Nord America

Opinioni divergenti sugli standard proposti dell'olio di oliva californiano

Giu. 22, 2014
Di Nancy Flagg

Notizie recenti

Il Dipartimento della California per l'alimentazione e l'agricoltura (CDFA) sta affrontando un grosso carico di lavoro. Nel corso di un'audizione pubblica tenutasi il 15 luglio a Sacramento, in California, 49 testimoni hanno testimoniato sulla proposta di standard di classificazione ed etichettatura dell'olio d'oliva e molti altri hanno presentato commenti scritti. Il CDFA deve ora esaminare e analizzare tutto e prendere una decisione ufficiale sulle raccomandazioni proposte dalla nuova Olive Oil Commission of California (OOCC). Se i commenti del pubblico fossero stati fortemente ponderati a favore o in contrasto con gli standard, il lavoro di CDFA sarebbe stato facile, ma c'erano opinioni forti su entrambi i lati della barriera.

All'inizio di quest'anno, l'OOCC è stato creato per migliorare la competitività dell'industria dell'olio d'oliva della California e migliorare la fiducia dei consumatori nella qualità dell'olio d'oliva. I membri del consiglio della Commissione, eletti da produttori e gestori di tutte le regioni olivicole dello stato, hanno recentemente presentato le loro raccomandazioni sulla classificazione e l'etichettatura al CDFA. Il processo di revisione di CDFA comprende un periodo di commento scritto pubblico e un'audizione pubblica prima che il Segretario all'Agricoltura emetterà una decisione finale sull'opportunità di rendere obbligatorie le raccomandazioni.

Kimberly Houlding, direttore esecutivo del Associazione americana dei produttori di olio d'oliva ha elogiato il lavoro dell'OOCC. "La Commissione ha svolto un lavoro molto approfondito nel garantire che le norme siano scientificamente valide e che abbiano senso per i produttori della California."

I sostenitori degli standard proposti indicano altri prodotti agricoli della California che hanno beneficiato di standard esecutivi. Jamie Johansson della California Farm Bureau Federation ha osservato che esistono standard per le materie prime dello stato 31 e "migliorano la soddisfazione dei clienti garantendo che vengano commercializzati solo prodotti di alta qualità".

Michael Kiey di Ramos & Kley Ranches ritiene che gli standard daranno fiducia ai consumatori nei loro acquisti. "Queste sono assicurazioni che come coltivatore sono disposto a pagare attraverso i miei dollari di valutazione e [sono] necessari affinché la California mantenga la sua reputazione per la produzione di olio d'oliva di alta qualità", ha osservato Kley nella sua presentazione scritta.

pubblicità

Gli standard proposti si discostano in alcune aree dal Consiglio oleicolo internazionale e Standard USDA. I sostenitori vedono le differenze come punti di forza della proposta. Il dottor Rodney Mailer del Australian Oils Research Laboratory ha indicato che gli standard europei, compresi quelli che fissano limiti di acidi grassi e steroli, erano basati sulle condizioni del Mediterraneo e non considerano le differenze regionali e varietali. Le norme europee discriminano il petrolio prodotto in altre aree, come Stati Uniti, Australia, Sudafrica e Sud America, ha affermato Mailer.

Senza gli standard di etichettatura, gli standard di qualità dei prodotti e i test dei prodotti, lo stratagemma continuerà.- Dick Neilsen, McEvoy Ranch

Bruce Golino, presidente del Comitato per gli standard OOCC, ha spiegato che, in base agli standard esistenti, alcuni oli d'oliva della California di alta qualità non supererebbero il test di purezza. "Una delle prime decisioni che abbiamo preso è stata che nessun olio d'oliva dovrebbe essere escluso a causa della sua chimica naturale ... abbiamo anche compreso l'illogica intrinseca e l'ingiustizia di dire a un coltivatore che, ad esempio, è capitato di coltivare olive Koroneiki a Petaluma CA che l'olio che proveniva da quelle olive prodotte secondo lo standard non era l'olio d'oliva. Tuttavia, questo è esattamente ciò che significherebbe adottare uno standard tradizionale per i produttori della California. "

Dan Flynn, direttore esecutivo del UC Davis Olive Center afferma che le preoccupazioni degli importatori riguardo alle variazioni dei profili di acidi grassi e steroli sono una "aringa rossa". Standard IOC hanno adeguatamente tutelato le frodi, "il che chiaramente non è il caso". Flynn ha anche sottolineato una nuova misura di protezione del consumatore nella norma proposta che richiede la tracciabilità dell'olio durante le sue varie fasi di lavorazione.

pubblicità

Gli standard di etichettatura proposti vieterebbero l'uso di termini come "puro" e "extra leggero" perché inducono in errore i consumatori. Secondo Dick Neilsen, direttore generale del McEvoy Ranch e membro dell'OOCC, "gli oli di oliva etichettati" Pure ", una parola potente per i consumatori americani, sono raffinati, spogliati di sapore e sostanze nutritive. Altre etichette leggono "Lite" e "Extra Lite", implicano poche calorie. Olio d'oliva etichettato erroneamente "Extra Virgin"Si trovano in quasi tutti i supermercati, negozi e negozi statunitensi. Il fatto è che queste etichette sono intenzionalmente fuorvianti per i consumatori e senza standard di etichettatura, standard di qualità del prodotto e test del prodotto, lo stratagemma continuerà ".

Gli standard stabiliscono anche nuove definizioni di classificazione e raccomandano di non usare le parole "olio d'oliva" quando si fa riferimento a miscele di olio di oliva raffinato o olio di sansa di oliva. “I consumatori e il commercio devono comprendere l'importante differenza di qualità tra extra virgin/ oli di oliva vergini, "gli olii come provengono dall'oliva", rispetto agli oli raffinati e di sansa di qualità inferiore, "oli di oliva di produzione industriale". Lo standard del settore olivicolo californiano proposto lo fa meglio di tutti i suoi numerosi predecessori ”, ha testimoniato Paul Miller, presidente della Australian Olive Association.

pubblicità

Gli oppositori del grado raccomandato e degli standard di etichettatura non credono che i requisiti raggiungeranno gli obiettivi desiderati. Lo standard è stato "sistemato in modo sciatto e affrettato" e "sembra che i sostenitori dello standard intendano favorire l'unico grado venduto commercialmente dai produttori locali, extra virgin olio d'oliva, tentando di associare una verbalità tecnica dal suono negativo ai gradi inferiori ", ha dichiarato Eryn Balch, vicepresidente esecutivo della National American Olive Oil Association.

L'idea di avere diversi insiemi di standard è vista da alcuni come confusa e inefficiente. Direttore esecutivo del Consiglio oleicolo internazionale (CIO) Jean-Louis Barjol ha scritto che la sua organizzazione gestisce gli standard obbligatori per i paesi membri (gli Stati Uniti non sono membri). Le nazioni membri forniscono il 96 percento del mondo esportazioni di olio d'oliva. "... l'introduzione di nuovi nomi, definizioni e parametri di qualità che differiscono da quelli utilizzati dal 96% delle esportazioni mondiali creerebbe confusione nei consumatori".

Commenti scritti da Costco, ACME Food Sales e Food Trading Specialties hanno indicato che gli standard proposti causerebbero un "onere significativo" per le aziende che dovrebbero vendere gli stessi prodotti con nomi diversi o modificare convenzioni di denominazione. "Gli standard proposti dalla Commissione sono incompatibili con standard industriali consolidati e accettati dal punto di vista commerciale e creeranno disagi e aumenteranno la confusione sia per gli acquirenti che per i consumatori."

Gli sfidanti contestano anche la validità della scienza dietro alcuni degli standard. Ad esempio, le raccomandazioni aggiungono nuove misure di qualità, come testare i livelli di PPP e DAG. “… La comprovata scienza a supporto degli standard di test chimici IOC esistenti è molto più completa nell'identificare l'adulterazione. Limitare principalmente i test chimici PPP e DAG, non rileverà adulterazione e richiede una maggiore convalida scientifica sull'efficacia ", ha scritto John Akeson, CEO di Deoleo USA.

Sebbene eventuali standard adottati dallo stato si applichino solo ai coltivatori e ai gestori della California (che producono o gestiscono più di 5,000 galloni all'anno), alcuni vedono il potenziale per gli standard diffondersi ai produttori e agli importatori nazionali. Eryn Balch, vice presidente esecutivo del North American Olive Oil Association (NAOOA), ha attirato l'attenzione sui recenti sforzi di lobby e sui rapporti stampa che indicano che i sostenitori della norma proposta alla fine vorranno che le nuove regole si applichino a tutti gli oli d'oliva venduti sul mercato interno. "Il NAOOA non vede alcun risultato produttivo derivante dall'attuazione dello standard proposto, ma può facilmente prevedere la situazione intrusiva, onerosa e anticoncorrenziale che si tradurrebbe per la stragrande maggioranza dei fornitori di olio d'oliva, non solo in California ma in tutta la California Stati Uniti ", ha affermato Balch.

Mauro Battocchi dalla delegazione dell'Unione europea negli Stati Uniti ha fatto eco alle preoccupazioni della NAOOA dal punto di vista dell'importatore. "Mentre gli standard proposti si applicheranno solo ai produttori e ai gestori della California per un determinato quantitativo di produzione, l'UE rimane profondamente preoccupata per le possibili implicazioni per gli scambi a breve e lungo termine."

Patricia Darragh, direttore esecutivo del Consiglio dell'Olio d'oliva della California, ha affermato di essere rimasta perplessa dalle speculazioni dell'opposizione su quanto potrebbero essere diffusi gli standard proposti. La California rappresenta solo il 3% circa del consumo di petrolio degli Stati Uniti, quindi è "palesemente falso" che un obiettivo dei sostenitori sia prevenire le importazioni, ha affermato Darragh. “L'olio della California è unico - è quasi esclusivamente un prodotto premium. Gli standard sono diretti esclusivamente ai produttori californiani ".

pubblicità

Il CDFA accetterà ulteriori commenti pubblici fino alle 4:00 (PST) del 29 luglio. Il dipartimento prevede di prendere una decisione in merito alle raccomandazioni della Commissione entro 45 giorni dalla chiusura del periodo di commento. Maggiori informazioni sull'audizione CDFA e sul processo sono disponibili sul sito Web CDFA.