Nord America

Filippo Berio e Bertolli Distributori Face Class Action per la qualità dell'olio d'oliva

In California sono state depositate due tute d'azione contro gli importatori delle marche più famose di oli d'oliva italiani.
12 gennaio 2015 9:26 EST
Virginia Brown Keyder

Notizie recenti

Due azioni legali collettive, Koller et al contro Deoleo USA, Inc. e Med Foods, Inc. ("Koller") e Kumar et al contro Salov et al ("Kumar") sono state depositate lo scorso anno presso il tribunale distrettuale degli Stati Uniti. , Distretto settentrionale della California, contro le aziende che insieme rappresentano una parte considerevole del mercato di massa dell'olio d'oliva importato negli Stati Uniti dall'Italia.

Le affermazioni nelle due azioni sono all'incirca le stesse: in primo luogo, ciò che è stato etichettato 'extra vergine "conteneva olio raffinato e non aveva pertanto diritto al 'etichetta extra vergine.

In secondo luogo, la designazione dell'origine effettiva dell'olio è stata fornita solo sull'etichetta posteriore mentre la visualizzazione di spicco di "Importato dall'Italia "sul fronte presumibilmente indotto in errore i consumatori a pensare che le olive abbiano avuto origine e siano state spremute in Italia.
Vedi anche: I migliori oli d'oliva al mondo
E in terzo luogo, la mancata confezione dell'olio in contenitori a prova di luce ha comportato un degrado della qualità tale che anche se fosse l'olio 'extra vergine 'al momento dell'imbottigliamento, non era più così quando ha raggiunto il consumatore a causa dell'esposizione al calore e alla luce.

I ricorrenti in entrambi i casi sostengono che i distributori / imbottigliatori convenuti sapevano che il petrolio non era qualificato come 'extra vergine "quando ha raggiunto il consumatore.

Secondo la legge della California, queste azioni presumibilmente violavano la legge sulla pubblicità ingannevole della California, la legge sulla concorrenza sleale e la legge sui rimedi legali dei consumatori, nonché la frode e la falsa dichiarazione della legge comune. .

In seguito alle dichiarazioni, il 14 ottobre 2014 il giudice distrettuale degli Stati Uniti Richard G. Seeborg ha emesso un ordine di protezione stipulato nel caso Koller, per "informazioni che potrebbero derivare da attività di divulgazione e scoperta che potrebbero comportare la produzione di informazioni riservate, proprietarie o private. "Presumibilmente, ciò era su richiesta del convenuto, ma l'ordine non specifica chi ha richiesto tale protezione.

pubblicità

A questo punto è solo tangenzialmente interessante, dato il fatto che l'area della legge è nota come 'segreti commerciali "ha generalmente acquisito una notevole importanza negli ultimi due anni in una vasta gamma di azioni e procedure legali. Vale quindi la pena guardare.

Ancora più importante, a gennaio 6, 2015, il giudice Seeborg ha negato le mozioni degli imputati per respingere l'azione di Koller, in quanto i fatti addotti erano sufficienti per consentirgli di andare avanti e che non era necessario fornire prove in questa fase sufficiente per dimostrare le affermazioni.

Se gli oli in questione dimostrano di contenere 'olio raffinato '(olio d'oliva che è stato trattato chimicamente per nascondere o neutralizzare i difetti e l'elevata acidità e poi di solito mescolato con olio di qualità superiore per mascherare eventuali gusti indesiderati), sembrerebbe essere una conclusione scontata che anche un certo grado di frode in quanto violazione degli statuti sopra citati. Questo sarà senza dubbio determinato da test scientifici. È interessante notare, tuttavia, che il giudice Seeborg stabilisce che il querelante Koller non è tenuto a dimostrare che la bottiglia che ha acquistato e testato conteneva effettivamente olio raffinato, ma solo che alcune bottiglie etichettate 'extra vergine 'non è riuscito a soddisfare tale standard.

"Nel caso in cui Koller fosse in grado di dimostrare le sue accuse secondo cui l'olio generalmente non garantisce quell'etichetta a causa della sua qualità quando viene imbottigliato per la prima volta e / o per le pratiche di imballaggio e manipolazione di Deoleo, difficilmente sarebbe una difesa che alcune bottiglie possano comunque soddisfare il standard minimi al momento dell'acquisto ", ha scritto il giudice Seeborg.

"Come ha dichiarato la Corte suprema della California, le etichette sono importanti per i consumatori ", ha affermato un avvocato per i querelanti, Hassan A. Zavareei, secondo la legge 360. "E i consumatori hanno il diritto di ottenere ciò che pensano di pagare quando cercano di acquistare olio extra vergine di oliva dall'Italia ".

Poi c'è la domanda se le bottiglie di olio etichettate con il paese di coltivazione e di spremitura come richiesto dalla legislazione dell'UE non siano sufficienti per rispettare la legge della California. Ciò sarebbe problematico per tutti gli imbottigliatori europei data la necessità di distinguere tra il semplice requisito di indicare l'origine delle olive da un lato e il regime di denominazione di origine protetta in vigore in tutta l'UE, una designazione molto più rigorosa che richiede l'applicazione, il controllo reclami e registrazione.

Interessante è anche se gli imbottigliatori hanno una responsabilità legale, nonostante il fatto che nessuna normativa né nell'UE né in California lo richieda, di confezionare l'olio extravergine in bottiglie scure e mantenerle al di sotto di una certa temperatura attraverso il transito, lo stoccaggio e l'esposizione a scaffale in modo da ridurre al minimo i danni da luce e calore. Sebbene conservare l'olio d'oliva in bottiglie scure si sia rivelato migliore per mantenere la qualità, alcuni consumatori sembrano preferire bottiglie trasparenti che permettano loro di vedere il colore dell'olio.

Se le class action riescono a imporre agli imbottigliatori l'obbligo legale di conservare in bottiglie scure e di trasporto, stoccaggio ed esposizione refrigerati, non solo trasformerà il regime legale che regola il commercio di olio d'oliva, ma senza dubbio causerà seri problemi commerciali tra gli Stati Uniti e l'UE, soprattutto alla luce del 'le misure di convergenza normativa in questione nella negoziazione del partenariato transatlantico su commercio e investimenti (TTIP). Questi sono sicuramente casi che vale la pena guardare.

pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti