Affari

Ulivi millenari in Spagna Nominati patrimonio mondiale agricolo

Gli ulivi millenari di Sénia, un territorio che si estende tra Barcellona e Valencia, sono stati formalmente riconosciuti come importante sito del patrimonio agricolo.

Gennaio 22, 2019
Di Rosa Gonzalez-Lamas

Notizie recenti

L'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura ha ufficialmente riconosciuto il ulivi millenari nel territorio spagnolo di Sénia come sistema di eredità agricola importante a livello globale (GIAHS). Sono riconosciuti per la loro coltivazione insieme al commercio delle loro olive e oli.

In questa zona, mentre la Via Augusta passava di qui, era una regione importante in epoca romana. Ci sono molti ulivi che rimangono di quel periodo.- Amador Peset, restauratore di ulivi millenari

La distinzione contribuisce a uno sforzo di conservazione già dinamico che tenta di mantenere un equilibrio tra la conservazione delle componenti essenziali del territorio e il suo sviluppo economico e sociale attraverso l'incorporazione di elementi che aggiungono valore senza modificarne l'essenza.

Situati in siti specifici in tutto il mondo, GIAHS sono paesaggi straordinari di bellezza estetica che combinano la protezione e la stimolazione della biodiversità agricola, degli ecosistemi resistenti e di un prezioso patrimonio culturale.

Guarda anche: Coltivazione di olio d'oliva

Forniscono in modo sostenibile beni e servizi, sicurezza alimentare e di sostentamento per milioni di piccoli agricoltori in sistemi minacciati da fattori come cambiamento climatico, aumento della concorrenza per le risorse naturali e la migrazione a causa della bassa redditività economica.

Inoltre, devono mantenere il know-how locale nella gestione delle risorse naturali; contribuire ad aggiungere valore alle organizzazioni sociali e ai sistemi culturali, con valori preesistenti già associati alla produzione alimentare; e riconoscere l'interazione duratura delle persone con l'ambiente naturale circostante.

pubblicità

Il sistema agricolo Antico uliveto Territorio Sénia è uno dei primi GIAHS in Europa e, insieme agli uliveti delle pendici tra Assisi e Spoleto, uno dei due soli legati alla coltivazione dell'olivo e alla produzione di olio nel continente.

La candidatura di Sénia al gruppo GIAHS è stata presentata da Taula de Sénia con la collaborazione dell'Associazione Territorio del Sénia e il sostegno del Ministero spagnolo dell'agricoltura, della pesca e dell'alimentazione.

Taula del Sénia è un'istituzione simile al commonwealth formata da 27 comuni di Valencia, Catalogna e l'Aragona, tutti legati dalla loro geografia, storia, lingua, cultura e con la più grande concentrazione di ulivi millenari al mondo: 4,580 ulivi con perimetri superiori a 3.50 metri (11.50 piedi) che si innalzano sopra 1.30 metri (4.25 piedi) ).

A 2009 Taula del Sénia iniziò un censimento ufficiale degli alberi secolari, molti dei quali erano stati a lungo abbandonati, ma conservati a causa del relativo sottosviluppo della regione fino a poco tempo fa.

Taula del Sénia ha favorito la creazione dell'Associazione Territorio del Sénia, che ha riunito l'istituzione che comprende i comuni e i settori economici della regione, compresi gli oliveti e i proprietari del terreno in cui si trovano gli ulivi.

Uno dei principali progetti dell'Associazione è l'olio e gli ulivi millenari di Sénia, un'iniziativa che ha contribuito a riconoscere il valore di questo straordinario patrimonio vivente.

Tra gli sforzi più importanti del progetto vi è il recupero degli ulivi millenari per la produzione di olio d'oliva, utilizzando in tal modo i sistemi agricoli ancestrali come base per l'innovazione agricola. Sinergie con il settore della ristorazione locale sono state create proponendo l'uso di questi oli.

Il turismo è un altro veicolo per massimizzare il potenziale del territorio, che prevede di aumentare il suo profilo dopo la designazione GIAHS.

Per facilitare le visite ai più grandi ulivi millenari, sono state identificate otto aree in appezzamenti di terreno comunali e privati: Alcanar, Canet lo Roig, Vinaròs, La Sénia, Godall, Càlig, Traiquera e Ulldecona. Sono stati presi accordi con i proprietari di terreni privati ​​con alberi molto vecchi per consentire le visite.

Inoltre, sono stati creati due musei all'aperto ad Arión e Pou del Mas, due delle aree con la maggiore concentrazione di alberi millenari e, nella parte catalana della Sénia, sono stati progettati tre itinerari che consentono ai visitatori di camminare o andare in bicicletta attraverso 40 miglia di strade opportunamente segnalate.





Per saperne di più su