I produttori di Nutella difendono l'olio di palma in mezzo a preoccupazioni per la salute

Ferrero è la prima grande azienda alimentare europea a difendere l'industria dell'olio di palma in seguito alla notizia che l'olio di palma raffinato negli alimenti può causare il cancro.

Gennaio 16, 2017
Di Julie Al-Zoubi

Notizie recenti

Ferrero è la prima grande azienda alimentare europea a difendere l'industria dell'olio di palma in seguito alle notizie secondo cui l'olio di palma raffinato negli alimenti può provocare il cancro. La società italiana gestiva spot pubblicitari televisivi e pubblicava giornali a tutta pagina per rassicurare i consumatori che è sicuro mangiare Nutella, che contiene olio di palma. Altre aziende alimentari italiane hanno rimosso l'olio di palma dai loro prodotti.

L'olio di palma è stato segnalato da diverse autorità europee come potenziale rischio di cancro. L'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) ha riferito che l'olio di palma genera più contaminanti potenzialmente cancerogeni rispetto a qualsiasi altro olio vegetale se raffinato a temperature di 200 ° C (392 ° F). Anche l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha segnalato il rischio. Nessuna delle due organizzazioni ha consigliato alle persone di smettere di mangiare olio di palma. L'EFSA ha affermato che sono necessarie ulteriori ricerche per valutare il rischio.

"Fare la Nutella senza olio di palma produrrebbe un sostituto inferiore al prodotto reale; sarebbe un passo indietro ”, ha detto a Reuters Vincenzo Tapella, responsabile acquisti di Ferrero. Nello spot televisivo pro-olio di palma girato nello stabilimento Ferrero di Alba, Tapella afferma: "L'olio di palma utilizzato da Ferrero è sicuro perché proviene da frutta appena spremuta ed è lavorato a temperature controllate. ”L'olio di palma è l'ingrediente che conferisce alla Nutella la sua consistenza liscia e ne prolunga la durata.

Gli scettici hanno affermato che Ferrero, che utilizza circa 185,000 tonnellate di olio di palma (l'olio vegetale più economico al mondo) all'anno, difende l'olio di palma per motivi finanziari. È stato stimato che l'utilizzo di un olio vegetale più costoso costerebbe a Ferrero tra gli 8 ei 22 milioni di dollari all'anno. L'azienda dovrebbe sostenere ulteriori spese per cambiare la ricetta della Nutella, reperire nuovi fornitori, aggiornare i macchinari e adattare i propri processi di produzione. La Nutella rappresenta circa un quinto delle vendite totali di Ferrero.

Il rapporto dell'EFSA ha rivelato che l'olio di palma produce sostanze chimiche cancerogene chiamate esteri degli acidi grassi glicidilici (GE), quando l'olio viene raffinato a temperature di 200 gradi Celsius. Questo processo è necessario per rimuovere il colore rosso naturale dell'olio di palma e neutralizzarne l'odore. Gli studi hanno dimostrato che topi e ratti esposti ripetutamente a GE presentano un aumento dell'incidenza di tumori; scatenando la paura che l'olio di palma trattato possa comportare un aumento del rischio di cancro. L'olio di palma ha livelli particolarmente elevati di GE, sebbene lo producano anche altri oli. Il contaminante non si trova negli oli vegetali grezzi.

Ferrero ha detto Reuters che utilizzano un processo industriale che combina una temperatura appena inferiore a 200 gradi Celsius con una bassa pressione per ridurre al minimo i contaminanti. Apparentemente il processo richiede più tempo e costa circa il 20% in più rispetto alla raffinazione ad alta temperatura. Ferrero afferma che il loro processo riduce i livelli di GE a tracce appena rilevabili da strumenti scientifici.

Mentre i rappresentanti Ferrero sono fermamente convinti che la sostituzione dell'olio di palma con un altro prodotto come l'olio di girasole cambierebbe il carattere della Nutella, altre aziende italiane hanno sostituito l'olio di palma con diversi oli vegetali. Il supermercato italiano Coop ha rimosso l'olio di palma dai suoi prodotti di marca. Il più grande fornaio italiano, Barilla ha etichettato i suoi prodotti "senza olio di palma. "

Unilever e Nestlé sono tra le aziende alimentari europee che continuano a utilizzare l'olio di palma come ingrediente nei loro prodotti. Entrambe le società hanno dichiarato di monitorare il problema dei contaminanti e di lavorare con i fornitori per mantenere i livelli più bassi possibili di GE. L'olio di palma è l'olio vegetale più consumato al mondo, utilizzato in migliaia di prodotti tra cui margarina, barrette di cioccolato e gelati.

Le vendite annuali di Nutella in Italia sono diminuite di circa il 2016% fino ad agosto -. Ferrero ha accusato i prodotti concorrenti di essere promossi come senza olio di palma. Le creme simili alla Nutella che contengono olio d'oliva al posto dell'olio di palma sono prodotte da numerose aziende italiane tra cui il cioccolatiere Venchi e La Selvotta.

La pubblicità di Ferrero ha contribuito a incrementare le vendite italiane di Nutella del quattro percento da settembre, secondo Alessandro D'Ester capo di Fererro Italia. Le vendite globali di Nutella non sono state in gran parte influenzate dallo spavento.

Non è la prima volta che Nutella fa notizia. Nel 2015 Nutella è stata al centro di un battibecco diplomatico quando il ministro dell'ambiente francese Ségalène Royal ha invitato i consumatori a boicottare Nutella, sostenendo che l'uso dell'olio di palma nella Nutella ha contribuito alla deforestazione. Il suo omologo italiano Luca Galletti ha ribattuto "Lascia in pace i prodotti italiani. Per cena stasera è il pane con la Nutella. ”Royal offrì in seguito "mille scuse. "



pubblicità

Related News