`La Farchioni italiana diventa la prima grande azienda olearia a ricevere la certificazione di sostenibilità - Olive Oil Times

La Farchioni italiana diventa la prima grande azienda olearia a ricevere la certificazione di sostenibilità

10 gennaio 2022 1:19 EST
Paolo De Andreis

Notizie recenti

Farchioni Olii, uno dei più grandi italiani olive oil producers, è diventata la prima a far certificare il proprio rapporto di sostenibilità basato sugli standard fissati dalle Nazioni Unite.

"Ogni risorsa accessibile rappresenta un costo per noi e per l'ambiente. Non possono essere sprecati”, ha detto Marco Farchioni, export manager dell'aziendo olive oil Times.

Ci auguriamo che dopo la nostra iniziativa, altre aziende seguano l'esempio.- Marco Farchioni, export manager, Farchioni Olii

Secondo Farchioni, la sostenibilità non dovrebbe essere vista come un'innovazione, ma parte della ricca tradizione italiana di produzione di olio d'oliva.

"Il rapporto di sostenibilità ci aiuta a capire se il nostro lavoro migliora o non migliora l'ambiente", ha aggiunto.

Vedi anche: L'Italia implementa la legge europea che vieta la vendita di EVOO sotto i costi

La mossa fa parte di una tendenza crescente dei grandi produttori alimentari in molti paesi che pubblicano i propri rapporti sulla sostenibilità.

pubblicità

La maggior parte di questi rapporti sono guidati dalle normative vigenti e dalla crescente attenzione che i consumatori mostrano per il cibo sostenibile.

Una recente sondaggio condotto su 14,000 consumatori in 18 paesi dal Kerry Group con sede negli Stati Uniti ha mostrato che il 49% dei consumatori globali considera la sostenibilità quando acquista cibo e bevande.

Mentre l'84% dei consumatori ritiene che tutti possano contribuire a migliorare la sostenibilità, tre quarti degli intervistati ha affermato che le aziende hanno la quota maggiore di responsabilità.

Gli uliveti di Farchioni si estendono per 661 ettari e rappresentano la maggior parte dei suoi quasi un milione di piante. L'azienda coltiva prevalentemente olive Favolosa.

"Favolosa è una cultivar moderna, pensata per essere Xylella resistente”, ha detto Farchioni. "Offre un eccellente equilibrio tra qualità e resa e vanta un sapore unico”.

"Tuttavia, circa il 20 percento delle nostre olive proviene da cultivar tradizionali, necessarie anche per promuovere la cultura e la biodiversità nel nostro territorio ", ha aggiunto.

Tra i punti salienti del rapporto vi sono gli sforzi dell'azienda per implementare soluzioni di risparmio energetico e di energia rinnovabile. L'azienda ritiene di poter raggiungere l'autosufficienza sostenibile utilizzando l'energia solare e l'energia a idrogeno.

"Abbiamo investito nell'energia solare e stiamo attualmente studiando la fattibilità di una centrale a idrogeno", ha affermato Farchioni. "Stiamo anche sviluppando una rete intelligente, che dovrebbe portarci verso l'autosufficienza energetica”.

business-europe-brevi-produzione-olio-d'oliva-times

Marco Farchioni

La chiave per ottenere la certificazione è un integrato "approccio da campo a campo”, ha affermato Farchioni, che spazia dalle operazioni agricole ai progetti di produzione alimentare. Uno degli obiettivi dell'azienda è rendere più facile per i consumatori riciclare i contenitori di imballaggio.

"La maggior parte dei prodotti è conservata in bottiglie di vetro completamente riciclate poiché sia ​​il riciclaggio dei materiali che i limiti ai volumi di nuovi materiali [nella catena di produzione] sono essenziali per una costante riduzione dell'impatto ambientale", ha affermato.

Mentre la maggior parte dei consumatori si concentra sulla parte ambientale della sostenibilità alimentare, l'attuale Regolamenti europei considerare anche molti altri fattori, tra cui il risparmio energetico o la salute e sicurezza dei lavoratori. Farchioni Olii è stata certificata in tutti questi aspetti.

pubblicità

Secondo Farchioni, che conta 234 dipendenti, un primo esempio di sicurezza sostenibile dei lavoratori si presenta proprio nella sua Covid-19 Gestione dell'emergenza.

L'azienda utilizza 'orari di lavoro intelligenti per i propri dipendenti. Nell'agosto 2020, i lavoratori hanno ricevuto uno smartwatch speciale. Secondo un'azienda, lo smartwatch misura la temperatura corporea per avvisare l'utente se supera i 37.5 ºC (dimostrando che chi lo indossa ha la febbre) e se chi lo indossa si avvicina troppo allo smartwatch di un altro dipendente.

Da ottobre 19, grazie a una convenzione con un laboratorio locale, tutti i dipendenti Farchioni possono accedere gratuitamente ai test Covid-2020. Anche a seguito di tali misure, in azienda non sono stati segnalati focolai di Covid-19.

Farchioni ha detto che la compagnia ha seguito il 17 obiettivi di sviluppo sostenibile stabilito dalle Nazioni Unite nel 2016 durante la compilazione del rapporto.

Vedi anche: I migliori oli d'oliva italiani

Secondo l'ONU, questi obiettivi, "riconoscerlo fine della povertà e altre privazioni devono andare di pari passo con strategie che migliorano la salute e l'istruzione, riducono le disuguaglianze e stimolano la crescita economica, il tutto affrontando cambiamento climatico e lavorando per preservare i nostri oceani e le nostre foreste”.

Il bilancio di sostenibilità di Farchioni Olii è stato verificato da BDO Italia, che ha basato la propria analisi sull'International Standard on Assurance Engagements (ISAE 3000).

Il dibattito su come sensibilizzare i consumatori e l'industria sull'importanza della sostenibilità resta aperto.

Le nuove soluzioni includono proposte per sistemi di etichettatura front-of-pack, come Punteggio del pianeta, che consentono ai consumatori di identificare rapidamente i prodotti più sostenibili. Altri, come il database Latis, includere i punteggi di sostenibilità nelle loro metriche per aiutare i produttori a produrre alimenti con un migliore profilo di sostenibilità.

Tuttavia, la sostenibilità è un concetto complesso e ampio che non è sempre pienamente compreso dai consumatori.

Secondo una recente indagine condotta dall'Organizzazione Europea dei Consumatori, i consumatori considerano principalmente il cibo sostenibile sulla base del suo impatto sull'ambiente o sul uso di pesticidi.

"Ci auguriamo che dopo la nostra iniziativa altre aziende seguano l'esempio", ha concluso Farchioni. "Sarebbe molto positivo. Tutto il mondo del cibo si sta ora concentrando e comprendendo meglio la sostenibilità sia in termini di costi che di bisogni. È sempre meno un costo e sempre più una risorsa”.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti