` Olive Council ripensa a 57 anni dalla fondazione - Olive Oil Times

Il Consiglio dell'olivo ripensa a 57 anni dalla fondazione

Gennaio 14, 2016
Gaynor Selby

Notizie recenti

Il Consiglio internazionale dell'olio d'oliva è stato istituito nella capitale spagnola di Madrid in 1959 e ha coinvolto governi di nazioni europee tra cui Francia, Grecia, Belgio, Portogallo, Spagna, Regno Unito e, al di fuori dell'UE, Libia, Israele, Tunisia e Marocco.

"Sono trascorsi cinquantasette anni ", ha affermato il Consiglio oleicolo internazionale (CIO), da allora ribattezzato notiziario questa settimana, "e il sesto Accordo internazionale, noto come Accordo del 2015, entrerà in vigore il 1 ° gennaio 2017. "

Fin dalla sua istituzione, il CIO ha fatto tutto il possibile per cercare di migliorare la qualità dell'olio d'oliva e sensibilizzare l'industria e il pubblico sull'importanza della qualità.- Consiglio oleicolo internazionale

"Questo nuovo accordo consentirà al CIO di proseguire rapidamente contribuendo a realizzare uno sviluppo armonioso e duraturo del mondo dei settori dell'olivo e dell'olio d'oliva.

La dichiarazione afferma che la nuova carta affronta una denuncia comune secondo cui le azioni di voto dei membri del CIO sono concentrate tra i grandi produttori. "Diverse caratteristiche contraddistinguono questo accordo dai suoi predecessori, ad esempio facilita la partecipazione dei paesi importatori e la sua formula modificata per il calcolo delle quote di partecipazione come incentivo per i paesi consumatori ad aderire ". Gli Stati Uniti non sono membri del CIO.

Il CIO ha affermato che il nuovo accordo riaffermerà il suo ruolo di "World Document Center ”e canale per la trasmissione di informazioni per l'industria.

"Si concentra inoltre su standard nazionali e internazionali per le caratteristiche fisico-chimiche e organolettiche di oli di oliva, oli di sansa di oliva e olive da tavola volte a prevenire le barriere commerciali e garantire la qualità ", ha aggiunto il CIO.

Come parte del nuovo accordo, secondo il Consiglio, ci sarà una rinnovata enfasi sulla qualità, una caratteristica fondamentale della carta del CIO. L'organizzazione intergovernativa continuerà a essere coinvolta nella sensibilizzazione alla qualità dell'olio d'oliva, offrendo corsi di formazione negli oliveti, nei frantoi e su progetti di ricerca e sviluppo volti a migliorare le pratiche e i programmi di controllo della qualità nei mercati di importazione.

"Al giorno d'oggi la qualità è decisamente anni luce avanti rispetto a quella di un tempo ed è diventata un fattore chiave nello sviluppo del settore ”, ha affermato il CIO.

Guardando indietro nel tempo

Attualmente ci sono membri 17 del COI che producono il 97 percento dell'olio d'oliva mondiale e rappresentano il 96 percento delle esportazioni. I membri sono; Albania, Algeria, Argentina, Unione Europea, Egitto, Iran, Iraq, Israele, Giordania, Libano, Libia, Marocco, Montenegro, Siria, Tunisia, Turchia e Uruguay.

Dall'inizio del CIO, la produzione globale di olio d'oliva è quasi triplicata da un milione di tonnellate nel 1958/59 a poco meno di tre milioni nel 2015/16. L'aumento nel corso degli anni non è stato uniforme e spesso fluttuato a seconda delle condizioni del mercato, del volume e della qualità delle produzioni vegetali, delle condizioni meteorologiche e così via.

Fino alla metà degli anni '1990 la produzione era aumentata lentamente e poi si è stabilizzata per tre anni consecutivi a circa 1,800,000 tonnellate. Prima di allora, c'erano diversi raccolti paraurti nei primi anni '1960 e ciò che il CIO ha descritto come "un anno "nel 1981/82.

La produzione è aumentata di nuovo nel 1996/97 quando ha raggiunto per la prima volta i 2.5 milioni di tonnellate. Da lì, la produzione ha continuato a crescere, raggiungendo infine i 3 milioni di tonnellate nel 2003/04, 2004/05 e 2010/11 e raggiungendo il massimo storico con 3.3. milioni di tonnellate nel 2013/14.

La produzione ha oscillato avanti e indietro molto più bruscamente negli ultimi cinque anni di raccolto, da massimi di 3.3 milioni di tonnellate nel 2013/14 a un minimo di 2.4 milioni di tonnellate nel 2012/13 e 2014/15.

"Queste grandi oscillazioni non sono dovute solo al modello off-on degli ulivi. Altre cause sono condizioni meteorologiche avverse - forti piogge in alcune aree e temperature molto alte in altre - e numerosi problemi di malattia in alcuni paesi produttori. "



Related News

Feedback / suggerimenti