`I chimici del Consiglio oleicolo lanciano l'ultima sfida alle affermazioni dello studio Davis - Olive Oil Times

I chimici del Consiglio di oliva pubblicano l'ultima sfida alle rivendicazioni di Davis Study

Ottobre 22, 2010
Olive Oil Times STAFF

Notizie recenti

DICHIARAZIONE RILASCIATA DAL GRUPPO DI ESPERTI DI CHIMICA DEL CONSIGLIO OLIVE INTERNAZIONALE SUL RAPPORTO PRODOTTO DAL CENTRO OLIVA UC DAVIS

Un rapporto pubblicato dal laboratorio UC Davis che mette in dubbio la veridicità del grado dell'olio extravergine di oliva importato negli Stati Uniti è stato pubblicato di recente su vari media. Il gruppo di esperti di chimica del CIO ha discusso questo argomento nella loro ultima riunione.

Il Gruppo è composto da chimici esperti provenienti da quasi tutti i paesi membri e non membri del CIO (Australia, Canada e Stati Uniti) e da organizzazioni internazionali (AOCS, CODEX e ISO). Lo scopo principale del gruppo è studiare i metodi di prova e rivederli quando necessario per determinare la qualità e controllare la purezza degli oli di oliva e di sansa di oliva. I metodi vengono costantemente migliorati per adattarli alle esigenze del settore e agli sviluppi tecnologici.

Gli standard del CIO vengono rivisti alla luce dei progressi scientifici che aiutano a rendere i metodi di prova più accurati o degli sviluppi tecnologici e commerciali. I loro obiettivi sono migliorare e controllare la qualità, nonché garantire la trasparenza sul mercato internazionale degli oli di oliva, degli oli di sansa di oliva e delle olive da tavola e promuoverne il consumo.

Considerando il rapporto pubblicato da UC Davis, ci sono diversi punti che questo gruppo di esperti desidera chiarire.

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

I risultati riportati sono solo per 52 campioni di 19 marchi. Questo non è statisticamente significativo per l'olio d'oliva importato negli USA, perché i campioni scambiati in tre città della California non sono rappresentativi dell'intero mercato dell'olio d'oliva negli USA; Pertanto, l'affermazione che mette in dubbio la veridicità del grado dell'olio extravergine di oliva importato negli USA non è realistica.

Non ci sono dettagli sulle condizioni di conservazione durante la spedizione o il momento del test. Senza queste informazioni è impossibile considerare affidabili i risultati. Inoltre, le raccomandazioni riportate sulle etichette dei prodotti indicano che gli oli devono essere conservati in un luogo fresco e asciutto e non devono essere esposti alla luce diretta per rispettare la classificazione di grado assegnata durante la loro durata di conservazione. Non sappiamo se il mancato rispetto degli standard sia dovuto alle caratteristiche originarie degli oli o alle condizioni di conservazione durante la negoziazione.

Lo standard commerciale del CIO è sotto la supervisione costante del gruppo di esperti di chimica del CIO e contiene tutti i metodi necessari per valutare la qualità e la purezza dell'olio d'oliva. Non è stato quindi necessario applicare i metodi non ufficiali citati nella relazione.

La maggior parte dei campioni è stata classificata erroneamente dall'analisi sensoriale. È stato utilizzato il metodo ufficiale del CIO, ma non è stato applicato secondo la procedura standardizzata descritta nel metodo. Quando il voto assegnato dall'analisi sensoriale non corrisponde al voto indicato sulla classificazione dell'etichetta, la procedura richiede che una seconda analisi venga eseguita da un altro panel riconosciuto dal CIO. Questo non è stato fatto nello studio UC Davis.

Lo studio UC Davis pone un'enfasi particolare sull'applicazione di metodi non ufficiali e dà l'impressione che i metodi del CIO non siano sufficienti per valutare la qualità e la purezza dell'olio d'oliva. Vorremmo sottolineare che alcuni dei metodi utilizzati in questo studio non sono metodi IOC, anche se sono disponibili metodi IOC (polifenoli e TAG) per valutare gli stessi parametri.

È anche importante sottolineare che il CIO dispone di un metodo ufficiale per rilevare oli di bassa qualità o l'aggiunta di oli raffinati morbidi ottenuti da oli di bassa qualità (esteri alchilici di acidi grassi). Invece, lo studio ha utilizzato metodi non ufficiali, - DAGs - e pirofeofitina - che erano già stati studiati dal gruppo di esperti di chimica del CIO, che ha concluso che l'ambito di questi metodi non poteva includere la valutazione della qualità e della purezza dell'olio d'oliva perché questi composti cambiano dinamicamente durante la durata di conservazione dell'olio.

In questo contesto, il rapporto UC Davis afferma che agli oli è stato aggiunto olio raffinato a buon mercato; tuttavia, tutti i parametri (stigmastadieni e composizione degli steroli) che rilevano l'aggiunta di questo tipo di olio erano nei limiti. Di conseguenza, non possono concludere che siano stati aggiunti oli raffinati.

Come gruppo di esperti di chimica del CIO, siamo molto preoccupati per le raccomandazioni finali dello studio che sostengono l'implementazione di metodi che non hanno dimostrato di avere alcuna relazione con la qualità o la purezza degli oli d'oliva.

Il Gruppo desidera concludere dicendo che è pronto e disponibile a discutere qualsiasi nuovo input per garantire la qualità e l'autenticità dell'olio d'oliva.

Madrid (Spagna), 8 ottobre 2010

Ariel Pablo Buedo Lab. Molinos Río de la Plata (ARGENTINA); Hipólito García Toledo Lab. Agroalimentario Granada (ESPAÑA); José Ramón García Hierro Lab. Arbitral Agroalimentario Madrid (ESPAÑA); Arturo Cert Ventula Instituto de la Grasa Sevilla (ESPAÑA); Wenceslao Moreda Instituto de la Grasa Sevilla (ESPAÑA); Mª del Mar García González Lab. Central de Aduanas Madrid (ESPAÑA); Hermenegildo Cobo Martínez Lab. del SOIVRE Sevilla (ESPAÑA); Michel Blanc EXPERAGRO Saint-Cloud (FRANCIA); Denis Ollivier SCL - Lab. de Marseille (FRANCIA); Laboratorio Efstathia Kremmida-Christopoulou. Controllo tecnico per la protezione dei consumatori Atene (GRECIA); Effrosyni-Aikaterini Doumeni General Chemical State Laboratory Atene (GRECIA); Lanfranco Conte Università di Udine (ITALIA); Luciana Di Giacinto CRA - Centro di Ricerca per l'Olivicoltura e l'Industria Olearia Pescara (ITALIA); Fabrizio Apruzzese Direzione Centrale per l'Analisi Merceologica e per lo Sviluppo dei Laboratori Chimici Roma (ITALIA); Maurizio Servili Università degli Studi di Perugia (ITALIA); Angelo Faberi Laboratorio Centrale di Roma (ITALIA); Maria Celeste Gomes Autoridade de Segurança Alimentar e Económica Lisboa (PORTOGALLO); Ana Helena Alegre Instituto Superior de Agronomia Lisboa (PORTOGALLO); Università Bojan Butinar di Primorska, Izola (SLOVENIA); Mounir Fahmy Khalil Agricultural Research Center Giza (EGITTO); Rabiei Zohreh University of Shahid Beheshti Evin-Tehran (IRAN); Zohar Kerem Hebrew University Rehovot (ISRAELE); Rafat Abdul-Munem Nimer Ahmad Centro di chimica industriale della Royal Scientif Society Amman (GIORDANIA); Nadia Maata Lab. Officiel d'Analyses et de Recherches Chimiques; Casablanca (MAROC); Zakwan Bido Olive Oil Laboratories GCSAR Idleb (SIRIA); Kamel Ben Ammar Lab. de l'Office National de l'Huile Tunis (TUNISIE); Ümmühan Tibet Olive and Olive Oil Council of Turkey - UZZK (TURCHIA)



Related News

Feedback / suggerimenti