`USDA esamina i profili chimici degli oli d'oliva americani - Olive Oil Times

L'USDA esamina i profili chimici degli oli d'oliva americani

Febbraio 23, 2012
Curtis Cord

Notizie recenti

Un nuovo studio condotto dall'UC Davis Olive Center sotto la direzione del California Olive Oil Council (COOC) illustra la diversità chimica degli oli ottenuti dalle varietà di olive più comuni coltivate negli Stati Uniti.

Finanziata nell'ambito della sovvenzione dell'assistenza tecnica per le colture specializzate (TASC) dell'USDA, la ricerca è la seconda fase di uno studio precedente e parte di un'iniziativa in corso per stabilire i profili chimici degli oli di oliva domestici, al fine di valutare e perfezionare gli standard statunitensi e impedire le restrizioni commerciali per gli esportatori di olio d'oliva americani.

Gli standard tecnici per l'olio d'oliva stabiliti dal Consiglio oleicolo internazionale (IOC) si basano sui profili chimici degli oli d'oliva europei e nordafricani. Le caratteristiche chimiche uniche degli oli d'oliva del Nuovo Mondo possono superare determinati limiti negli standard internazionali, causando un declassamento e chiudendo potenziali mercati ai produttori americani.

Il novanta percento del consumo globale di olio d'oliva supera le coste americane.

In questo studio, progettato dalla direttrice della ricerca del UC Davis Olive Center Selina Wang, 60 oli extravergine di oliva monovarietali domestici della raccolta 2010 sono stati raccolti direttamente dai produttori da febbraio ad aprile 2011 e sottoposti a una batteria di test presso i laboratori del Stati Uniti e Australia.

In particolare, i test sono stati effettuati dall'UC Davis Olive Center, dal Blakely Laboratory, dall'Australian Oils Research Laboratory (AORL) e dal panel di esperti del COOC.

Dieci dei campioni (intorno allo 17 percento) hanno riscontrato difetti sensoriali e pertanto non sarebbero considerati extra vergini solo su tale base.

Tutti i campioni 60 hanno superato il test per gli acidi grassi liberi (FFA) con livelli inferiori al limite percentuale 0.8 sia negli standard USDA che IOC.

È stato scoperto che diversi oli testati hanno livelli di campesterolo troppo alti per il grado extravergine secondo gli standard IOC, che stabiliscono il limite al 4.0 percento, ma solo uno dei campioni 60 ha superato (e appena) il limite di campesterolo del 4.5 percento impostato negli standard 2010 USDA per l'olio di oliva e l'olio di sansa di oliva.

E mentre 10 campioni hanno fallito i test del gusto, 4 hanno fallito i test di qualità chimica (acidità, perossido e UV) e 16 hanno fallito i test di purezza (FAP, steroli, cera ed ECN 42), nessuno dei campioni ha fallito i limiti PPP e DAG adottati da l'Australian Olive Association, sollevando interrogativi, hanno detto i ricercatori, su quali dovrebbero essere i limiti se verranno considerati parte del quadro degli Stati Uniti. I risultati di PPP e DAG hanno suggerito che tutti gli oli d'oliva testati erano ragionevolmente freschi.

Sebbene la dimensione del sondaggio fosse limitata e focalizzata sui monovarietali, i risultati erano meno di una perfetta pagella per i campioni analizzati, con oltre il 25% che non era all'altezza della qualità extravergine.

Un campione non è riuscito a "cera ”che suggerisce che probabilmente era stata estratta dalla vinaccia rimanente. Quel campione ha anche fallito una serie di altri test, inclusi i pannelli sensoriali. Il dottor Wang ha rifiutato di rivelare il marchio, osservando che i produttori hanno fornito campioni di indagine con la consapevolezza che il nome del marchio sarebbe stato mantenuto riservato.

In attesa, il rapporto richiede a "razionalizzazione "dei metodi utilizzati per misurare la qualità dell'olio d'oliva, come i test PPP e DAG, e una migliore comprensione di come tali test e il tempo di conservazione influiscono sugli indicatori di qualità iniziali come l'acidità.

Con una formulazione che ricorda la recente conferenza dell'Australian Olive Association e ripetuta recentemente a Napa, Dixon e Sacramento, il rapporto si chiude con la previsione che, con un po 'più di lavoro, il "vita ”di un olio d'oliva e nuovi strumenti consentiranno agli acquirenti di olio d'oliva di prendere decisioni più informate.

Vedi anche: Immagine chimica composita dell'olio di oliva americano (UC Davis Olive Center
pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti