla Tunisia sono aumentati del 256 percento, a 2624 tonnellate.

Il Portogallo, tuttavia, rimane il principale fornitore estero per la Spagna, consegnando quasi 7,000 tonnellate per il trimestre, in calo solo del 2% rispetto allo stesso periodo del 2011. Il gruppo Sovena, che ha piantagioni in Portogallo e fornisce olio d'oliva per i supermercati Mercadona in Spagna, rappresenta gran parte di questo volume.

L'Italia è stata la prossima, seguita dal Marocco (4,194 tonnellate), e dalla Francia (in aumento della metà a 2,044 tonnellate), poi dalla Grecia (713 tonnellate) e dall'Argentina (in calo di un quarto a 580 tonnellate).

Complessivamente, importazioni di olio d'oliva in Spagna sono aumentati del 85 percento in volume, raggiungendo quasi 23,000 tonnellate e 113 percento in valore. Di questi, 11,750 era lampante grado e quasi 8,700 extra vergine o vergine e il resto ha coperto altre categorie e frazioni di olio d'oliva.

Esportazioni in calo di un quinto

Nel frattempo, il Paese, ancora in crisi finanziaria, ha subito un calo delle esportazioni per quasi un quinto in volume, scese a 178,361 tonnellate nel trimestre, anche se in euro il calo è stato solo del 2.3 per cento.
Di queste esportazioni, le tonnellate 131,911 erano vergini o extra vergini, 42,000 erano altri gradi o frazioni di olio d'oliva e 4400 erano lampante.

Il rapporto delle cooperative agroalimentari mostra che l'Italia rimane la principale destinazione estera dell'olio d'oliva spagnolo - prendendo un terzo del totale - ma il volume è sceso di circa il 40 percento, a quasi 61,000 tonnellate per il trimestre.

Il Portogallo, la principale fonte di importazioni della Spagna, è anche il secondo mercato più grande per le esportazioni, con circa 22,300 tonnellate. Segue la Francia con 16,000 tonnellate, quasi invariate, ma il commercio nel mercato statunitense è diminuito di quasi un terzo a poco più di 14,000 tonnellate.

Sul lato positivo per la Spagna, ha venduto 9,600 tonnellate al Regno Unito, con un aumento del 16%, e quasi 9,200 tonnellate in Cina, con un aumento del 63%. Le esportazioni in Brasile, Giappone e India sono aumentate di oltre il 40%, ma quelle in Australia sono diminuite di circa il 39%.

Secondo l'Agenzia spagnola per l'olio d'oliva (AA), la produzione del paese nel primo trimestre è stata di 383,000 tonnellate, meno della metà di quella del primo trimestre del 2011/12, che ha stabilito un record per la produzione.

Le cooperative agroalimentari in Spagna prevedono una resa totale di appena 605,000 tonnellate per questa stagione. La conseguenza di condizioni meteorologiche avverse lo scorso anno, in particolare la siccità, ammonta a meno della metà della media della Spagna nelle ultime quattro stagioni ed è in calo di quasi il 63% rispetto agli 1.6 milioni di tonnellate della scorsa stagione.



Related News

Feedback / suggerimenti