`Pioniere dell'olio d'oliva della California, Nan McEvoy - Olive Oil Times

Pioniere dell'olio di oliva californiano, Nan McEvoy

Marzo 31, 2015
Erick Mertz

Notizie recenti

Spesso troviamo un termine come "leggenda "o "titano "è diventato stantio per un uso eccessivo. Tuttavia, non sarebbe il caso di Nan Tucker McEvoy, la cui unica vita getta un'ombra titanica su molti aspetti della nostra cultura.

McEvoy, che secondo suo figlio Nion, morì il 26 marzoth per complicazioni di ictus, era un'ereditiera dei media che un tempo era una delle donne più ricche degli Stati Uniti. Suo nonno, Michael De Young, fondò il San Francisco Chronicle nel 1865, dove in seguito lavorò come una rara giornalista di cuccioli.

Nan Tucker McEvoy

La signora McEvoy è arrivata a possedere e gestire la casa madre del giornale di famiglia per molti anni, cedendo il controllo solo quando una legge l'ha estromessa a 74 anni. Ha contribuito attivamente al gioco politico, lavorando per l'UNESCO, il candidato presidenziale democratico Adlai Stevenson e Il fondatore di Peace Corps R. Sargent Shriver.

In qualità di mecenate e filantropo, è stata presidente del consiglio di amministrazione dell'American Art Museum dello Smithsonian, tra le altre organizzazioni. E in seguito è diventata una figura determinante nella produzione di alcuni dei migliori olio extravergine di oliva della California.

Dopo una frenetica carriera nel mondo degli affari, giornalismo e politica, McEvoy ha intrapreso un'avventura completamente nuova, quella che all'epoca chiamava "un posto meraviglioso in campagna. " Alla fine degli anni '1980, sulla sessantina, ha acquistato un ranch da latte di 550 acri nella campagna di Marin County, un ambiente idilliaco concepito inizialmente come rifugio personale.

Sempre imprenditore libero di pensare, McEvoy vide qualcosa di più nel ricco paesaggio e per prima cosa prese in considerazione l'idea di usarlo per continuare ad allevare bestiame, ma quelli sembravano essere troppo laboriosi; ha anche considerato di coltivare uva da vigneto sul pendio di una collina, ma ha optato invece di rompere con il pensiero convenzionale. La McEvoy, recitando sempre il ruolo di un iconoclasta, decise che avrebbe piantato un uliveto. Il resto è storia.

Nessuno credeva che la sua impresa avrebbe funzionato, almeno non all'inizio. McEvoy ha dimostrato ancora una volta che scommettere contro il suo successo era avventato. Dopo aver esaminato attentamente il microclima locale e il suolo intorno alla contea di Marin, e aver consultato una serie di esperti toscani, ha importato mille piantine toscane e da quella fondazione ha aperto quello che sarebbe diventato McEvoy Ranch.

Nei tre decenni trascorsi dalla fondazione del ranch, l'olio extra vergine di oliva prodotto da McEvoy Ranch è stato insignito di innumerevoli medaglie e ha ricevuto riconoscimenti dall'industria in tutto il mondo. Non solo l'azienda ha creato alcuni dei più distinti oli extra vergini artigianali sul mercato, ma si sono ramificati in prodotti a base di olio d'oliva e hanno contribuito a mettere la California sulla mappa della produzione di olive.

L'oliveto di Nan McEvoy rimane sul sito in cui è stato piantato per la prima volta. Quelle piantine sono maturate in alberi sani e forti, in piedi come bellissimi ricordi del bottino di una visione persistente. Quando qualcuno diceva a Nan Tucker McEvoy che qualcosa sarebbe stato difficile, o che semplicemente non poteva essere fatto, aveva un talento per uscire e dimostrare che si sbagliavano.

pubblicità

Related News