`Siccità solo un ostacolo sulla strada per l'olio d'oliva della California - Olive Oil Times

Siccità appena un urto in mezzo alla strada per l'olio d'oliva della California

Agosto 21, 2014
Danielle Putier

Notizie recenti

Le importazioni rappresentano attualmente oltre il 95 percento di Consumo di olio d'oliva americano, ma man mano che i consumatori diventano più istruiti sulle opzioni domestiche, i produttori americani si stanno preparando a prendere il testimone.

Il mercato statunitense dell'olio d'oliva è cresciuto ad un ritmo annuale di circa 8 per cento negli ultimi dieci anni. Nathanael Johnson di Grist rapporti che circa 35,000 acri di ulivi occupano il Golden State e il California Olive Council si aspetta che 3,500 nuovi acri vengano piantati ogni anno fino al 2020.

La siccità di questa stagione ha suscitato timori di sottoproduzione e, sebbene un recente rapporto suggerisca un calo della produttività, ciò è stato attribuito a un rigido inverno nel 2013 e agli alberi da frutto "cuscinetto alternato. ”Mentre questo è considerato un "fuori anno ”per il raccolto in cui si prevede una diminuzione della produzione, il mercato complessivo è in aumento.

Data la recente siccità e le previsioni per modelli meteorologici più intensi in futuro, molti agricoltori stanno abbandonando colture precedentemente ad alto rendimento come riso e mandorle per le olive a causa della loro resistenza al calore.

L'ape Fresno ha recentemente riferito, "Nella valle del Sacramento, dove i distretti idrici hanno ridotto le allocazioni idriche, l'olivo granuloso, con la sua corteccia nodosa e le foglie sottili e polverose, è diventato un raccolto di riferimento ". L'olivicoltore Dan Kennedy ha detto, "Possiamo produrre (un olivo) raccolto con 1 acro-piede di acqua per acro ", dove colture come mandorle e riso richiedono almeno il doppio dell'acqua per essere prodotte.


Related News

Feedback / suggerimenti