`Il giornalista Tom Mueller di "Slippery Business" parla alla UC Davis - Olive Oil Times

Il giornalista di "Slippery Business" Tom Mueller parla alla UC Davis

Novembre 18, 2010
Alexandra Kicenik Devarenne

Notizie recenti

Di Alexandra Kicenik Devarenne
Olive Oil Times Contributore | Segnalazione dalla contea di Sonoma, California

Il giornalista free-lance Tom Mueller ha parlato mercoledì pomeriggio a un pubblico di 85 persone a un evento Davis dell'Università della California ospitato dall'UC Davis Olive Center. Il suo articolo del 2007 sulla rivista New Yorker, Affari sdrucciolevoli, era un'esposizione di un lato oscuro dell'industria internazionale dell'olio d'oliva. La sua indagine sull'adulterazione e sulle pratiche non etiche ha contribuito a far avanzare la causa dei sostenitori della riforma degli standard dell'olio d'oliva negli Stati Uniti. Mueller, un americano che vive in Italia, era in California per fare ricerche sull'industria dell'olio d'oliva per il suo prossimo libro; descritto come una storia culturale, industriale e culinaria dell'olio d'oliva, il libro uscirà il prossimo novembre.

C'è qualcosa sull'olio d'oliva
questo rende le persone irrazionali
- Tom Mueller

Il pubblico di Mueller comprendeva produttori di olio d'oliva della California e sostenitori del settore, nonché membri della comunità UC Davis. Il professor Ed Frankel della UC Davis, una delle principali autorità mondiali sull'ossidazione dei lipidi, che ha recentemente annunciato il suo ritiro, si è unito al raduno. C'è stata anche una tavola rotonda con i notabili del settore Mike Bradley (Presidente, Veronica Foods), Bill Briwa (Chef-Istruttore, Culinary Institute of America), Dan Flynn (Direttore esecutivo, The UCD Olive Center), Bruce Golino (Presidente, Santa Cruz Olive Nursery), Gregg Kelley (Presidente, California Olive Ranch), Ed Stolman (socio fondatore, The Olive Press) e Liz Tagami (Presidente, Tagami International).

Durante la ricerca del suo articolo newyorkese, Mueller è stato colpito da tre temi chiave nel mondo dell'olio d'oliva. Il primo è il rapporto continuo tra olio d'oliva e criminalità. La storia della frode dell'olio d'oliva è antica quanto la storia dell'olio d'oliva stesso. Per quanto riguarda la legge sull'etichettatura, ha affermato: "L'etichetta deve dirti qualcosa di affidabile su ciò che è nella bottiglia, come fa con il vino, dove le persone che fanno rispettare le leggi portano le armi ". Ha sottolineato che nell'antica Roma c'era un'attenzione più rigorosa per l'applicazione delle leggi sull'olio d'oliva rispetto a oggi; le antiche anfore portavano non solo il nome del produttore, ma anche i nomi e i sigilli dei molteplici ispettori. Mueller ha riferito che la FDA ha affermato di non essere in grado di applicare gli standard di qualità dell'olio d'oliva perché l'olio d'oliva non sta facendo ammalare le persone.

Il secondo tema è la risonanza dell'olio d'oliva nel corso della storia. Ha raccontato una rivelazione della profonda importanza dell'olio d'oliva nell'antico Mediterraneo mentre si trovava in cima a un tumulo alto 115 metri di anfore da olio rotte chiamato Monte Testaccio (Monte Potshard) a Roma. Era analogo al petrolio nel mondo di oggi, plasmando letteralmente la storia economica, militare e sociale del mondo.

Il terzo tema è il provincialismo che circonda l'olio d'oliva. La produzione e l'uso dell'olio d'oliva tendono ad essere profondamente legati, anche soffocati, dalla tradizione. Laddove il vicino di casa di Mueller in Liguria segue i moderni progressi della sua produzione vinicola, continua a produrre il suo olio d'oliva esattamente come faceva suo nonno. "C'è qualcosa nell'olio d'oliva che rende le persone irrazionali ”, ha dichiarato Mueller.

L'olio d'oliva è associato alla trasformazione nella chiesa; dalla conversione all'estrema unzione è un catalizzatore del cambiamento. Mueller vede questo come qualcosa che l'industria dell'olio d'oliva del Nuovo Mondo è ben posizionata per fare: cambiare effetto. Il "l'atteggiamento can-do ”e la libertà dal peso della tradizione possono essere un grande vantaggio, incoraggiando l'innovazione e il progresso reale.

Ha messo in guardia dal cadere nella trappola del pernicioso provincialismo, mancanza di trasparenza e animosità che grava sull'industria dell'olio d'oliva mediterranea. Durante la tavola rotonda, Gregg Kelley ha sottolineato l'importanza dell'olio d'oliva di buona qualità e conveniente prodotto dal sistema ad altissima densità in California come primo passo per introdurre le persone nel mondo del vero olio extravergine di oliva. Ed Stolman di The Olive Press lo ha sottolineato sottolineando che il piccolo produttore artigianale non è un concorrente ma un complemento del produttore su larga scala. In un messaggio che è stato fatto eco durante la tavola rotonda, Mueller ha detto: "Qualunque cosa faccia avanzare la causa dell'eccellente olio d'oliva va bene per tutti i produttori etici, in tutto il mondo. "

Foto: A. Kicenik

Related News

Feedback / suggerimenti